Massetti: il conto della malasanità italiana pesa sulle imprese bresciane

0
Bsnews whatsapp

Gli artigiani con Irap e Irpef pagano il rosso della sanità. La malasanità pesa soprattutto sulle tasche degli imprenditori, “costretti a finanziare con tasse sempre più alte la cattiva gestione dei conti regionali”. Lo sottolinea l’ultima analisi del Centro Studi di Confartigianato: tra il 2006 e il 2014, infatti, il sistema sanitario nazionale ha totalizzato perdite per 35 miliardi, con una media di 3,9 miliardi l’anno.

La sanità in rosso ricade sulle spalle delle imprese, a cui vengono aumentate le tasse per rientrare dei deficit accumulati. Confartigianato stima in circa 6mila euro (5.718 per la precisione) l’anno per impresa, la tassazione applicate in Lombardia tra Irap e addizionale regionale Irpef (i due tributi locali che finanziano il servizio sanitario).

«In molte regioni italiane – sostiene il presidente di Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Orientale Eugenio Massetti – la malasanità pubblica colpisce 3 volte gli imprenditori: da contribuenti devono pagare maggiori tasse per risanare i bilanci in rosso della sanità, da pazienti subiscono le inefficienze dei servizi e devono sborsare altri soldi per ricorrere alle prestazioni dignitose private». Confartigianato sottolinea poi che i ticket pagati dai cittadini, per una cifra complessiva di 3 miliardi sono aumentati del 33 per cento tra il 2010 e il 2014 e sono più alti nelle 8 Regioni in rosso. Non sempre, inoltre, dove la sanità costa di più, si registra la qualità migliore dei servizi. In Lombardia, per esempio, la quota degli utenti insoddisfatti della sanità è pari all’10,7% per cento. Il 19,9% dei lombardi è insoddisfatto sul vitto, il 14,2 sui servizi igienici delle strutture sanitarie pubbliche. Ve meglio che nelle regioni “in rosso”: I più penalizzati sono cittadini e imprenditori di 8 Regioni con Piani di rientro del deficit sanitario (Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Calabria, Sicilia, Piemonte, Puglia) che, per risanare le gestioni ‘in rosso’, subiscono un maggior prelievo fiscale di 1,8 miliardi, pari a 61 euro in più per abitante, rispetto alle Regioni con i conti sanitari in ordine.

Il conto più salato lo pagano le micro imprese delle 6 Regioni sotto Piano di rientro del deficit a pieno regime che, tra Irap e addizionale regionale Irpef (i due tributi locali che finanziano il servizio sanitario), devono sborsare in media 6.889 euro l’anno, vale a dire il 20,9% in più rispetto ai 5.700 euro di tasse versate dai piccoli imprenditori nelle Regioni più virtuose, vale a dire le Regioni non autonome che non sono sotto Piano di rientro.

Ma il mondo dell’artigianato bresciano può godere di importanti coperture sanitarie dedicate: il fondo nazionale San.Arti, sia per i dipendenti che per i titolari, e W.i.l.a., Welfare Integrativo Lombardo dell’Artigianato costituito presso l’Elba che eroga prestazioni di welfare contrattuale che completano il trattamento economico e normativo del lavoratore previsto all’interno dei contratti collettivi di lavoro artigiani, alimentato dalle aziende con un versamento di 5 euro mensili per ogni dipendente. «Con queste iniziative possiamo riprendere quanto di positivo era stato creato con la vecchia Cassa Mutua Artigiana. Uno strumento prezioso e valido per il settore. Per i dipendenti ci sono le dovute tutele, ma ai titolari di impresa chi pensa? Con San.Arti diamo una mano anche ai titolari, che se non lavorano non incassano» precisa Massetti.   

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Il problema di fondo resta l’introduzione dei ticket ed il pagamento a prestazione: due scelte che hanno spostato la sanità pubblica a business privato. Con competitors che si fanno una guerra spietata sperando paradossalmente che i malati aumentino ed aumentino le prestazioni più remunerative e persino le prescrizioni di terapie non necessarie. Inoltre, la popolazione invecchia sempre di più e sempre meno giovani entrano stabilmente nel mondo del lavoro a garantire con la contribuzione la sostenibilità del sistema. Tra pochi anni saremo al capolinea, quello dove i meno abbienti pagheranno il conto finale di una politica a dir poco dissennata.

  2. Ma questo Massetti cosa vuole! Abbiamo capito tutti che vuole candidarsi con il Pd alle prossime elezioni politiche. Il suo protagonismo sta penalizzando la Confartigianato , gli artigiani non sono tutti del Pd .

  3. pesa sui cittadini onesti paganti tasse ticket bolli iva che non scaricano ne recuperano nulla anzi pagano senza avere servizi degni di un paese democratico primo tra tutti la sanita’

  4. Guarda Pippo che non ci sarà solo Massetti in Confartigianato ma almeno altri due che correranno con grande seguito negli artigiani. Chi troppo vuole nulla stringe!

  5. Poveri artigiani, salassati solo loro, secondo Massetti. Intanto l’87% del gettito totale IRPEF viene da lavoratori dipendenti e pensionati (questi ultimi tassati come in nessun altro Paese della Comunità Europea). Il restante 13% da tutti gli altri contribuenti. Poi c’è l’IRAP (trattasi di imposta regionale) per la quale occorre determinare il “guadagno” dell’anno di riferimento, più precisamente il valore della produzione netta derivante dall’attività esercitata. Ossia occorre sottrarre dai ricavi, i costi dell’esercizio. Dopo ciò si avrà l’utile al lordo d’imposta. Su questo valore va calcolata l’IRAP, la cui aliquota è attualmente del 3,9%. Sì, il 3,9% dell’utile al lordo di imposta. Beh…

RISPONDI