Lombardia Orientale, il 9 se ne discute a Confartigianato

0

I numeri raccontano di un’altra Lombardia, operosa e attiva, altra rispetto a quella della Città Metropolitana, maggiormente raccontata e fotografata: stiamo parlando della Lombardia Orientale. Quella che con Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova rappresenta un polo economico d’eccellenza nel contesto lombardo. Per analizzare quali scenari e quali opportunità per le Mpi e l’artigianato su questo territorio, Confartigianato Imprese Brescia ha organizzato per mercoledì 9 marzo 2016, a partire dalle ore 18.00, presso l’Auditorium di Confartigianato di via Orzinuovi 28 a Brescia una tavola rotonda dal titolo: “Quale Lombardia?”. Un interrogativo al quale cercheranno di dare una risposta Emilio Del Bono, sindaco di Brescia, Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, Gianluca Galimberti, sindaco di Cremona, Mattia Palazzi sindaco di Mantova ed Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia, moderati da Riccardo Venchiarutti sindaco di Iseo e giornalista Rai. L’incontro vedrà la partecipazione di Angelo Carrara, presidente Confartigianato Bergamo, Massimo Rivoltini, presidente Confartigianato Cremona e Lorenzo Capelli, presidente Confartigianato Mantova. L’evento, aperto e libero a tutti, artigiani, imprenditori e cittadini, sarà introdotto da Carlo Piccinato, segretario generale di Confartigianato Brescia e vedrà la presentazione di uno studio realizzato e presentato da Licia Redolfi, dell’Osservatorio di Confartigianato che indagherà lo stato dell’arte e i numeri dell’economia e dell’impresa dei territori coinvolti.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Convegno interessante. Si è sprigionata energia operosa e voglia di collaborare. L’assenza giustificatissima di Del Bono (a cui inviamo vive condoglianze) non ha permesso di cogliere del tutto la posizione e l’importanza di Brescia e l’impostazione che i ns. Comune la ns. Provincia potrebbero dare ad una realtà così straordinaria dal punto di vista politico,istituziona le,culturale e sociale.

LEAVE A REPLY