Fuga dai vigili, ubriaco, a 200 all’ora: condannato a 8 mesi un 33enne albanese

0
Bsnews whatsapp

Ha patteggiato una pena a 8 mesi di carcere il 33enne che sabato pomeriggio si era reso protagonista di una fuga da film, a duecento chilometri all’ora. L’uomo, di origini albanesi, era alla guida ubriaco e alla vista della Polizia locale di Montichiari ha pigiato il piede sull’acceleratore nel tentativo di seminare le forze dell’ordine. Ma aveva finito la propria corsa contro un muro.

La bravata gli è costata 78 punti della patente, con la revoca del documento. Gli otto mesi sono stati invece commutati in obbligo di firma tre volte alla settimana.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Non è proprio possibile rispedirlo in Albania per almeno 10 anni? Così magari si disintossica, e comunque se ne sta fuori dalle palle, evitando di far rischiare la vita a tutti gli altri.

  2. Non è possibile dare a quest’ uomo un lavoro , un psicologo che lo segua a risolvere il suo problema di etilismo e magari anche denunciare il proprietario del muro che avrebbe potuto fare molto male ?!ebbene si , in Italia o in qualche altra realtà parallela potrebbe anche capitare

  3. Si legga il Codice Penale e quello di Procedura Penale: capirà che il problema sono le leggi e chi le ha scritte (il Parlamento) e non chi le deve applicare (la magistratura inquirente e giudicante). Già sono ridicole le pene previste, poi ci aggiungiamo le attenuanti e i benefici vari, la durata media dei processi, i possibili tre gradi di giudizio, il pateggiamento e i brevissimi termini di prscrizione e così arriviamo alla…non certezza della pena. Sono cavoli nostri, non dell’albanese oggetto dell’articolo.

RISPONDI