Il caso dei cartelli di Pontoglio finisce sul Daily Mail. I commenti? Favorevoli

23

Il caso Pontoglio arriva sulla stampa internazionale. Il Daily Mail ha riportato la notizia dei nuovi cartelli in entrata nel paese della Bassa bresciana con tanto di immagini dichiarazioni dei protagonisti della vicenda, in particolare del sindaco del paese, ma anche del vicesindaco di Brescia, Laura Castelletti che, sulla sua pagina Facebook, aveva criticato il primo cittadino del comune dell’Ovest.

Il celebre quotidiano inglese nell’edizione online a corredo della notizia di Pontoglio ha curiosamente pubblicato anche un’immagine del castello di Sirmione. La didascalia dice: “Pontoglio’s entry sign clearly urges anyone entering the small town of 9,000 people, to only come in if they respect its Christian values, leading some people to criticise it as being racist. It is located near Lombardy (pictured) in Brescia province” che tradotto equivale a “Il cartello in entrata a Pontoglio invita chiaramente chiunque entri nella piccola cittadina di 9mila persone a farlo nel rispetto dei valori cristiani, cosa che ha portato qualcuno a criticare il paese (e indicarlo) come razzista. (Paese) situato vicino alla Lombardia nella provincia di Brescia”.

Quasi duemila le condivisioni dell’articolo e 643 i commenti. Il responso degli utenti? La maggior parte sembra stare dalla parte del sindaco di Pontoglio. Ecco il LINK all’articolo del DailyMail 

Comments

comments

23 COMMENTS

  1. Non mi pare che raccolga l’adesione di chi ha il marciume nel cuore: infatti non vedo preti e vescovi o cristiani radicalchic, ma solo gente di buon senso che ha sempre avuto ben altri problemi da pensare e sa affrontare i problemi della vita, non chi predica cose che non pratica e dà del proprio (marciume) agli altri!

  2. Non mi pare ci sia scritto nulla di sbagliato, dal momento che molta gente non rispetta la cultura ed i costumi della terra in cui si rifugia è bene iniziare a farlo presente in modo chiaro, e non ci sono neanche offese ne nient'altro di offensivo, non vedo dove sia il problema

  3. è, Come mai un sindaco, una comunità ha chiesto il rispetto? Ha chiesto a chi arriva di rispettare le loro tradizioni e abitudini? è giusto chiedere il rispetto per chi arriva, ma è altrettanto giusto chiedere a chi arriva di rispettare ciò che trova. Credo che sia il minimo.

  4. è, Come mai un sindaco, una comunità ha chiesto il rispetto? Ha chiesto a chi arriva di rispettare le loro tradizioni e abitudini? è giusto chiedere il rispetto per chi arriva, ma è altrettanto giusto chiedere a chi arriva di rispettare ciò che trova. Credo che sia il minimo.

  5. è, Come mai un sindaco, una comunità ha chiesto il rispetto? Ha chiesto a chi arriva di rispettare le loro tradizioni e abitudini? è giusto chiedere il rispetto per chi arriva, ma è altrettanto giusto chiedere a chi arriva di rispettare ciò che trova. Credo che sia il minimo.

  6. Secondo me è giustissimo avvisare chiunque arrivi a Pontoglio quale è la tradizione che trova all’entrata del paese, non è un cartello razzista… assolutamente! Ribadisco che questa tipologia di cartellonistica dovrebbe essere messa sotto ogni nome di paese. Visti i tempi, sarebbe da scrivere in maiuscolo, in rosso e a caratteri cubitali!

  7. Già, la Castelletti….Se fosse per lei il cristianesimo sarebbe morto sotto la ghigliottina dei giacobini anticlericali francesi e sepolto sotto le macerie di San Pietro! che pena!

  8. Questo secondo il tuo punto di vista. A casa tua quindi non mettere alcuna regola. Ma non impedire che in casa d’altri le mettano…

  9. Ma il deputato del Sel che non aveva altro di cui occuparsi in parlamento, è andato a staccare i cartelli di Pontoglio, compresi quelli anneriti o ha preferito rimanere al calduccio vista la nebbia? Oppure pensa di perdersi nella nebbia della valpadana? O non è capace di staccarli? Occupati dei problemi seri, come l’inquinamento, non di roba del genere!!!

  10. prova a leggere anche qualcos’altro che non siano le inchieste menzognere di Repubblica. Per inciso, di problemi dati dalla Chiesa in questo Paese non ne vedo. Mi spaventa molto di più l’anticlericalismo astioso e forcaiolo

  11. Guarda che non leggo Repubblica, giornale tra l’altro che detesto perchè sinistro. Leggo spesso Avvenire e mi rendo conto di come anche questo giornale sia al servizio del potere della chiesa, come la Voce del Popolo. Tu non vedi problemi dati dalla chiesa in questo paese? Te ne elenco alcuni e attuali, perchè quelli passati, per fortuna, oggi non ci sono più: ECONOMICI: un 8 per mille regalato alla chiesa quando ben altri problemi dobbiamo finanziare e la chiesa può vivere di elemosine; una caritas che accoglie a spese dello stato cani e porci che poi ricadono ancora sullo stato, quindi su tutti noi; una scuola privata che pretende finanziamenti dallo stato; MORALI: un clero che chiacchiera (e anche male) ma non dà l’esempio. Per fortuna che i tempi sono cambiati e la gente non è più sottomessa a loro, quindi non è più costretta, come in passato, a sottostare alle loro regole.

  12. Che ne pensi, caro Uno a caso, del debito di 2,8 milioni di Euro della Parrocchia di San Giovanni in città? Secondo il tuo ragionamento non è un problema nostro quindi, ma della curia? Sono loro che lo devono ripianare perciò, non i fedeli? E di altri preti che hanno devastato parrocchie buttando via tutto e spendendo all’impazzata? E’ un problema della curia o nostro?

LEAVE A REPLY