Studente di destra picchiato, l’accusato del Magazzino 47: mai visto prima, ero al lavoro

23

“Non so perché abbiano fatto il mio nome, visto che non c’ero, forse perché sono un esponente in vista del panorama politico cittadino”. Si è difeso così M.B esponente del centro sociale cittadino Magazzino 47 accusato insieme a L.B del pestaggio dell’allora 16enne Riccardo Daini, studente simpatizzante di destra che due anni fa fu aggredito con calci e pugni prima di entrare a scuola da un gruppo di antagonisti.

Ieri, in un’aula di tribunale stracolma di giovani simpatizzanti di destra e sinistra, tanto da richiedere l’intervento della Digos per tenerli separati, l’imputato ha dichiarato di non aver mai visto prima “la persona che mi accusa di averla picchiata – per poi aggiungere – quella mattina ero al lavoro”. Il giudice ha aggiornato l’udienza al prossimo 2 maggio.

Comments

comments

23 COMMENTS

  1. Dagli anni Venti del secolo scorso fino ad oggi, il pestaggio in gruppo ed in superiorità numerica degli avversari politici è patrimonio tradizionale dei fascisti, non a caso è di uso comune il termine “squadrismo”. Anche quanto al vittimismo, fascisti vecchi e nuovi non lesinano di certo, basti pensare ai piagnistei, alle esagerazioni e ai falsi storici sui “triangoli rossi”, sulle foibe, sui poveri “ragazzi di Salò”; ovvio che chi semina vento, prima o poi raccoglie tempesta.

  2. Ahò, ma tutta ‘sta tiritera, per negare il dna di voi kompagnoski, dove l’hai copiata? Sul materiale del perfetto stalinista distribuito dal marchese Berlinguer nella sezione Moranino per negare la fine di Gianna e Neri? Rosso Antico….

  3. “…sono un esponente in vista…”, lei non sa chi sono io!!! o meglio, lei non sa chi vorrei essere io!!! manéga del slandrù

  4. Che il pestaggio in gruppo sia patrimonio solo della destra fa parte di quell’immaginario collettivo imposto come luogo comune dalla sinistra imperante per decenni in questo paese. I pestaggi invece fanno parte eccome anche del patrimonio della sinistra: vedasi i vari gazebo distrutti della Lega, quello che successe a Genova contro la polizia, ecc… Diciamo che anche loro affondano le loro radici nei primi decenni del Novecento, soprattutto dopo la rivoluzione russa, dove si pensava anche in Italia di fare gli espropri proletari e prendere il potere con la violenza. Infatti, dopo la Grande Guerra ci furono molti episodi del genere, replicati poi dopo la Seconda e sfociati negli scioperi del 1948… Per non parlare degli atti terroristici di chi si faceva chiamare “partigiano”…

  5. x Per la verità. Ecco che siamo ancora a negare genocidi solo perchè non sono della tua parte politica. Adesso mi si vuol far credere che le foibe non sono esistite, che i triangoli rossi nemmeno (a proposito, senza andare in Emilia, anche qui ne abbiamo avuti: un caso è quello di S. Eufemia). Quanto ai ragazzi di Salò seguivano una loro idea, e molti altri erano sotto le armi, nè più nè meno come i soldati della prima guerra, costretti, loro malgrado, a combattere un nemico che nemmeno conoscevano. Perciò smettiamola con questi discorsi di parte e affrontiamo i problemi per quello che sono, senza ideologie. Soprattutto rispettiamo i morti, da qualunque parte provengano. Solo così si smetterà di “seminare vento”…

  6. Hai ragione, infatti quell’operaio che qualche mese fa ha pestato il collega sindacalista era da solo…un uomo coraggioso insomma. Anche se era armato e gli ha teso un agguato quello non conta, era uno contro uno e questo basta a fare di lui un vero uomo…e non uno cacxasotto.

  7. Come mai è in chiaro il nome della vittima e ci sono solo le iniziali dei due accusati?
    E’ vero che M.B. dice che era al lavoro presso Radio Onda d’Urto? Il cartellino timbrato dove è? Copia busta paga dove si vede orario d’ingresso e uscita? I file del badge?
    ……poco credibile

  8. A proposito di faccia pipernina, manipolazione della verità ed uso strumentale del linguaggio con parole totem ripetute fino alla nausea, o compagnardi, visto che non avete più l’unità, da buoni trinariciuti antifa’, perché dal terzo foro non fate entrare qualche paginetta di Orwel1984 o Guareschi di Don Camillo?

  9. A proposito di faccia pipernina, manipolazione della verità ed uso strumentale del linguaggio con parole totem ripetute fino alla nausea, o compagnardi, visto che non avete più l’unità, da buoni trinariciuti antifa’, perché dal terzo foro non fate entrare qualche paginetta di Orwel1984 o Guareschi di Don Camillo?

  10. A proposito di faccia pipernina, manipolazione della verità ed uso strumentale del linguaggio con parole totem ripetute fino alla nausea, o compagnardi, visto che non avete più l’unità, da buoni trinariciuti antifa’, perché dal terzo foro non fate entrare qualche paginetta di Orwel1984 o Guareschi di Don Camillo?

  11. ahahahah a quello delle iniziali: perche te non hai messo pubblico il tuo nome prima di commentare?
    invece per quel simpaticone che rimanda al fascismo ma immagino che non sappia neanche che cosa sia….bhe…ti confondi sui partigiani e ti confondi sul fatto che la storia vada presa o solo a destra o solo a sinistra. cosi da ignorantone e beone…la pigli solo nel culo.

  12. Da Wikipedia:” Il fascismo è un movimento politico nato in Italia all’inizio del XX secolo per principale iniziativa di Benito Mussolini, alcune delle cui ideologie si sono diffuse in seguito anche se con caratteristiche differenti in Europa e in altri paesi del mondo. Si caratterizza come un movimento di carattere nazionalista, autoritario e totalitario, ma tale ideologia è definita ed è interpretata come un movimento allo stesso tempo rivoluzionario e reazionario. È considerato anticapitalista e populista sul piano ideologico, mentre sul piano sociale tende a tutelare la proprietà privata e la divisione della società in classi”. Fascismo, cioè movimento di carattere nazionalista, autoritario e totalitario: diciamo che basta e avanza…

  13. Basta e avanza per cosa? Per giustificare la violenza e quindi eliminare fisicamente tutti quelli che la pensano in questa maniera?

  14. Grazie, ma non aggiunge niente a quanto già conoscevo. Aggiungiamo anche, per correttezza, che tale movimento affonda le sue radici nella sinistra, come tutti i totalitarismi, in quanto il maggiore rappresentante era socialista.

  15. Adesso però, per par condicio, aspettiamo da @io con fascio la definizione, tratta dall'”autorevole” wikipedia, di comunismo, tanto per dare un’idea al povero pubblico ignorante che non conosce le due definizioni e quindi potrebbe essere tratto in inganno e credere che solo il fascismo sia l’origine di tutti i mali.

LEAVE A REPLY