Un bresciano a capo delle Ferrovie dello Stato: inizia l’era Mazzoncini

3

Un bresciano a capo delle Ferrovie dello Stato: lui è Renato Mazzoncini, 47 anni, e nuovo amministratore delegato dell’azienda di trasporti. Laureato in ingegneria elettrotecnica al Politecnico di Milano, dopo essere stato in Ansaldo Trasporti e aver ricoperto incarichi in cda di varie aziende di tp, Mazzoncini, arriva nel gruppo Fs nel maggio del 2012 con l’avvio della joint venture tra Fs e il gruppo Ranza per lo sviluppo delle rispettive società controllate, Busitalia e Autoguidovie. Poi la privatizzazione dell’Ataf, l’azienda di trasporto pubblico locale fiorentina, operazione che vedrà il passaggio del pacchetto di maggioranza dal Comune alla controllata di Fs. Dal primo dicembre 2012 Busitalia-Sita Nord gestisce, con Cap (Cooperativa Autotrasporti Pratese) e Autoguidovie, il trasporto pubblico nella città di Firenze attraverso la società Ataf Gestioni s.r.l. (70% Busitalia, 25% Cap e 5% Autoguidovie).

Dalla sua prima uscita pubblica come ad, a Roma, ha messo in chiaro il percorso da intraprendere e posto qualche freno sul processo di privatizzazione:" il termine privatizzazione non mi piace. Da ora in poi mi piacerebbe che si parlasse solo di quotazione. – ha detto, aggiungendo poi che – "non c’è un obbligo perentorio di completare la quotazione nel 2016. La quotazione non può essere il nostro fine, non è il fine del nostro mandato, ma è il mezzo per rendere più robusta la nostra azienda".

Mazzoncini, da cittadino della Leonessa, un occhio sui trasporti cittadini lo ha già messo: come scrive il Bresciaoggi sembra che il nuovo ad Fs abbia già discusso con Del Bono per un possibile ampliamento della rete metropolitana cittadina "con la creazione di una vero e proprio snodo a stella che, passando per gli assi da Rovato a Desenzano e da Iseo a Parma e Cremona, dia vita a una rete di trasporto su ferro davvero unica. Mi piacerebbe – spiega – poter dare il mio contributo per disegnare un’architettura infrastrutturale che la renda Brescia più competitiva, più verde e più a misura d’uomo". Un’opinione ce l’ha anche sulla Tav e sul tanto discusso snodo tra Brescia, come vuole il sindaco, e Montichiari, ritenendo, riporta il quotidiano "che non sia possibile sviluppare dei servizi tra Milano e Brescia sostenibili dal punto di vista del mercato saltando Brescia. Credo che prevedere la stazione a Montichiari sarebbe un’opera con un costo enorme e un effetto deprimente dal punto di vista commerciale".

Comments

comments

3 Commenti

  1. Bresciano sì, ma pure in quota renziana. E tutto si può dire meno che Renzi non si ricordi, premiandoli, quanti via via incrocia nella sua breve, ma folgorante carriera politica. In quanto a Brescia, l’ipotesi di uno snodo ferroviario che saldi tutte le direttrici, in particolare est-ovest da Rovato a Desenzano, è un’ottima idea, ovvia pensando al percorso attuale del Metrobus. Servono però miliardi di euro, cosa non secondaria di questi tempi.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome