Abuso d’ufficio, indagato il rettore dell’Università di Brescia Sergio Pecorelli

0
Bsnews whatsapp

Sette giorni fa la sospensione dalla carica di presidente dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) e quest’oggi il nome del rettore dell’università di Brescia, sergio Pecorelli, compare nel registro degli indagati insieme ai membri di una commissione nell’ambito di un’assunzione del personale dell’Università di Brescia.

Il reato contestato è quello di abuso d’ufficio in quanto il candidato risultato vincente nella gara, che però non risulta indagato, in passato è stata la segretaria dell’ex ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini e al momento ricopre anche il ruolo di segretaria dell’Aifa.

“Nell’ambito di un’ articolata indagine in ordine ad alcune procedure di selezione del personale dell’Università degli studi di Brescia, diretta dalla locale Procura della Repubblica, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Brescia stanno eseguendo numerose perquisizioni nei confronti di alcuni esponenti apicali dell’Ateneo, del presidente della commissione giudicatrice nominata e del candidato risultato vincitore”, ha fatto sapere la Guardia di Finanza.

Le indagini riguardano, tra l’altro, la procedura selettiva utilizzata per conferire l’incarico che aveva come oggetto “lo sviluppo e il consolidamento di relazioni pubbliche internazionali al fine di promuovere l’ampliamento geografico e istituzionale degli accordi di collaborazione finalizzati alla nuova mission dell’Ateneo e al suo progetto strategico Health&Wealth”. Il ruolo svolto dalla candidata vincitrice però sarebbe quello della segretaria e inoltre le indagini finora svolte dimostrerebbero le irregolarità nella procedura di selezione “oltre al fatto che il candidato prescelto non è stato impiegato per le finalità previste dalla procedura stessa”. In particolare, non sarebbero rispettati i requisiti previsti (alta qualificazione, autonomia ed eccezionalità) per il conferimento di incarichi a figure professionali esterne all’ente.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Bene finalmente la magistratura si occupa degli scempi clientelari nelle assunzioni della pubblica amministrazione!sper iamo che la magistratura trovi anche il tempo per verificare la vergognosa assunzione da parte del Comune di Brescia di un dirigente a tempo indeterminato senza laurea!requisito obbligatorio previsto dalla legge!il dirigente mangia quotidianamente lo stipendio alla corte di sindaco Emilio Delbono nel silenzio generale e nell’impunita’!alla facciaccia della legalità e di tutti i convegni sulla corruzione!

  2. Bene finalmente la magistratura si occupa degli scempi clientelari nelle assunzioni della pubblica amministrazione!sper iamo che la magistratura trovi anche il tempo per verificare la vergognosa assunzione da parte del Comune di Brescia di un dirigente a tempo indeterminato senza laurea!requisito obbligatorio previsto dalla legge!il dirigente mangia quotidianamente lo stipendio alla corte di sindaco Emilio Delbono nel silenzio generale e nell’impunita’!alla facciaccia della legalità e di tutti i convegni sulla corruzione!

  3. Il blog di Lorenzo cinquepalmi e giornali nazionali hanno denunciato pubblicamente lo scempio del dirigente del comune di brescia in servizio senza la laurea ma pare che la cosa non interessi a nessuno!dove è il movimento 5 stelle,dove è la magistratura dove è la corte dei conti?ma non c’è un garante della legalità al comune di brescia? Come è possibile un disprezzo della legalità così eclatante?che schifo!

  4. Il dirigente senza laurea è forse quello che dirige il settore commercio del comune di brescia fotografato con spada e abito da templare in una riunione di una fantomatica loggia massonica o giù di lì? Possibile che la magistratura non abbia ancora aperto una indagine e agito nei confronti di chi ha creato una situazione così squallida!scava scava si scoprirà che chi ha fatto quell ‘ assunzione magari è anche stato promosso. ..Da vomitare

  5. Faccio presente che l’avv.Laura Gamba (per il Movimento 5 Stelle) ha presentato a Del Bono interrogazione a risposta scritta sulla strana vicenda del dirigente citato. La risposta, nella persona dell’Assessore alle Risorse Panteghini (ufficialmente: protocollo 78502/14 del 4 luglio 2014) è paradossale. Il Comune di Brescia, nel caso il capo delle Risorse Umane, ha solo verificato che la persona (non assunta, ma trasferita in base alla mobilità fra Enti dalla Regione Lombardia) possedesse già i requisiti di ruolo (non il curriculum o i titoli…) per i quali veniva trasferito a Brescia: dirigente con contratto a tempo indeterminato. E questo signore tale ruolo ricopriva già prima in un Comune dell’hinterland bresciano. E’ questo Comune, per i “ponzio pilato” cittadini, che dovrebbe eventualmente rispondere presso la Corte dei Conti della irregolarità e del danno erariale. Capito la furbata ? Il Movimento 5 Stelle c’è, eccome. Dovrebbe solo darsi più visibilità.

