Mottinelli (Broletto), con la Carta per la montagna un patto per sostenere le “terre alte”

0
Bsnews whatsapp

Una carta per tutelare, sostenere e promuovere il valore della montagna “come riserva preziosa di biodiversità e di interesse globale”. Questo il primo impegno che si propone la “Carta di Milano per la Montagna” il documento presentato per la montagna a chiusura di Expo.

 

Il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, nonché Presidente della Commissione Montagna dell’ANCI interviene in merito sottolineando che “nella Carta di Milano per Expo si fa riferimento a foreste e mare, a agricoltura e patrimonio rurale, ma non vi è alcun riferimento alla popolazione che abita e lavora nelle Terre Alte e al suo indispensabile ruolo nell’alimentazione del Pianeta”.

Da qui dunque l’elaborazione della “Carta di Milano per la Montagna” che andrà alle Nazioni Unite in allegato alla Carta di Milano come contributo alle riflessioni sul tema dello sviluppo sostenibile.

“Il territorio bresciano è composto da valli e da montagne – ha proseguito il Presidente Mottinelli – le cinque Comunità Montane presenti sono fondamentali per coordinare i Comuni più svantaggiati che, attraverso la presenza di questi Enti, hanno un punto di riferimento e non restano isolati con i loro problemi e le loro esigenze”.

La Carta della Montagna è stata presentata e sottoscritta dal mondo della montagna regionale, Comunità montane lombarde e CAI. Il Presidente Mottinelli, da sempre sensibile alle tematiche che riguardano la montagna, da sempre attivo e radicato sul territorio per portare avanti le istanze che arrivano dallo stesso, confida nel fatto che la Carta si dimostri un importante strumento per impegnare Governi, Istituzioni e organizzazioni internazionali a promuovere un patto globale riguardo le strategie alimentari urbane e rurali, al cibo sano e nutriente.

“Un patto – ha concluso il Presidente Mottinelli – che possa garantire pari opportunità tra chi vive la montagna e chi vive la pianura; un patto che valorizzi le Terre Alte e chi le abita”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI