Sicurezza in città: bilancio in chiaroscuro. Meno furti in casa, più in negozio

0

(e.bentivoglio) Diminuiscono i reati in generale (-7,82%), compresi i furti in appartamento (- 6,02%), ma aumentano i furti negli esercizi commerciali (+6,81%), le rapine in banca e negli uffici postali (+150%) e le denunce per spaccio di droga (+16,30%). Questi i dati emersi nell’incontro con la stampa che si è tenuto questa mattina nella sede cittadina della Prefettura e che ha visto protagonisti il prefetto Valerio Valenti, il questore Esposito, il sindaco Emilio Del Bono e i rappresentanti delle principali forze dell’ordine, carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale, che hanno dato conto di “un’azione misurata, concreta, costante e combinata capace di realizzare ciò che ci eravamo fissati durante la commissione speciale sulla sicurezza della stazione del 3 settembre scorso – ha chiarito il prefetto – vale a dire: la chiusura notturna della porta d’accesso alla Stazione, la chiusura dei 6 accessi carrai alla stessa, la creazione del cancello di chiusura alla stazione sul lato di via Sostegno, il collegamento delle 16 telecamere presenti in stazione con la centrale operativa interforze, l’allontanamento da parte di Trenord dei vagoni che sostavano sui binari durante la notte e che diventavano rifugio per i senzatetto e, infine, l’individuazione di un ufficio sul primo binario da affidare ai servizi sociali del Comune di Brescia per intervenire sui casi di disagio”.

A ciò si aggiunge il lavoro degli oltre 80 uomini, tra poliziotti, carabinieri, finanzieri, e forze speciali anticrimine (5 pattuglie fisse da Milano) che quotidianamente in questi mesi hanno pattugliato la zona della stazione e le altrettanto problematiche via Milano e via Vallecamonica.

“Si è trattato di una collaborazione efficace e non scontata, dove le forze dell’ordine hanno condiviso il metodo di lavoro – ha spiegato soddisfatto il sindaco Del Bono che però ha chiarito -. Non vuol dire che siamo riusciti a debellare le situazioni critiche che fisiologicamente soffrono queste zone, ma abbiamo fatto in modo che i reati diminuissero e che la popolazione bresciana percepisse un maggior senso di sicurezza”.

STAZIONE – La situazione della zona è migliorata rispetto all’inizio dell’estate dove l’emergenza senzatetto aveva raggiunto numeri preoccupanti. “Ora ne restano ancora poche unità presenti – ha fatto sapere Del Bono – mentre gli altri sono stati accompagnati nei vari dormitori presenti in città”. Con la creazione dell’ufficio dei servizi sociali sul primo binario, le cui chiavi sono state consegnate oggi al Comune da Trenord, si farà fronte anche alle emergenze sociali presenti nella zona. Sulla scrivania del sindaco è già pronta un’ordinanza per vietare la vendita di alcolici negli esercizi commerciali intorno alla stazione, “che firmerò solo nel momento in cui la situazione dovesse richiederlo e per ora non è stato così”.

VIA VALLECAMONICA/VIA MILANO – Dopo il duplice omicidio dei coniugi Serramondi, la zona è diventata un’osservata speciale da parte delle forze dell’ordine, cosa che ha permesso ai residenti di avere una maggiore percezione di sicurezza. Permangono i problemi legati allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare di cocaina, “ma per fermare il fenomeno – le cui denunce nel 2015 sono aumentate del 16% – serve fermare la domanda, che invece risulta sempre crescente vanificando gli sforzi delle forze dell’ordine”.

Tra le prossime azioni annunciate dal prefetto anche la collaborazione con la Camera di Commercio per l’installazione di telecamere di sicurezza negli esercizi commerciali da “collegare alla centrale operativa interforze”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. la domanda di droga ci sarà sempre e sarà sempre in aumento. lo capite di non spendere i soldi per fermarla? vincono sempre loro e noi contribuenti sprechiamo solo inutilmente dei soldi

  2. Io sono tranquillo e non capisco quelli che hanno paura di tutto. Non é vero che viviamo nel pericolo, da decenni i reati sono in calo, soprattutto quelli gravi. Poi ci sono i media e certi politici che vivono sulle paure della gente.

  3. @ tranquillo…da decenni i reati sono in calo!!!quest’anno sono diminuiti del 7,82%:quanti erano dieci anni fa?eravamo oppressi da reati e non lo sapevamo.io sono tranquillo e non capisco la paura dei miei tre vicini visitati dai ladri nel mese di novembre.(i media non ne hanno parlato)

  4. che pagliacci… i dati parlano chiaro, nel carcere di brescia ci sono il 60% di stranieri… abbiamo un sindaco di sinistra che non è stupido ma non sa più come fare a nascondere la realtà, hanno finalmente iniziato a controllare il territorio ma hanno paura di dire la verità, gli immigrati sono il primo e vero problema da risolvere in questa città… per pulire e ristabilire un minimo di sicurezza in una città due anni sono pochi e le elezioni si avvicinano…
    e poi ci domandiamo perchè Salvini e Grillo crescono nei sondaggi

LEAVE A REPLY