The Floating Pier, Legambiente scrive al Prefetto: servono un mosaico di azioni per renderlo sostenibile

0

In occasione dell’evento della passerella di Cristho, Legambiente ha inviato al Prefetto di Brescia e al governatore della Lombardia, Roberto Maroni una lettera nella quale l’associazione ambientalista invita le istituzioni “a prendere atto che la sua sostenibilità è costituita da un mosaico di azioni – si legge nella lettera – Alcune più piccole e alcune più grandi, capaci di creare un disegno organico per il successo dell’evento, con il possibile risparmio di risorse naturali ed economiche ed in massima sicurezza per visitatori e residenti. Va garantita ai cittadini residenti della zona, in particolare di Sulzano e Monte Isola, la mobilità necessaria per gli spostamenti residenziali/giornalieri, la massima informazione sulle caratteristiche ed i vincoli che l’evento produrrà”.

ECCO I CONSIGLI DI LEGAMBIENTE PER RENDERE SOSTENIBILE THE FLOATING PIER

1) La buona riuscita dell’evento non può prescindere dall’adozione di una vera cabina di regia, che sappia prevedere ed organizzare azioni sostenibili, efficaci e sicure. A questo proposito sarebbe necessaria la nomina di un commissario ad hoc, sul modello di Expo, per accorpare le competenze oggi così frammentate.

2) Riduzione tesa allo zero dell’impatto ambientale che i lavori di realizzazione della passerella e i consistenti flussi di visitatori previsti produrranno. Realizzazione di centri di interscambio (informazione e controllo) nei soli comuni direttamente accessibili alla SP 510 (Marone-Vello, Iseo, Provaglio) ed eventualmente Paratico. Le autovetture andrebbero lasciate possibilmente nei parcheggi delle stazioni ferroviarie di Brescia, Rovato e Palazzolo (con l’ emissione dello scontrino fiscale), evitando “parcheggio selvaggio”, l’uso di prati per la sosta, alte tariffe.

3) Adozione di un piano della mobilità per evitare la congestione del traffico automobilistico e per ridurre l’emissione di c02 in atmosfera, potenziando il trasporto pubblico (treno-traghetti), navette autobus , incentivando la mobilità sostenibile (biciclette, barche, canoe ecc.). Favorire lo scambio di buone pratiche e individuare soluzioni innovative e sostenibili.

4) L’evento dovrebbe coinvolgere tutto il territorio (cornice allargata del bacino del Sebino con la Franciacorta e la Valle Camonica) che lo accoglie, al fine di spalmare i benefici, conoscenza e scoperta del territorio, e distribuire i vantaggi e i costi dell’impatto complessivo su un’area più ampia, poiché Sulzano e Monte Isola, sito dell’ installazione della passerella, sono stretti tra la collina e il lago.

5) Assicurare la raccolta differenziata dei rifiuti prodotti dal previsto alto flusso di visitatori con servizi permanenti (come ad Expo), chiedendo la compartecipazione ai costi da parte della Società organizzatrice, per non scaricarne l’onere solo sulle comunità di Monte Isola e Sulzano e limitrofe.

6) Richiesta, oltre al già previsto presenziamento delle forze di polizia e dei vigili del fuoco, della reintroduzione di una motovedetta delle forze dell’ordine (Carabinieri o Guardia Costiera).

7) Chek-up della rete fognaria dei 16 centri del Sebino e, se necessario, interventi di manutenzione straordinaria alle condutture per evitare perdite e sversamenti di inquinanti in lago. Criticità da evitare visto che i due depuratori esistenti, Paratico e Costa Volpino, sono gravemente mal funzionati e mal gestiti dal gestore AOB2.

8) Monitoraggio giornaliero (batteriologico) dello stato di salute delle acque del lago da parte dell’ASL e adeguata diffusione del bollettino meteorologico. Disponibili per ogni chiarimento che si rendesse necessario porgo i più cordiali saluti.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il progetto è partito l'anno scorso… Alberghi già strapieni e come al solito gli ambientalisti arrivano a quasi giochi conclusi a rompere le palle…. Ma andate a Lagos a lamentarvi per lo sfruttamento dell'ambiente… Che la hanno davvero dei problemi….

  2. Più concretezza e meno slogan. Cara legambiente, i soldi per monitorare le fogne, per sistemare i depuratori, per fare le azioni pubblicitarie e per dare seguito al vs decalogo, li mettete voi? Date anche le soluzioni ai problemi senza limitarvi ad elencare i problemi che tutti conosciamo

  3. A proposito di Legambiente, che fine ha fatto la sua durissima presa di posizione a fianco dei “Gnari de Mompià” di Fondra (quello che oggi in Comune è assessore all’Ambiente) quando in era paroliana si era previsto altro inutile consumo di suolo e cemento residenziale in Via Riccobelli (zona Costalunga) ? Forse non sono informati che il cemento si può fare…ma in era delboniana. Mistero della fede (politica).

  4. Che banalità! Da Legambiente mi aspetto impegno non consigli banali che magari sono già stati valutati dalle aministrazioni locali e dall’organizzazione dell’evento ben prima di questa lettena della befana!

LEAVE A REPLY