Aib, l’anno della riscossa. Bonometti: puntiamo a cambiare il volto di Brescia

0
Bsnews whatsapp

(a.tortelli) “Il 2015 è stato l’anno della riscossa. E Aib ne esce rafforzata: più ascoltata e più innovativa”. Con queste parole si è aperto questa mattina – in via Cefalonia – l’intervento del presidente degli industriali bresciani Marco Bonometti nell’ambito del tradizionale appuntamento pre-natalizio con la stampa locale.

“Apprezziamo ciò che il governo ha fatto in questi anni, soprattutto per quanto riguarda il Job act”, ha spiegato, “ma non basta. La sburocratizzazione deve diventare una parola d’ordine. E trovo un affronto alla democrazia il fatto che i parlamentari non siano stati ancora in grado di eleggere tre giudici costituzionali: una certa parte della politica va riformata”.

Quanto all’andamento dell’economia bresciana, Bonometti ha sottolineato che nel 2015 la produzione industriale è cresciuta del 2 per cento, mentre le esportazioni del 4, “tornando ai livelli pre-crisi”. Anche l’occupazione è aumentata (0,8 per cento) con un balzo significativo dei contratti a tempo indeterminato (più 30 per cento, grazie soprattutto al Job Act). Complessivamente oggi Brescia vale il 10-11 per cento dell’economia lombarda e il 14 per cento della produzione industriale.

Il presidente di Aib, quindi, ha evidenziato il successo di Expo, con l’impegno del sodalizio di Orgoglio Brescia, e le importanti ricadute sull’economia della Leonessa (circa 150 milioni di euro, tra opere già fatte o avviate). A seguire, il patron di Omr ha passato in rassegna alcuni dei risultati più positivi ottenuti negli ultimi mesi, a partire dalla battaglia (vinta) per l’abolizione dell’Imu sugli impianti industriali e dal rilancio dell’aeroporto di Montichiari. “Stiamo lavorando con Camera di commercio e Abem per costruire la società”, ha sottolineato, “quella delle infrastrutture è una questione nodale per il nostro territorio: per questo abbiamo sostenuto che la Tav debba passare per Montichiari e non per Brescia”. E a chi gli ha ricordato le dichiarazioni – non proprio coincidenti – del neoad di Fs, il bresciano Renato Mazzoncini, Bonometti ha ribattuto: “Sarà il ministero dei Trasporti a decidere”.

Per quanto riguarda la Fiera, incalzato dalle domande dei giornalisti, Bonometti ha quindi spiegato che “a breve si riunirà il tavolo dei presidenti per confrontarsi e definire un percorso. Come Aib”, ha aggiunto, “vedo solo due strade: se alle aziende bresciane la fiera interessa ancora e, a differenza del passato, esiste un piano sostenibile siamo pronti a ragionare, altrimenti siamo disposti anche a vendere. Ma nel frattempo la priorità è metterla in sicurezza”.

Sul fronte interno, invece, il presidente di Aib ha evidenziato il lavoro per rendere l’associazione industriali più snella e vicina ai bisogni delle aziende, in particolare sul fronte del credito. Non a caso, ha sottolineato con orgoglio, oggi Brescia è la seconda realtà della Lombardia per numero di iscritti: 1272.

Infine il progetto BresciaPiù, che “vuole essere la sintesi di tutte le iniziative e del modo di operare del sistema-Brescia”. “Il nostro è un progetto strategico per cambiare Brescia da qui al 2030”, ha spiegato, “vogliamo cambiare il volto della città facendo in modo che ambiente ed economia convivano nel migliore dei modi. Vogliamo”, ha concluso, “occuparci dei problemi della comunità, non solo di quelli delle fabbriche”.

