Qualificazioni Paralimpiadi 2016, il successo tricolore parla bresciano

0
Bsnews whatsapp

Un piccolo successo tricolore che parla bresciano al Meeting di Stoccolma: dal 28 al 30 ottobre scorso l’importante evento natatorio, valido per le qualificazioni alle paralimpiadi di Rio 2016, ha visto in piscina due atleti della Polisportiva bresciana No frontiere.

 

Per la prima, Arjola Trimi, non c’è bisogno di presentazioni:  ventottenne campionessa del mondo nei 100 stile, in forza dell’oro  conquistato nei 50 dorso ai mondiali di Glasgow, è già di diritto nel  team italiano che il prossimo settembre affronterà l’impegno olimpico  in terra brasiliana. Già prima della gara, raggiunta telefonicamente,  aveva parlato dell’agone svedese come di “Un’occasione comunque  importante per testare la mia forma proprio in previsione dell’anno  che condurrà a Rio. Ancora non so se gareggerò nei campionati  invernali di Napoli, ma in questa e nell’acqua del prossimo Meeting  bresciano, intendo di certo valutare il mio stato”. E se proprio di  forma si deve parlare, i tempi di Stoccolma promettono più che bene:  1’,36’’ nei 100 stile e 3’, 20’’ nei 200.

Secondo motivo d’orgoglio bresciano è il trentaseienne Efrem Morelli  che, a Stoccolma, gareggiava nello stile libero, dorso, delfino e  rana. “E’ la prima gara stagionale ed è molto utile per ‘rodare il  motore’ – ha spiegato l’atleta -. La stagione certo è lunga, ma  proprio per questo è giusto iniziarla calibrando bene la preparazione.  Quella di Stoccolma è una competizione che ti mette di fronte a  nuotatori capaci, e questo stimola la voglia di fare bene. In più – ha  scherzato – ci sono splendide ragazze, che male non fa. Tornato in  Italia, mi aspetterà il Meeting di Brescia: la gara di casa ma anche un evento fondamentale per avere i numeri necessari a salire  sull’aereo in direzione Rio”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI