Cartelli della polemica a Pontoglio, dai social il caso arriva in Parlamento

16

Il Comune di Pontoglio, in provincia di Brescia, ha affisso segnali stradali nei quali riporta, oltre all’indicazione della località, le seguenti testuali frasi “ Paese a cultura Occidentale e di profonda tradizione Cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene”. Sul caso, che tante polemiche ha generato sui social e nel mondo della politica, il deputato del Pd, Luigi Lacquaniti ha depositato, insieme ad altri 16 colleghi della Camera un’interpellanza nella quale contestano, punto per punto, la scelta del sindaco di Pontoglio.

ECCO IL TESTO DELL’INTERPELLANZA:

La nostra Costituzione sancisce all’art. 19, tra i diritti fondamentali dei cittadini, la libertà di professare “la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto”

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite all’art. 18 indica come fondamentale la “libertà di religione” e tutela “la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, e sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.

La Costituzione Italiana all’art. 16 stabilisce che “Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche.”

La libertà di circolazione e soggiorno delle persone all’interno dell’Unione europea costituisce la pietra angolare della cittadinanza dell’UE, introdotta dal trattato di Maastricht nel 1992 e regolamentata dal trattato di Schengen; Tali cartelli dunque configurano un evidente profilo di incostituzionalità e di mancato rispetto del trattato di europeo di Schengen, inoltre sono stati stampati e posizionati a carico dell’Amministrazione Comunale e quindi dei cittadini del Comune di Pontoglio, con un evidente spreco ed uso distorto di denaro pubblico per finalità illegittime.

Per questo ho depositato oggi una interpellanza al Ministero dell’Interno, per sapere quali siano le azioni, che il Governo ha intenzione di intraprendere per salvaguardare concretamente: il diritto di libertà di religione e di culto sul territorio nazionale, come sancito dagli articoli 19 della Costituzione e dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell’ONU; il diritto alla libera circolazione come previsto dall’art. 16 della Costituzione Italiana e dal trattato di Schengen; e quali politiche intenda porre in essere per evitare lo spreco di risorse pubbliche per finalità illegittime.

Il testo di cui sono primo firmatario è stato sottoscritto anche dai colleghi onorevoli Marina Berlinghieri, Micaela Campana, Marco Carra, Kalid Chaouki, Miriam Cominelli, Diego Crivellari, Giuseppe Guerini, Fabio Lavagno, Simona Malpezzi, Maino Marchi, Ileana Piazzoni, Roberto Rampi, Gessica Rostellato, Mario Sberna, Veronica Tentori, Alessandro Zan.

Comments

comments

16 COMMENTS

  1. No, no. Non sei africano, sei un bresciano rinnegato, rozzo e carico d’odio. Se continui così ti verrà uno sciopone. Naturalmente auguri (mica di Natale).

  2. Il pd non perde occasione per occuparsi di falsi problemi, come la Cgil, a scapito di quelli seri: disoccupazione, banche, debito pubblico, pensioni, jobs act, dissesto idrogeologico, profughi e clandestini ecc. Già, forse oltre che continuare a ciarlare di un episodio avvenuto in un paesino della provincia, non sono capaci di fare altro i nostri soliti sinistri…

  3. Invece di presentare un’interpellanza in parlamento su questo, perchè non presentate una proposta di legge per abrogare l’8 per mille così da non favorire nessuna religione, in uno stato laico, e far convogliare i fondi nell’ambiente, pensioni, disoccupazione, cultura, ecc. argomenti a voi tanto cari (a parole)?

  4. e infatti anche allora il pd si occupava di gettare fango sulla vita pribata del silvio invecr di aggredite i problemi seri. fa piu’ odience il pettegolezzo. le riforme meglio nn farle scontenterebbero troppi e toglierebnero privilegi allo stesso pd!

  5. e infatti anche allora il pd si occupava di gettare fango sulla vita pribata del silvio invecr di aggredite i problemi seri. fa piu’ odience il pettegolezzo. le riforme meglio nn farle scontenterebbero troppi e toglierebnero privilegi allo stesso pd!

  6. Leggete il vangelo e imparate dal pio silvio, notoriamente grande esempio per tutti i cristiani. Lui si che si occupava dei problemi seri. Infatti porto’ l’Italia sull’orlo della carastrofe.

  7. E ti pareva che il pio cattolico fervente osservatore delle parole di Francesco non fosse sinistro e odiasse il “pio” Silvio. Da bravo osservante cattolico e che ha letto e si è fatto testimone del Vangelo non fa altro che gettare fango verso il prossimo. E poi, ti ricordo che siamo ancora sull’orlo della catastrofe. Oppure, siccome comanda il “tuo” quarantenne rampante te ne sei dimenticato e non lo vedi?

