Le corsie di pediatria del Civile si riempiono di arte e musica

0

Per l’undicesimo anno, dalla firma della Convenzione, si ripete la speciale occasione di animare i corridoi di alcuni reparti pediatrici con le opere originali realizzate da bambine e bambini del mondo, di cui Fondazione PInAC possiede oltre 7200 lavori provenienti da 70 Paesi.

 

La mostra MUSICA MAESTRO! sarà allestita nei reparti pediatrici di Radiologia, Maxillo, Otorino, Ortopedia a cura della Fondazione PInAC, in collaborazione con gli Spedali Civili, in particolare con l’Ospedale pediatrico.

Per i piccoli ricoverati arrivano degli splendidi disegni ‘che suonano e danzano’ da parte delle bambine e dei bambini, ragazze e ragazzi di Perù, Kenia, Polonia e Romania, del Brasile e del Regno Unito, della Danimarca e della Russia, della Repubblica Ceca e dell’Italia, dall’Alto Adige alla Sardegna.

MUSICA MAESTRO!  Ritmi, danze voci e feste è costituita da 40 opere di giovanissimi e giovani autori e autrici dai 5 ai 16 anni, propone un ascolto visivo e le opere esposte suoneranno tutte contemporaneamente nello spazio dei corridoi dei reparti pediatrici coinvolti: ogni brano visivo si accorda armonico nella relazione che l’osservatore bambino o adulto  attraversa personalmente,  trovando un tempo e un suono personali.

Il colore dei quadri esposti che appare più evidente è quello della festa: come sagra paesana o momento religioso, come espressione domestica o piccolo intrattenimento, sempre come  momento di energia vitale vissuto con gli altri.

In ospedale la festa è lontana, molto lontana, ma MUSICA MAESTRO!  prova a farne riecheggiare qualche nota per portare un piccolo sollievo, strappare un sorriso. E’ la festa di quando la banda suona: con gli ottoni  e i fiati e la gran cassa, mentre sfilano le majorettes. Nella festa di paese è la banda,  fra ali di folla, che seduce anche col fascino della divisa.

E’  festa  quando basta un microfono, una chitarra o un complessino di periferia, un’aia o uno slargo attorno al fuoco e la voglia di danzare;  festa come sinfonia  degli strumenti più diversi a partire dal battito del cuore e dalla voce, le mani e i piedi. E poi le zucche svuotate, forbici  e conchiglie,  i tamburi rituali, charangos e chitarre elettriche. Ospedale in festa con la musica suonata dai disegni dei piccoli autori di PInAC.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome