Polveri sottili oltre i limiti da 12 giorni. Verso nuove ordinanze, tangenziale esclusa

0

Aspettando la pioggia e la neve (sopra i mille metri) che già tra domani e giovedì dovrebbe cadere sulla nostra provincia, Brescia rimanda al dopo riunione di giovedì le decisioni in merito alle misure da adottare per ridurre le polveri sottili nell’aria, da 12 giorni costantemente superiori ai 50 microgrammi per metro cubo d’aria consentiti per legge.

Se si pensa che l’Europa ne concede al massimo 35 all’anno è facile prevedere che anche nel 2016 dovremo pagare la nostra parte di responsabilità. L’assessore all’Ambiente, Gianluigi Fondra, sentito dal Corsera di Brescia ha annunciato che “c’è la possibilità che si reiterino le ordinanze già sperimentate, a patto che siano d’accordo tutti i comuni dell’hinterland”, vale a dire divieto di circolazione durante la settimana per le automobili Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato e riduzione della temperatura nelle abitazioni da 20° a 19°”. Nessuna modifica invece alla velocità sul tratto della tangenziale sud a tre corsie, dove la Provincia di Brescia aveva imposto i 90 Km/h anziché i consueti 110 Km/h. La ragione la spiega al Corsera l’assessore provinciale ai Trasporti, Diego Peli: “Il limite è stato abbassato dal 30 dicembre al 14 gennaio per motivi sanitari, la cui competenza spetta al Prefetto. Mi devo confrontare con il presidente Mottinelli, ma resta da capire se valga la pena modificare nuovamente i limiti per pochi giorni quando nella confinante autostrada A4 decine di migliaia di veicoli possono continuamente sfrecciare a 130 all’ora”. A tal proposito è bene ricordare che la Loggia aveva già chiesto alla società autostrade l’abbassamento permanente della velocità nel tratto autostradale che passa vicino alla città, ma se anche fosse accontentata non lo sarà certo in tempi brevi.

Comments

comments

LEAVE A REPLY