  8. E ti pareva che il pio cattolico fervente osservatore delle parole di Francesco non fosse sinistro e odiasse il \”pio\” Silvio. Da bravo osservante cattolico e che ha letto e si è fatto testimone del Vangelo non fa altro che gettare fango verso il prossimo. E poi, ti ricordo che siamo ancora sull\’orlo della catastrofe. Oppure, siccome comanda il \”tuo\” quarantenne rampante te ne sei dimenticato e non lo vedi?

  9. Si, però nel 2015 sostenere che per “odiare” berlusconi si debba essere per forza di sinistra mi fa tornare in mente i tempi del berlusconismo…o con me o comunista! Io ne conosco di persone che non hanno mai votato a sinistra e non hanno mai votato nemmeno Berlusconi: si chiamano persone che ragionano con la propria testa, cosa che i sostenitori del Silvio non sono mai stati abituati a fare.

  10. Non serve essere per forza di sinistra. Diciamo che ci sono quelli che lo odiano perchè ha fatto i soldi. Ci sono anche quelli che non condividono le sue idee. Ed è con questi che mi piacerebbe interloquire, non con chi parla con la pancia. Che tutti i sostenitori del Silvio non ragionino con la testa è una tua opinione. Io ne conosco molti che ragionano con la loro testa e fanno anche ragionamenti logici. Ne trovo molto meno dalla parte della sinistra. Con questo, per uno che non l’ha mai votato come me, posso dire che il quarantenne fiorentino di oggi ne ricalca molto le orme e non vedo un’alternativa ai due che sia credibile.

  11. Giusto per chiarezza, non sono “Con Francesco”, io ho commentato solo come “@10.20”. Adesso aggiusti il tiro e dici che non serve essere di sinistra, ma nel post precedente hai dato per scontato che “Con Francesco” lo fosse perchè ha dato contro a Silvio, tipico pensiero inculcato durante il berlusconismo: se non voti me sei un comunista…pensa un pò, tu non l’hai mai votato ma il berlusconismo ti ha contagiato lo stesso, è proprio di questo che parlavo quando dicevo “pensare con la propria testa”. Diciamo che magari qualcuno lo odia per come ha fatto i soldi e non perchè ha fatto i soldi, che mi sembra una differenza fondamentale…io comunque non sono tra questi, non odio proprio nessuno, ma credo che il governo non sia il posto più consono a personaggi con così tanti interessi economici. Sicuramente faccio parte di quelli che non condividono le sue idee e che credono che durante i suoi anni di governo non abbia fatto niente di concreto nonostante abbia avuto il governo più stabile degli ultimi decenni…e ti prego di non tirare fuori la manfrina dell’ingovernabilità , perchè le leggi che gli interessavano, guardacaso, è riuscito a farle passare nonostante la magistratura. Ma davvero, non mi va di stare qui ancora a parlare di Silvio, spero sia una storia passata…come dici tu ora il problema è il fiorentino che ne sta ricalcando le orme, anche se ti faccio notare che dicendo “non vedo un’alternativa ai due che sia credibile” sostieni che questi due siano credibili…per me non è così.

  12. Non ho aggiustato il tiro: se leggi bene ho definito il pio cattolico sinistro. Questo non significa che ci siano anche altri non così osservanti che lo detestino. Dici poi che lo possono odiare per come ha fatto i soldi: perchè, secondo te, in genere come si fanno i soldi, con l’onestà? E di politici come lui, nel passato ce ne sono stati, ma non avevano l’assillo mediatico che aveva lui (a proposito ma non erano sue le televisioni e la stampa, non è riuscito ad imbavagliarle nonostante fosse lui il proprietario?). Sui politicanti che si sono fatti i propri interessi il Silvio è in buona compagnia di tanti altri, recenti e passati. E con questo non lo voglio giustificare. Voglio solo dire che è il malcostume italiano che si trascina dall’unità. Inoltre non ho detto che i due siano credibili, tuttaltro: ho detto che non vedo un’alternativa a loro che sia credibile, chiaro? Ti ricordo infine che non ho tirato in ballo io il Silvio ma il “pio cattolico osservante” che predica l’amore per il prossimo, ma non per Berlusconi. Lungi da me tirar fuori un personaggio che tralaltro non stimo. Ma, per onor del vero, non attribuiamogli anche la colpa di non essere un cattolico doc, per piacere…

LEAVE A REPLY