Condannato per truffa, sequestra il figlio e scappa in Italia: arrestato a Desenzano

0

Un cittadino tedesco, 55enne sottoposto a mandato di Arresto Europeo (M.A.E.), emesso dall’Autorità Giudiziaria Germanica, perché condannato a 2 anni di reclusione per truffa, è stato arrestato dalla polizia di Desenzano.  

La vicenda ha avuto inizio con la segnalazione da parte del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (INTERPOL) della presenza dell’uomo a Desenzano con il figlio 20enne sofferente di una grave forma di autismo, anch’egli ricercato come persona scomparsa in quanto il padre lo aveva sottratto alla madre alcuni mesi prima violando le disposizioni del  Tribunale che gli aveva revocato il diritto sul figlio.

L’indagine ha permesso di rintracciare il  luogo dove abitavano, un appartamento in un resort della zona. Le investigazioni si sono rivelate particolarmente difficili sia per il “modus di vita” riservato e prudente del latitante sia dal fatto che quest’ultimo aveva preso in affitto l’immobile da un privato alcune settimane prime senza che venisse fatta alcuna segnalazione all’Autorità.

Dopo alcuni giorni di appostamento gli agenti hanno confermato che era proprio il ricercato. Nel frattempo le Autorità di polizia tedesche avevano sollecitato un immediato intervento in quanto ritenevano, da alcuni messaggi intercettati, che  l’uomo avesse intenti suicidi e che potesse quindi porre fine anche alla vita del figlio. E’ stata quindi organizzata un’operazione rapida per catturarlo: con un “escamotage” l’uomo è stato tratto fuori dall’appartamento e immediatamente bloccato e immobilizzato. All’interno vi era il figlio che è stato affidato alle cure di esperti psicologi per il relativo supporto ed assistenza.

Il padre è stato condotto, dopo la notifica dei provvedimenti delle Autorità Germaniche, presso la casa circondariale di “Canton Mombello” in attesa dell’estradizione su cui dovrà pronunciarsi la Corte d’Appello di Brescia. Il ragazzo dopo aver trascorso una giornata in apposita struttura è stato consegnato alle Autorità tedesche attraverso funzionari giunti appositamente in Italia.

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY