Fusione Lgh-A2A, Rovato dice no a incassare meno per debito Cremona

0

Il sindaco di Rovato Tiziano Belotti dice no all’ipotesi che i comuni azionisti di Lgh incassino meno rispetto all’offerta di A2A (che rileverebbe il 51% della holding con un investimento di 125,5 milioni) a causa del debito di Aem Cremona. “Se questa fosse la nuova proposta, non ci sono spazi perché sia approvata e se il Cda di Cogeme lo farà se ne assumerà le responsabilità”, sottolinea un lancio di Reuters a cui il sindaco ha rilasciato un’intervista. Belotti inoltre sottolinea che “i debiti di Cremona, intorno ai 30 milioni nei confronti di Lgh, li pagherà qualcun altro non certo noi” anche perché “nella proposta sottoposta a tutti i sindaci i dati sul debito di Aem Cremona, così come lo spegnimento anticipato dell’inceneritore di Cremona che ha un costo, nessuno li ha mai visti”.

Lo scorso 12 gennaio i soci di Lgh (Cogeme di Rovato, Asm di Pavia, Astem di Lodi, Scs-Scrp di Crema e Aem di Cremona) avevano accettato l’offerta vincolante presentata a novembre da A2A. Prima, a giugno 2015, avevano sottoscritto una lettera d’intenti, a cui è seguita per mesi una fitta negoziazione che rimanda la sottoscrizione del contratto per l’acquisizione del 51% di Lgh al prossimo 4 marzo. Rovato e Cogeme sono decisivi, visto che per ratificare l’operazione serve una maggioranza del 70 per cento.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Che si svegli il sindaco del mio paesello. Da quando è stato eletto ne ha infilata una peggio dell’altra. Adesso fa la voce grossa su LGH. Ho visto i manifesti in paese del circolo del PD rovatese dove sottolineano come in 46 anni di vita di Cogeme questo è stato il primo e unico sindaco a mandare in minoranza il comune di Rovato. Che si vergogni e vada a nascondersi.

  2. ora che il PD controlla il cda vedremo cosa saranno capaci di portar a casa ! Con il buco di Cremona come la metteranno ? Avanti PD aspettiamo i vostri risultati dato che siete più “bravi” di Belotti&CO

  3. Belotti deve solo starsene zitto e nascondersi. Gli auguro di non trovare in giro nessun dipendente della società perchè altrimenti la sente dai diretti interessati com’è stata percepita la sua gestione politica della situazione.

  4. Avendo lavorato per anni a Cremona e visti i fallimenti delle giunte PD sono sorpreso che il debito sia solo di 30 milioni……..

  5. A parte che fino a due anni fa la giunta di Cremona era a guida centrodestra con un certo Oreste Perri. Se andiamo a vedere i conti di LGH con l’arrivo del centrodestra a Cazzago S.M. e Rovato, primi due azionisti di Cogeme si vedono di quei risultatoni……

  6. Matematica: 113mln x 58% (quota cash) x 30,98% (azioni Lgh di Cogeme) = € 20,3mln ENTRO I TRE ANNI cioè 2019.
    Da segnalare
    20,3mln-10mln debito Cogeme vs Lgh siamo a 10,3. Con questi 10,3mln verranno finalmente distribuiti i dividendi (comprese le riserve votate in assemblea dei Soci da alcuni Sindaci) già messi nei bilanci comunali passati. Morale della favola: i Soci di Cogeme (alcuni contrari) hanno venduto la maggioranza senza portare a casa nulla di nuovo e dimezzando i propri dividendi per il futuro.

  7. Quella di Perri (ex campione mondiale di canoa) è stata l’unica amministrazione di centrodestra della storia, e nel 2009 il Comune di Cremona era già messo molto molto male, con tasse già ai massimi e debiti da paura. E in città già 10 anni fa parlavamo di questi debiti di AEM, cui tantissimi stranieri non pagavano le bollette.

  8. Sig. Guidetti, visto che a meno di omonimie lei è uno degli amministratori del gruppo LGH, ci potrebbe spiegare come mai con l’arrivo del centrodestra a Rovato e a Cazzago S.M. nel 2012 i conti della società sono peggiorati di brutto nel triennio successivo? Sarebbe così gentile da spiegarci come mai dal 2012 in poi non sono stati fatti rispettare nella sostanza i patti parasociali che prevedevano l’amministratore delegato del gruppo LGH espressione del gruppo Cogeme?
    La ringrazio per le risposte che vorrà dare.

LEAVE A REPLY