Processo contro il presunto pusher di Ema: prima della sentenza le analisi sulla droga

0

L’esito del processo contro C.B, il giovane accusato di aver venduto ad Emanuele Ghidini la droga sintetica che lo avrebbe spinto in preda alle allucinazioni a gettarsi nel fiume Chiese nella notte del 23 novembre 2013, è legata a filo doppio all’esito delle analisi che il giudice Anna Di Martino ha affidato al professor Carlo Alessandro Locatelli.

L’incarico è quello di comparare la droga trovata nel sangue di Emanuele durante l’autopsia con quella contenuta nel francobollo sequestrato dopo la festa a cui Ema aveva partecipato prima della tragedia.

Il giovane è accusato della morte dell’allora 16enne di Gavardo come conseguenza di un altro reato: lo spaccio di sostanza stupefacente, in questo caso risultata mortale per il giovanissimo cliente. La perizia inizierà il prossimo 17 dicembre e la relazione dovrà essere consegnata entro il 16 febbraio. Due giorni più tardi l’accusato dovrà presentarsi davanti in aula per ascoltare la decisione dei giudici.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome