Tornano i pomeriggi in San Barnaba: quest’anno si indagano gli orizzonti della scienza

0

Sempre molto attesi e largamente frequentati, prendono il via il prossimo 9 febbraio gli incontri dei “Pomeriggi in San Barnaba”, promossi da Comune di Brescia e Fondazione Asm con il progetto scientifico e a cura della Fondazione Clementina Calzari Trebeschi. Come da tradizione, gli incontri si terranno ogni martedì alle 18 nell’Auditorium di Piazzetta Arturo Benedetti Michelangeli.

Gli otto appuntamenti di questa edizione 2016 aprono il nostro sguardo (e la nostra mente) sugli straordinari Orizzonti della Scienza.

Gli autorevoli relatori che hanno accolto l’invito ci guideranno alla scoperta o all’approfondimento di alcune delle più recenti scoperte scientifiche nei diversi ambiti della ricerca, delle loro possibili e avveniristiche applicazioni, delle difficoltà ma anche delle soddisfazioni del fare ricerca scientifica in Italia.

Parlare di scienza e ricerca nei luoghi del grande pubblico non è una cosa semplice, in particolare nel nostro Paese, da sempre deficitario in questo ambito. Eppure è necessario. La quasi totalità degli analisti economici e sociali concorda nel ritenere che lo sviluppo scientifico-tecnologico di un paese rappresenti uno strumento indispensabile per imboccare la strada della ripresa, della competitività, dell’occupazione e per tradurre in attività economica innovativa i più recenti sviluppi della scienza in campi quali le Ict (Information and Communications Technology), i servizi per l’innovazione, l’energia e l’ambiente, le life sciences e il settore biomedicale, per citarne alcuni.

Pure prescindendo da ciò, è evidente a tutti come quotidianamente, al fine di migliorare le condizioni di vita dell’uomo, vengano utilizzati, da ciascuno, prodotti o tecnologie derivanti dalla ricerca di base, nei più disparati settori: dalla medicina, all’assistenza, all’ecologia o alla sostenibilità. E ancora: saranno la ricerca scientifica e la innovazione tecnologica che ci procureranno le soluzioni e gli strumenti adeguati per gestire molte delle problematiche divenute ormai espressione della fragilità del nostro pianeta e di chi lo abita.

Alcune di queste innovazioni cambieranno, se non l’hanno già fatto, la vita di tutti e in modo estremamente rapido. Basta pensare a tutte quelle scoperte che solo pochi anni fa si ritenevano fantascientifiche e quindi assolutamente improbabili e che oggi sono pienamente realizzate. È questo peraltro un aspetto che sarà particolarmente sottolineato negli otto incontro del ciclo che si sta aprendo, come suggerito dal sottotitolo “Innovare è realizzare l’improbabile”.

In questa società della conoscenza si impone dunque una maggiore consapevolezza degli sviluppi della ricerca, con l’obiettivo di non essere impreparati nell’affrontare il futuro imminente e preparare adeguatamente le prossime generazioni.

In queste lezioni, con un approccio divulgativo, alcuni fra i maggiori scienziati italiani illustreranno, da protagonisti, gli sviluppi e le potenzialità tecnologiche delle più recenti scoperte scientifiche che loro stessi hanno contribuito a realizzare e di cui il nostro paese, più di altri, ha urgentemente bisogno.

Una novità caratterizza questa edizione: il concorso indirizzato agli studenti universitari e delle scuole superiori.

ECCO TUTTE LE INFORMAZIONI PER PARTECIPARE AL CONCORSO

Agli studenti di scuola media superiore e a quelli universitari che avranno assistito agli incontri viene offerta la possibilità di partecipare ad un concorso che prevede la realizzazione di un video, della durata massima di otto minuti, su uno degli argomenti affrontati nell’ambito del ciclo. Gli studenti possono realizzare il filmato singolarmente o a gruppi e probabilmente sarà loro concessa la possibilità di effettuare brevi interviste ai relatori.

I video realizzati devono essere consegnati alla segreteria della Fondazione Trebeschi entro e non oltre il 20 aprile.

Studenti Scuola superiore:

– si richiede la partecipazione ad almeno 6 incontri
– premi:

1° classificato 500 euro
2° classificato 300 euro
3° classificato 200 euro

Studenti Università:

– si richiede la partecipazione ad almeno 4 incontri
– premi:

1° classificato 500 euro
2° classificato 300 euro

Le quote dei premi saranno devolute in libri o prodotti di informatica secondo le modalità che verranno indicate in seguito.

La premiazione avverrà in maggio in data da stabilirsi.

A conclusione del ciclo sarà possibile ritirare il certificato di partecipazione valido ai fini dell’aggiornamento e del credito formativo.

MODALITÀ DI CONSEGNA DEL VIDEO
I video devono essere consegnati su CD. Sulla faccia scrivibile del CD indicare in modo indelebile il titolo del video e il numero della conferenza della tematica cui si riferisce il video. Le stesse informazioni devono essere riportate sul retro di una busta, all’interno della quale vanno indicate le generalità dell’autore (o degli autori) del video, l’indirizzo e un recapito telefonico. La busta deve essere consegnata sigillata, insieme al CD.

Info: www.fondazionetrebeschi.it

Comments

comments

LEAVE A REPLY