  6. Non sapevo dell’interessamento della gamba!ricapitolando: un comune,non la regione,assume un baldo templare diplomato con una procedura farlocca violando la legge visto che manca la laurea che è un requisito essenziale!con la complicità di inqualificabili funzionari girano il dirigente senza laurea al comune di brescia che si difende dicendo che doveva controllare solo il possesso della qualifica e non del titolo previsto dalla legge x ricoprire quella qualifica?in che paese viviamo?ci prendiamo in giro?se compro un orologio devo verificare la provenienza o rispondo x ricettazione e questi furbetti se la cavano così? Complimenti alla giunta del bono!che etica esemplare!e intanto il baldo templare ma già il lauto stipendio pagato con le tasse dei cittadini!che schifo!

  7. Triste notizia. Sì, perchè il Prof.Pecorelli fu un bravissimo medico, quando ancora si chiamavo Primari i capi di una Divisione Ospedaliera. E non in generale, ma per le competenze specifiche acquisite anche in campo internazionale sulla terapia delle patologie neoplastiche ginecologiche. Vederlo così, come indagato in una vicenda penale non banale e prima sospeso per conflitto di interessi da Presidente dell’AIFA, ci può solo ricordare sommessamente che l’ambizione può portarci molto lontano, ma forse qualche volta…troppo lontano. Fatto salvo, ovviamente, il corso dell’eventuale iter giudiziario e magari il prosciglimento già in fase istruttoria.

  8. Perché la gamba non fa un esposto in procura e alla corte dei conti?la mancanza della laurea è un vizio insanabile e questo dirigente farlocco in servizio senza laurea al comune di brescia alla corte di del bono becca tutti i mesi un lauto stipendio senza averne titolo!inoltre tutti gli atti che firma sono annullabili o addirittura nulli!forza pentastellati, siete l’ultima chance!Non deludete!andate a fondo!è offensiva e intollerabile la risposta di quel panteGhini! Che etica!complimenti!a che amministratori abbiamo affidato la città?che schifo

  9. E due studenti universitari protestano davanti alla sede universitaria! E gli altri che fanno, stanno a guardare cosa avviene in silenzio???

  10. Secondo me Il rettore Pecorelli è una delle persone più oneste e capaci di tutto UNIBS dalla sua fondazione del 1983 e questo è soltanto una bolla di sapone .
    Comunque Ormai CI sono le elezioni . Quindi siamo in campagna elettorale ( in guerra e in amore e in elezioni tutto È permesso )
    Due nomi importanti si fronteggiano uno viene dal università della regione CALABRIA proviene da una formazione giuridica molto legata al potere delle forze del ordine ( basta guardare il suo curriculum vitae ) altro è un importante uomo INDIPENDENTE di capacità intellettuali e mediche invidiato e stimato da tutto il mondo . Spero vivamente che il secondo possa essere eletto . Brescia secondo me ha bisogno oggi di eleggere un rettore che ha fatto parte della fondazione del unibs fin dal inizio e non di persone che vengono dal esterno .

  11. Ai corvi che sperano di vedere Pecorelli cadere dico solo di attendere, vedremo se questa è una accusa che regge o come quasi sempre l’ultimo errore di una serie di errori GRAVI della nostra strapagata e strapotente magistratura. Ricordiamoci sempre Tortora gettato nel fango per nulla e morto a causa non di un errore ma di un continuo perseguire teoremi sbagliati. Al rettore, che si è guadagnato stima e rispetto all’estero prima che in Italia, tutta la mia stima e solidarietà.

  12. Addirittura l’evocazione del caso Tortora per il Prof.Pecorelli. Qui non c’è un faslo pentito, un presunto delatore, un ipotetico sviatore di indagine. Ci sono dei fatti e non dei teoremi. Proprio perchè tutti stimiamo Pecorelli come illustre medico, quello doveva continuare a fare e tenere lontana la legittima ambizione personale dalle strade tortuose della politica che per nulla gli appartennero. O no ?

RISPONDI