Insubria Cup 2016: sabato la sfida di Taekwondo va di scena al San Filippo

0

Sabato 30 e domenica 31 gennaio, dalle 9 alle 19, nel Centro Sportivo San Filippo, si svolgerà “Insubria Cup 2016”, seconda edizione della competizione che raccoglie atleti da tutta l’Italia e dall’estero. L’iniziativa è dedicata al Taekwondo che rappresenta l’arte marziale più praticata al mondo.

L’anno scorso, in occasione della prima edizione, la manifestazione, organizzata dal Comitato Regionale Lombardia della Fita (Federazione Italiana Taekwondo), diretto da Stefano Ferrario, si è svolta a Cornaredo (Milano), dove si sono riuniti 995 atleti provenienti da quattro diverse nazioni, che hanno gareggiato su otto campi di gara.

Quest’anno l’iniziativa viene riproposta in scala maggiore, con 12 aree di combattimento. Inizialmente ne erano previste dieci, ma si sono rivelate insufficienti visto il grande successo riscosso. Gareggeranno, quindi, 1.600 atleti provenienti da nove paesi diversi. La manifestazione accoglierà circa 170 società sportive e, nell’arco del fine settimana, si prevede una mobilitazione di circa 2.500 persone (tra atleti, coach, accompagnatori e spettatori). 

La competizione, organizzata dalla Fita, Federazione Italiana Taekwondo, consentirà di ammirare le performance degli atleti del Taekwondo, arte marziale e sport da combattimento nato in Corea del Sud che prevede l’utilizzo delle sole tecniche di calcio, i cui colpi vengono portati dalla cintura in su. 

A partire dalle Olimpiadi di Sidney 2000 il Taekwondo è annoverato tra gli sport olimpici, unica arte marziale insieme al Judo ad essere presente ai Giochi. In questa particolare disciplina l’atleta italiano Mauro Sarmiento ha conquistato un argento nel 2008 a Pechino e nel 2012 un bronzo a Londra. Sempre nella capitale inglese l’Italia si è aggiudicata uno storico oro nel Taekwondo grazie a Carlo Molfetta. 

La Fita conta circa 40mila tesserati, di cui 2mila in Lombardia.

Link al bando di gara: 

https://www.dropbox.com/s/kn6uei6jgj4nc1e/Insubria%20Cup%202016.pdf?dl=0

Comments

comments

LEAVE A REPLY