Polemica mostra Chagall-Fo, Castelletti risponde: solo sgradevoli insinuazioni

0

“Solo basse insinuazioni”. Questa, in sintesi, la risposta che l’assessore alla Cultura del Comune di Brescia, Laura Castelletti, ha affidato a Bresciaoggi circa le polemiche sollevate da Piattaforma Civica circa la decisione di Brescia Musei di allestire una mostra su Chagall-Fo.

Diverse le accuse mosse dalla Civica guidata da Francesco Onofri: dal fatto che sia la copia minore della retrospettiva su Chagall appena conclusa a Milano, al “no” all’offerta di Marco Goldin motivato con la volontà di valorizzare il patrimonio bresciano, fino all’insinuato rapporto di favore che legherebbe il direttore di Brescia Musei Luigi Di Corato alla Giunti editore di Siena, il cui consigliere delegato, Filippo Zevi, sarebbe molto amico della famiglia Chagall.

Accuse che la Castelletti rimanda al mittente, a partire dalla recente mostra milanese: “Se è una sorta di cameo, di piccola mostra dedicata all’artista russo, non capisco perchè chi scrive sul portale di Piattaforma Civica si dilunghi a criticare la nostra scelta di fare una grande mostra. O è una grande mostra o non lo è. Noi non abbiamo messo etichette: se è grande o piccola decideranno i visitatori”.

Per quanto riguarda il rifiuto dell’offerta di Goldin, invece, l’assessore rivendica l’autonomia delle scelte di Brescia Musei: “Si è rifiutata una mostra pre cofenzionata con opera di Chagall affiancati ad artisti predefiniti, si è progettato invece, mi riferisco allo staff di Brescia Musei, un’esposizione di opere

dell’artista russo, specificamente individuate, da affiancare alla reinterpretazione pittorica e di scrittura teatrale del Nobel Dario Fo.

Sulla questione Giunti-Di Corato, l’assessore alla Cultura, dopo aver definito la polemica “una sgradevole insinuazione” , ha spiegato: “I due non hanno mai lavorato insieme durante il periodo senese, si dimostri il contrario. E i cataloghi di “Roma e le genti del Pò” non è vero che sarebbero in gran parte invenduti, al contrario sono esauriti. Chiedere per verificare”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Che dire? La risposta alle contestazioni e’ alquanto debole! Quale mente ha partorito l’accoppiata Chagall-Fo? Che ragion d’essere ha un simile azzardo?

LEAVE A REPLY