Il Brescia apre il 2016 battendo il Cesena (2-1). Adesso si torna a sognare la A

14

Il Brescia apre il suo 2016 con una vittoria nella sfida di vertice contro il Cesena: tre punti conquistati in extremis e non senza polemiche che portano le rondinelle al quarto posto della classifica di serie B.

Il match si apre in maniera equilibrata. La prima azione pericolosa, al 7′, si conclude con una palla fuori di poco sul colpo di testa di Djuric. Poi le rondinelle pungono con Caracciolo, ma al 19′ è Minelli che è chiamato agli straordinari sul tiro di Molina. Al 22′ il Brescia sfiora il vantaggio: Morosini si gira bene in area, ma il suo destro si stampa sulla traversa. E due minuti più tardi è Cesena a passare in vantaggio con un Djiuric, lesto nell’approfittare di un’incertezza del portiere bresciano. I padroni di casa provano a rispondere al 42′, ma Mazzitelli manda la palla sopra la traversa. Il primo tempo si chiude comunque con il Brescia in vantaggio di un uomo (e sotto di un gol) per l’espulsione di Molina per fallo di reazione su Mancini.

Nella ripresa, quindi, le rondinelle partono all’attacco: all’11 sfiorano il pareggio con Morosini, e al 14′ ci vanno ancora vicini. L’1 a 1 arriva il 15′ con una bella incornata di Antonio Caracciolo nella mischia. Il raddoppio potrebbe arrivare al 26′ in seguito a una bella azione che si conclude con un tocco decisivo di Gomis, che evita la rete. E cinque minuti più tardi è ancora il numero uno romagnolo a salvare il risultato. Seguito a stretto giro da un altro salvataggio sulla linea di Cascione. La rete decisiva arriva comunque al 41esimo: per un fallo su Kupisz l’arbitro assegna il rigore (tra le proteste dei cesenati, che costano anche il rosso all’allenatore) e Andrea Caracciolo dal dischetto non sbaglia.

BRESCIA-CESENA 1-1

BRESCIA (4-2-3-1) Minelli; Camilleri (28′ st Marsura), Lancini, Antonio Caracciolo, Coly; Mazzitelli, Martinelli; Kupisz, Morosini, Embalo; Andrea Caracciolo. (Arcari, Venuti, Abate, H’Maidat, Camilli, Dall’Oglio, Rosso, Calabresi). All.: Boscaglia.

CESENA (4-2-3-1) Gomis; Perico, Caldara, Lucchini, Renzetti; Kessie (19′ st Valzania), Cascione; Ciano (24′ st Mazzotta), Molina, Ragusa (33′ st Magnusson); Djuric. (Menegatti, Tabanelli, Dalmonte, Garritano, Kone, Rosseti). All.: Drago.

ARBITRO Pezzuto di Lecce .

RETi pt 24′ Djuric; st 15′ Antonio Caracciolo; st 41′ Andrea Caracciolo

NOTE Spettatori 10.000; espulsi Molina (Cesena, 45′ pt) e Cascione (Cesena, 41′ st)

Comments

comments

14 COMMENTS

  1. Io continuo a sognare un quartiere senza parcheggio selvaggio ad ogni partita!anche oggi una vergogna,macchine ovunque e vigili come sempre indifferenti allo scempio. Grazie sindaco del bono, grazie davvero per questa situazione di degrado e di pericolo per i cittadini!

  2. Hai rotto i c******i con queste lamentele! Hai sbagliato articolo, scrivi direttamente a Del Bono su Facebook al posto di scrivere inutilmente qui……l'unica cosa da dire é che é uno spettacolo un Rigamonti così con emozioni in campo fuochi d'artificio fuori e tanta gioia con un tifo spettacolare…..gra ndi tutti i 7.100 di oggi e grandi i cesenati…FORZA LEONESSA !!

  3. scusa una cosa, ma quando hai acquistato o comunque preso possesso della tua abitazione lo stadio c’era già? se sì, hai evidentemente fatto male i tuoi conti…

  4. Allenatore e vice allenatore del Cesena espulsi, Molina (reazioncina venale…)e Cascione (proteste) espulsi, altri tre ammoniti del Cesena (di cui due già in diffida), rigore non così evidente. Dell’arbitro Pezzuto, che incide più volte e pesantemente sulla partita e sulle sorti prossime del Cesena (scatteranno sanzioni pesanti in vista dei prossimi incontri) forse ci sarebbe qualcosa da dire, visto che nel rpimo tempo gli ospiti in 11 si erano fatti preferire al Brescia.

  5. Caro cesenate con tutto il rispetto in 11 vs 11 probabilmente la portavate a casa però l'espulsione é grande come una casa (gli ha messo le mani sul collo e gli ha spinto la testa contro il manto del campo) e il rigore (detto anche da Sky e Premium) è netto non dubbio…..gli ha preso le gambe dopo che lo ha saltato….guarda il replay…se fosse successo al contrario era la stessa cosa……..anche lì doppio cartellino e fuori…………..l 'unica dove ha sbagliato l'arbitro é aver fatto ripartire il gioco (dopo l'espulsione) da un punto sbagliato dato che l'azione era terminata . Comunque gran bel gemellaggio

  6. Sono d’accordo con Gisella. Quando c’è la partita Mompiano diventa la vetrina della inciviltà. Ma da Siena a Collio passando per il pestaggio di un ragazzo sappiamo bene, e purtroppo, con chi abbiamo a che fare.

  7. No, caro non era stato risposto così! E poi, secondo te sono due cose diverse perchè ti fa comodo. Per me invece sono la stessa cosa. Il fatto che rompa le palle è una goccia nel mare rispetto alle rotture di palle che fate voi tutte le volte che c’è una partita e quindi, come voi continuate indisturbati a fare i vostri comodi, io continuerò a protestare. Capito?

  8. a tutti quelli che fanno gli spiritosi con Gisella chiedo di dirci gli indirizzi di casa loro, così la prossima volta sappiamo davanti a quali cancelli andare a parcheggiare. Lo spettacolo lo date, voi, ed è pietoso.

  9. Trasferiamo invece lo stadio a Castenedolo, così siamo contenti tutti: voi perchè l’avete fuori di casa e Gisella che finalmente potrà vivere tranquillamente…

  10. Nel sentire i disagi ai quali sono sottoposti quelli di Mompiano e alla proposta di trasferirtelo davanti a casa tua cambi parere e non lo vuoi… Bella coerenza…

LEAVE A REPLY