Truffe per favorire l’immigrazione clandestina. Società cooperativa nel mirino della Procura

0

C’è una società cooperativa messa con le spalle al muro dalla Procura di Brescia, che attraverso un’indagine avviata nell’aprile del 2015 ha puntato il faro su un’organizzazione accusata di associazione a delinquere che operava nel Bresciano ma anche a Cremona, Mantova, Bergamo e Milano al fine di favorire l’immigrazione clandestina attraverso false assunzioni per ottenere permessi di soggiorno. 60, ad oggi, gli indagati, oltre 120 le persone coinvolte nei tre fascicoli aperti per questo caso.

Il focus è su un commercialista bresciano 42enne, oltre al legale rappresentante della società, attiva nella realizzazione di false fatture e documenti fittizi a scopo fraudolento. Ma c’è anche un secondo soggetto, il quale avrebbe avuto l’incarico di raccogliere le richieste dei cittadini extracomunitari per dirottarli al consulente. Una struttura organizzata, che si avvaleva della collaborazione di numerosi soggetti esperti in truffe e falsificazioni.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il lavoro prima agli italiani. Se si rispettasse l’art.4 della Costituzione che prevede che la Repubblica riconosce a tutti i cittadini ( e per cittadini si intendono gli italiani + gli stranieri con cittadinanza italiana acquisita) il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo lavoro, nascerebbero meno truffe sugli extracomunitari. La precedenza agli italiani andrebbe garantita secondo costituzione e fino a che vi è un italiano senza lavoro non dovrebbe essere collocato nessun extracomunitario. Invece la nostra Costituzione che tutti dovrebbero osservare fedelmente viene calpestata ogni giorno.

  2. Esistono cooperative rosse , nere e verdi. Se questa è a capo un commercialista dubito che sia rossa …. Parere personale

  3. Anche oggi sono stati portati sulle nostre coste altri presunti naufraghi clandestini. E’ stata poi votata la giornata del migrante anzichè quella dei piccoli imprenditori morti suicidi per debiti. I migranti se rispettassero le leggi non dovrebbero venire per mare mettendo in pericolo la loro vita, ma rispettare le leggi che prevedono requisiti stabiliti per entrare in altri Stati. Questa giornata è uno schiaffo alla legalità perchè santifica chi non le rispetta.

  4. Ma i TRIBUNALI italiani stanno per caso accettando i ricorsi dei falsi profughi che si sono visti rifiutare le domande di asilo? Chi ci informa su questo? Perchè la sentenza 18549 del 25 agosto 2006 della Cassazione ha rigettato un ricorso di di una richiesta di asilo rifiutata, in quanto il permesso di soggiorno che viene rilasciato è concesso solo fino all’esito della domanda di asilo che se è negativa non deve essere piu’ rinnovato. Perchè ci dicono che chi si vede rifiutata la domanda di asilo puo’ fare ricorso, se questa sentenza della Cassazione annulla di fatto questa possibilità? Stanno intasando i tribunali senza averne diritto? Chi ci informa?

  5. Stanno arrivando altri 1500 clandestini imbarcati sulle nostre navi. Si applicherà il reato di clandestinità al loro arrivo in Sicilia? Si attiverà il rimpatrio? Le Procure siciliane cosa faranno? Perchè non ce lo spiegano?

  6. Hanno appena dato la notizia in TV che la Corte Europea avrebbe stabilito che uno Stato membro puo’ rimandare un richiedente asilo in uno Stato terzo sicuro e che non viene privato della possibilità di dichiarare la domanda irricevibile. sIGNIFICA ALLORA CHE SI POSSONO RIMANDARE I sIRIANI NEI pAESI SICURI CONFINANTI QUALI IL lIBANO E LA gIORDANIA E LA TURCHIA OBBLIGATI DALL’ART.31 DELLA cONVENZIONE DI gINEVRA 1951 e tutti gli Africani in Africa nei paesi che hanno ratificato la Carta Africana Rifugiati . Non sarebbe ora di istituire Campi di protezione ONU nei vari continenti dove poter rimandare chi ci invade impropriamente visto che non siamo obbligati a dar loro asilo?

  7. Pare che i nostri rappresentanti europei abbiano ceduto su tutti i fronti con la Turchia che come l’India per i Marò mette in evidenza tutta la nostra debolezza. Visti liberi per i Turchi, scambio di clandestini, perchè questo sono i dichiarati profughi che piu’ che dalla Siria scappavano dai campi profughi. Cosi’ la Turchia, il Libano e la Giordania che secondo l’art.31 della Convenzione di Ginevra avevano il dovere di accoglierli senza punirli per il loro ingresso illegale e da qui però potevano andare in altri Stati solo se autorizzati, ce li mandano in Europa che è debole e sottomessa, anzi ci sottometterà all’ISLAM sicuramente! Tra l’altro è persino contro la legge Martelli dare asilo a un profugo già riconosciuto tale in Turchia. Ma le leggi non le rispetta piu’ nessuno!

LEAVE A REPLY