Al posto del dialetto scritte in arabo sui cartelli, la provocazione di Forza Nuova a Montichiari

13

“Terra di nessuno”: queste le parole utilizzate sui cartelli che, domenica 13 dicembre, i militanti bresciani di Forza Nuova hanno attaccato all’ingresso del comune di Montichiari, coprendo il cartello originale che indica l’ingresso nel paese.

I cartelli del movimento di estrema destra, sostituivano il nome del paese e la scritta in dialetto con "Terra di nessuno" e la sua riproduzione in arabo come protesta per quelli che Forza Nuova definisce i “finti-profughi” che dovrebbero essere smistati alla ex caserma Serini. Dal Governo è infatti arrivata la notizia della volontà di predisporre un “centro di smistamento” lì per i richiedenti asilo.

Comments

comments

13 COMMENTS

  1. Ennesima iniziativa notturna dei leoni di Forza Nuova…che di ‘nuovo’ poi qualcuno mi spieghera’ cosa hanno questi retrogradi reazionari!!!

  2. Ahhhhh.ahhhhhhahhhhh di notte c’è meno traffico in giro….e meno coccolaimmigrati…. ..Adesso qualcuno parlarà di “violenza fascista”….

  3. Ma non si può censurare Kebab? Perché ti intrometti facendo finta di essere chi non sei? Smettila e sii più maturo e non scrivere più ca***te…

  4. Invece di fare queste stupidate perche’ non andate a fermare il MACELLO DEGLI ORRORI di Ghedi che vi sta AVVELENANDO? Ma no, a casa propria si puo’ fare cio’ che si vuole, compreso avvelenare le carni destinate ai conterranei bresciani.

LEAVE A REPLY