I figli si lasciano e due famiglie albanesi litigano a colpi di mazze e coltelli

16

Il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Desenzano del Garda ha indagato in stato di libertà nove cittadini di origine albanese, di cui sei uomini e tre donne, appartenenti a due distinte famiglie residenti una a Brescia e l’altra a Desenzano del Garda.

La sera di martedì 27 ottobre alcuni componenti della famiglia residente a Brescia si sono presentati davanti all’abitazione dei connazionali abitanti a Desenzano rivendicando un credito originato dalla rottura del legame sentimentale tra un giovane appartenente alla prima con una giovane donna della seconda.

Fino a qualche settimana prima tra le due famiglie vi erano ottimi rapporti successivamente peggiorati a seguito della rottura del fidanzamento tra la coppia.

La sera di martedì la situazione è degenerata e le due famiglie sono arrivate allo scontro.

Ne è nata una lite violenta nella quale sono volati calci e pugni e qualcuno ha persino tirato i coltelli.

Quattro i feriti tra i famigliari residenti a Desenzano, per i quali è stato necessario un controllo all’ospedale del comune.

Prima dell’arrivo delle volanti del Commissariato allertate dalle numerose telefonate giunte sul numero di emergenza, i componenti della famiglia residente a Brescia sono riusciti ad allontanarsi dalla zona a bordo di un’auto.

Le immediate indagini svolte hanno permesso però di ricostruire quanto accaduto e rintracciare i fuggitivi, due dei quali si trovavano al pronto soccorso dell’ospedale Civile di Brescia con delle ferite provocate da armi da taglio e oggetti contundenti.

Nelle perquisizioni effettuate nelle abitazioni dei due nuclei famigliari è stata rinvenuta una mazza da baseball con evidenti tracce di sangue, probabilmente appartenente a qualcuno del clan rivale.

Complessivamente ben sei, tra uomini e donne dei due nuclei rivali, hanno lesioni giudicate guaribili dagli 8 ai 10 giorni per varie cause (trauma cranico, contusioni, ferite lacerocontuse, ecc).

Due donne della famiglia residente a Desenzano sono state ricoveratee trattenute in osservazione. Tutti, di età compresa dai 17 ai 55 anni, sono stati indagati dalla Procura della Repubblica per rissa aggravata.

Comments

comments

16 COMMENTS

  1. è gente evoluta, mi sembra di capire. i figli si lasciano e perchè l’uno dovrebe qualcosa all’altro? per risarcimento morale del danno psicologico subito?

  2. Sono evoluti come quel bresciano che ieri in un bar ha pestato a sangue la sua ex. O quell’altro che ha sparato in liguria alla ragazza bresciana.

  3. DIRANNO SICURAMENTE IL ROM!! Come dice Salvini…."Non ci sto a capendo più un cazzo!! …. Abbiamo meno diritti noi nel nostro paese !! Continuando a fare i buonisti con gente che non scappa nemmeno dalla guerra ci ritroviamo nella situazione attuale …bello………… ………..

  4. Abbiamo già tanta delinquenza nostra, forze dell’ordine poche, come si fa a dire accogliamo ancora che, si sa, tra i tanti bravi ce ne sono anche di non bravi. Quindi le risorse già scarse tocca ancora ripartirle con questi e noi non siamo sicuri. Bella ricchezza che portano….

  5. Pakistani poco tempo fa, albanesi questa volta: da loro le dispute famigliari si risolvono a botte e coltellate. Ce ne faremmo tutti una ragione se ogni volta non impegnassero le forze dell’ordine prima e le strutture sanitarie dopo con relativi costi a carico della comunità indigena, cioè italiana, cioè tutti noi.

  6. Vallo a spiegare ai cultori dell’accoglienza. Guarda caso non calcolano mai i costi (enormi) per la nostra società di una politica così scellerata. Sono una risorsa…. Sì da sfruttare come badanti o in lavori sottopagati, cioè schiavitù per i benpensanti che hanno il posto fisso, non rischiano niente e ti fanno anche la morale dicendo di aiutarli per una cicca di tabacco!

  7. Ogni occasione é buona per i razzisti per sfogare il loro odio. Mai visto un commento positivo verso gli immigrati, anche quelli che lavorano e pagano le tasse.

  8. Si parla di sinistri, ma dimentichiamo che la Chiesa si sta autorevolmente e non poco spendendo per la causa del’integrazione dei migranti. Domenica il Papa, all’Angelus in Piazza S.Pietro, ha trattato nei minimi dettagli l’argomento invitando all’accoglienza di chi fugge dal disagio fisico e sociale, usando importanti citazioni dalle sacre scritture. E quindi se sei cattolico, ti adegui e stai zitto.

LEAVE A REPLY