A chi poi – tra il serio e il faceto – ha chiesto se c’è più speranza di vedere un bresciano alla presidenza di Confindustria nazionale (diversi media indicano Bonometti tra i papabili) o la Feralpi Salò in serie B ha risposto – con un sorriso – Giuseppe Pasini, patron di Feralpi e responsabile del settore ambiente di Aib: “Magari entrambe le cose”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Quindi, caro presidente, stiamo per svendere la Fiera? sono d’accordo, inutile continuare a fare debiti per orgoglio, meglio mettere in saccoccia qualche miliardo e non pensarci più.

  2. Ho 54 anni quindi nel 2030 dovrei arrivarci per vedere il cambiamento di Bonometti per Brescia. Sono curioso e resto alla finestra. Spero di non vederla crollare

  3. Bonometti, un imprenditore profondamente di destra che si dichiara profondamente contento di Renzi e del suo operato. Oggi va così, e probabilmente andrà così sino al 2023 perchè è in quell’anno che Renzi ha dichiarato che, solo per sua volontà e non per espressione del consenso elettorale, non sarà più Presidente del Consiglio. Nnamo bbene, dicono a Roma…

  4. Veramente a cambiare il volto di Brescia ci ha pensato l’inquinamento. Vediamo cos’hanno da dire in proposito i nostri industriali.

  5. Ovvio che i padroni sono contenti del loro governo e altrettanto ovvio che lo dichiarino apertamente: Statuto dei Lavoratori rottamato, sconti contributivi mai visti (poi ci diranno che abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e non ci sono i soldi per le pensioni), licenziamenti arbitrari liberi e gratuiti… Expo chiaro che è stato un successone visto che c’era gente che lavorava addirittura gratis: praticamente il Paradiso del Padrone! Per quanto riguarda “ambiente ed economia”, chiederei al boss di AIB quante aziende colpevoli conclamate di inquinamento sono state espulse dall’Associazione e quante denunce in proposito sono partite dall’AIB, visto che chi non rispetta le normative, di fatto, esercita una concorrenza sleale. E quando i mai contenti signori quando parlano di “sburocratizzazione” , cosa intendono? Facciamo come ci pare, senza regole?

  6. Ma in questo governo ci sono esponenti di sinistra? Il pd non rappresenta la sinistra? O, come sempre, si è adeguato al potere e una volta raggiunto fa peggio della destra? Che è il ragionamento tipico dei comunisti, lamentarsi quando sono poveri, quando diventano ricchi allora rinnegano tutto e sfruttano a loro volta (badanti docet)…

  7. Giusto: non esiste più la sinistra, ma nemmeno il centrosinistra. E il centrodestra è anch’esso sempre meno definibile tale. Esiste invece una grande ammucchiata di trasformisti ed opportunisti senza più bandiere e senza alcun pudore: sono i politici che tanto piacciono al rottamatore Renzi che se li coccolerà per altri due lustri. Alla faccia degli elettori, scomparsi dalla mappa della democrazia italiana.

  8. Scoperte finalmente tutte le carte, non ci rimane che rottamarli tutti alle prossime (speriamo) elezioni. Ma il nuovo cos’è? Saranno persone che poi diventeranno come loro, ne sono certo… Quindi? Il problema è a monte, alla base di questo stato non voluto e non amato da nessuno!

  9. Stato non amato e non voluto da nessuno? Per questo il nostro è il paese del ben godi, alias evasione fiscale? Io sono di sinistra,ma non mi è mai passato per l’anticamera del cervello che Renzi fosse di sinistra. Non ha mai vissuto un giorno da lavoratore dipendente con poco più di mille euro al mese!!!

  10. Non solo per questo, ma anche perchè è lo stato delle babypensioni, delle pensioni retributive con contributi insufficienti, ai regali fatti a Fiat, Alitalia, parastato come ferrovie, poste, ecc, al debito pubblico alle stelle, ai dipendenti pubblici chiaramente di sinistra e messi dai partiti, alle guerre imposte per niente, al fatto che alla fine lo stato c’è soltanto per tartassarti.

RISPONDI