Polveri sottili oltre i limiti, la Loggia interviene su tangenziali e accessi in città

0

Pioggia nemmeno l’ombra e polveri sottili oltre i limiti da diversi giorni: così il Comune di Brescia ha deciso di mettere in opera quattro provvedimenti, che verranno anche sottoposti a Provincia e Comuni interessati, per arginare i problemi di forte inquinamento, in particolare dalle polveri sottili.

Come riporta il Giornale di Brescia le misure riguardano naturalmente la viabilità e nello specifico si punta a diminuire la velocità in tangenziale Sud, fra i caselli di Brescia Ovest e Centro, dai 110 ai 90 orari, abbassamento dei limiti di velocità in autostrada da 130 a 110 orari tra Castegnato a Montichiari, divieto di accesso alla città alle auto Euro 3 diesel. L’ultimo provvedimento prevederebbe l’uso  gratuito dei mezzi pubblici di superficie per i genitori che accompagnano a scuola i minori di dieci anni.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. non fermano nemmeno gli euro 2 che circolano tranquillamente tutti gli inverni, basta vedere le auto diesel con targa che inizia per A o per B immatricolate nel 2000 per rendersi conto. adesso fermano gli euro 3…..

  2. ma la metropolitana è stata chiusa? Perché due inverni fa, quando a febbraio piovve 20 giorni su 28, e gli altri mesi non fu da meno, le polveri sottili non furono un problema. Ci fu detto, basta andare a leggere i giornali, che era merito della nuova metropolitana se l’aria era migliorata. Visti i dati di oggi, sorge la domanda, Ma la Metro per caso è stata chiusa? oppure i giornali, ed i giornalisti con essi, ci riferirono una bufala?

  3. Se a Febbraio piovve 20/28gg significa che le polveri furono abbattute dalla precipitazioni, testina! Qua non piove da non so piu’ quanti giorni! Ti rendi conto? Vento zero, aria stagnante. Chiacchiera meno e prendi la metro qualche volta ciarlatano

  4. Io con la mia euro3 giro lo stesso, chissene frega, le industrie inquinano come se non ci fosse un domani e sti qua devono togliermi il diritto di usare la mia auto ? Ma no …

  5. dal tuo tono educato e pacato si capisce che sei una persona istruita che può permettersi di insultare, peccato che nonostante la tua elevate classe e livello culturale tu non riesca a cogliere l’ironia…. ti auguro serene feste e tanti viaggi con la faraonica opera ( parole del brescianissimo nuovo capo delle ferrovie italiane)che costa al comune 20 milioni di euro all’anno.

  6. Per cogliere la tua fallace ironica ci vuole una laurea ad Harvard, altro che UniBs. Ricambio gli auguri di un Santo Natale. Al Cenone…andiamo in Metro!

  7. Metro ? Per i prossimi vent’anni dobbiamo pagare 20 milioni all’anno di debiti oltre al miliardo di euro già sborsato per la costruzione. Però il trenino ormai c’è, gira mezzo vuoto, ma così è. Pensiamo invece a come liberarci dai costi di gestione e dall’indebitamento finanziario, magari ristrutturando più a lungo termine il debito, trovando accordi di partnership o locazioni con terzi gestori. Basta piangere, il tempo passa.

  8. credo che l’accenno alla metropolitana fosse solo per far emergere l’ipocrisia che c’è stata in passato. La metro c’è e ci tocca tenerla, vero così come vero è che andrebbe implementata con altri tracciati possibilmente molto meno costosi. Ma l’indebitamento è tale che purtroppo pare non si possa fare. Il punto però è che la tanto decantata capacità della metro di contenere l’inquinamento in questi giorni viene smentita, o meglio visto il suo enorme costo l’eventuale riduzione è così contenuta da non emergere alle centraline. Forse era meglio investire il miliardo di euro in un prodotto meno faraonico ma molto più esteso sul territorio, in grado di servire tutta la città e non una minoranza, così che i benefici sarebbero stati maggiori, molto maggiori. E’ tardi lo so ma serva da lezione per le prossimo decisioni.

  9. Ma chissenefrega delle polveri sottili?? Continuano ad approvare nuove cave a Ghedi, Ciliverghe, Lonato, Montichiari e dovrei guardare le polveri fini?? E quelle che spara fuori la nuova ciminiera dell’Italcementi? E lo schifo che esce dalla torre dell’inceneritore?? Ancora multe??

  10. Provvedimenti innocui sia dal punto di vista educativo e dei risultati veri e propri per riportare la città ad un contenuto minimo di avvelenamento chimico.

  11. ma sì! ma chi se ne frega dell’inquinamento dell’aria! si tratta solo della salute, mica di calcio! è sempre colpa di qualcos’altro o qualcun’altra. voi bresciani siete proprio limitati. basta che vi si lasci girare con la macchinina in centro e siete contenti, come i bambini: brum brum. dovunque si cercano misure alternative, pure in cina ormai, e qui arriva il genio che fa della bella ironia. siete fermi all’ottocento, con il centro aperto al traffico come deciso da rolfi, un inceneritore costruito in città e i mezzi pubblici semivuoti. vi meritate di essere la discarica della lombardia, cave riempite di rifiuti di ogni genere dovunque, Siti di Interesse Nazionale in città, PM10 alle stelle. L’unica cosa che sanno fare è la danza della pioggia: politica raffinatissima e lungimirante.

LEAVE A REPLY