E’ polemica sugli stipendi dei sindacalisti. Galletti (Cgil) divulga la sua busta paga

0

Ha fatto scalpore e sta generando discussioni il servizio della trasmissione Le Iene firmato dalla bresciana Nadia Toffa, relativo al tema delle buste paga dei sindacalisti. La giornalista ha pubblicato un post a riguardo sul suo profilo facebook: "Uno stipendio da 300mila euro all’anno supera di gran lunga quello di Mattarella e Merkel… Non male per un sindacalista! Certo, la Cisl, essendo privata, può fare quello che vuole, ma allo stesso tempo sono curiosa di sapere cosa ne pensiate".

Immediata la presa di posizione della Cgil bresciana, con il segretario generale Damiano Galletti che senza entrare nel merito dei contenuti del servizio ha inviato agli organi di stampa la sua ultima busta paga, la "più alta tra i funzionari Cgil a Brescia. Come si potrà notare – sottolinea Galletti – lo stipendio netto è di circa 2.375 euro (1900 di acconto e 475 in busta), di cui 190 euro per rimborsi chilometrici. Stipendio più che dignitoso sia chiaro, ma ben lontano dalle cifre di cui talvolta si favoleggia".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Che ragionamento è quello del netto? Si guarda il lordo. E poi cosa sono Euro 1.900 di acconto e 475 Euro in busta? Voci che non capisco cosa vogliono dire. Quanto prende lordo in un anno? Quanto gli viene dato come rimborsi spese? Quanto come benefit? Questo vogliamo sapere. Per uno che vuole rappresentare i lavoratori di oggi mi sembra comunque non in linea con i salari della gente che dovrebbero tutelare: precari, lavoratori di cooperative, disoccupati con indennità Naspi, lavoratori saltuari, piccole partite Iva, voucheristi, ritenuta d’acconto. Ma certo, questi che hanno bisogno non li tutelano, perciò…

  2. La Camusso, Segretario Generale, percepisce 3.850 euro netti al mese per tredici mensilità. Se Lei sa di tramini vari, si rivolga alla magistratura come persona informata sui fatti, altrimenti stia zitto. Grazie.

  3. bene per la trasparenza ma non fanno mai compitini bene fino in fondo: i bilanci dei sindacati per costituzione non sono pubblici “VOGLIAMO FARE QUALCOSA”? Art 39 costituzione italiana

  4. la Camusso e gli altri amichetti sindacalisti che non ci risolvono nulla , dovrebbero tenersi
    1500euro di stipendio netto, e di tutta la differenza eccedente farne una cassa per aiutare gli operai in difficolta’… comunque Camusso + Landini risultano percepire uno stipendio netto(incluse
    trasf erte ecc.ecc.) ben al di sopra di 3850euro netti al mese !!!!! informati meglio prima di affermare certe dichiarazioni!

  5. Anche loro, come i preti, chiacchierano bene (si fa per dire), ma poi, quando si tratta di dare il buon esempio e di dimostrare, razzolano male. Come possono quindi capire i problemi di quelli che dovrebbero rappresentare?

  6. Che corrispondono a quale lordo? Poi ci sono anche rimborsi spese, fringe benefit? Perchè quelli spesso fanno la differenza…

  7. La fonte è il quotidiano Libero, notoriamente una testata giornalistica bolscevica covo di sinistri assai pericolosi e disinformati…

  8. I sindacati sono enti non riconosciuti CHE NON HANNO MAI VOLUTO FARSI CERTIFICARE I BILANCI, che hanno raccolto tesseramenti OBBLIGATORI “salvo disdetta” in combutta con l’INPS e altri istituti nazionali (nei CdA dei quali sono presentissimi). Senza parlare delle loro attività esentasse e con benefici statali vari. Da stendere un velo penoso sui boccaloni.

  9. Quello comunicato da Galletti a me pare uno stipendio dignitoso e anche modesto in rapporto alle responsabilità e all’impegno richiesti. Non so come sia la situazione in altri sindacati. Secondo me il vero “valore aggiunto” nell’attività degli alti dirigenti sindacali è costituito dalla possibilità di passare, dopo il lavoro nel sindacato, dall’altra parte della barricata come consulenti presso le imprese oppure di usare il sindacato come trampolino di lancio per la carriera politica in parlamento.

  10. E per favorire il loro trampolino di lancio dobbiamo anche pagarli, e più dei lavoratori che dovrebbero rappresentare? Quanto a responsabilità ci sono persone che lavorano nel privato con mille responsabilità, anche pesanti, che comunque vengono pagate poco. Mah, anche lì dovrebbe intervenire il sindacato che invece tranquillamente fa finta di non vedere…

  11. Poi bisognerebbe vedere anche il livello culturale e d’istruzione di queste persone. A quanto mi risulta è spesso bassissimo. I sinistri continuano a pretendere lauree per i politici di destra, mentre nel sindacato vige la legge che chi più fa tessere e meno sa meglio è. E infatti ti trovi delegati e dirigenti con cultura sotto zero. Per esperienza ho visto che quelli che vogliono sapere e domandano vengono prima o dopo silurati.

  12. pienamente d’accordo con te amico…i molti che dai palchi operai sono ben presto passati alle poltrone dorate, marini , il cinese e prima di loro altri . galletti sarà in buona fede , ma certamente grazie alla leggina mister treu chissà quale pensione percepiranno . e poi chi ha lavorato con un sindacalista , chissà perchè quasi ogni venerdì si prendeva il suo bel permesso sindacale e tanti saluti …io a farmi il c..lo al lavoro , lui il sindacalista a spasso col camper !

  13. 2.375,00 euro al mese + 13a e 14a e rimborsi spese —- noi che conosciamo la matematica sono oltre 3.000,00 al mese! Vieni a spiegarlo a mio papà che è OPERAIO VERO e che dopo 30 anni di lavoro ha ancora oggi una busta paga di 1.250,00 al mese! SINDACALISTI …. uno schifo!

  14. Per dirla tutta, non dobbiamo dimenticarci delle agevolazioni pensionistiche o per meglio dire “Previlegi” nel calcolo della pensione che a loro sono stati aggiunti, mentre ai lavoratori venivano operati dei tagli.

  15. Il buon Bonanno insegna!!! e non solo lui. quasi quasi vado a fare il sindacalista nell’ultimo mese prima della pensione. !!!

  16. Dalla Busta Paga allegata, risulta uno stipendio di fatto di 3.414,46 euro lordi al mese, più indennità e rimborsi. Comunque, prendo atto che il Sig. Galletti ha avuto l’onestà di publicarla. !

  17. Premesso che sono un lavoratore dipendente e non un sindacalista mi sembra che un dirigente di un azienda privata (non parliamo di una pubblica!) di 2000 dipendenti non ha di sicuro uno stipendio sotto i 10.000 euro non capisco come possa stupire uno stipendio della Camusso sotto i 4000 euro quando gli iscritti sono oltre 500.000! Ma quanto prendono i vs direttori generali, i vs manager? Non si può insultare il lavoro di tutti se qualcuno o qualche organizzazione "ruba"!

  18. Dimentichi pero’ che il sindacato non e’ un’azienda qualsiasi. E’ un’organizzazione sociale non lucrativa che dovrebbe occuparsi dei problemi del lavoro e dei lavoratori, che si fonda sui principi di solidarieta’ e volontariato
    Quindi chi e’ dirigente come chi vi lavora dovrebbe farlo prima di tutto per passione rininciando a lauti stipendi ed accomtentandosi dell’essenziale. Questo almeno e’ quello che i dirigenti hanno sempre detto a chi bazzicava la triplice
    Che poi alla fine come i politici dicono una cosa e ne fanno un’altra questo e’ un altro discorso…

LEAVE A REPLY