No al kebab nel negozio storico. In corso Garibaldi insorgono inquilini e residenti

0
Bsnews whatsapp

130 firme per dire no al kebab. È scontro aperto tra i residenti di corso Garibaldi (soprattutto quelli del civico 19) e il Comune di Brescia. L’ex farmacia Caponati, infatti, potrebbe diventare un bar con servizio di fast food a base di kebab negli stessi ambienti dove, dal 1897, si vendevano medicinali un negozio storico con pavimento in seminato veneziano, soffitti e arredamenti di grande valore artistico.

Il proprietario ha affittato la struttura a degli indiani che secondo i firmatari stanno rovinando la facciata di un palazzo storico, che conserva anche affreschi del Settecento. L’amministratore ha inviato una petizione alla Loggia, che ha chiamato in causa anche la Soprintendenza.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Ma come? Io per mettere una tettoia di 1 metro in una palazzina dell’anonima periferia devo fare migliaia di documenti e sorbirmi code chilometriche e questi possono sfregiare un palazzo storico in 5 minuti? Robe da matti

  2. Il centro deve essere il biglietto da visita della nostra storia, della nostra cultura, della nostra bellezza, delle tradizioni (anche commerciali). Sveglia sindaco!!!

  3. Io invece dico che vota pd: il solito cattocomunista pieno di soldi ma che fa la morale agli altri con la pancia piena, scaricando sugli altri, i vicini, il problmea, e credendo di fare del bene affittando un negozio di valore artistico culturale che lui manco sa. Ma per far vedere alle varie caritas (di cui sicuramente fa parte) fa quest’opera di bene per guadagnarsi un pezzo di paradiso. E chi se ne frega di chi ci sta intorno, della cultura e di tutto il resto. Speriamo che ci sia qualche cavillo per impedire questo scempio

  4. sarà il solito forzista-leghista bottegaio pieno di soldi ma che fa la morale agli altri con la pancia piena, scaricando sugli altri, i vicini, il problema, e credendo di fare del bene affittando un negozio di valore artistico culturale che lui manco sa.

  5. Il proprietario ha il diritto di affittare il locale a chi cavolo vuole. Come mai non c’è stato nessun bresciano che ha preso in affitto in negozio ?

  6. Forse perchè intraprendere un’attività oggi che non c’è mercato per nulla vista la grande concorrenza e la poca domanda, oltre alla burocrazia e alle tasse, non conviene, non c’è guadagno. Mentre loro hanno agevolazioni che noi non abbiamo

  7. Evidentemente gli indiani e i cinesi e simili sono buoni pagatori. Se fossi proprietario di locali li affitterei preferibilmente a cinesi. Parlano poco. Lavorano. Pagano.

  8. Augurati che paghino e sia tutto in regola. Altrimenti succede come a tanti che hanno dovuto affittare a stranieri e si sono trovati anni di insoluti oltre alle utenze e locali distrutti.

  9. Ah gia’ ci mancava l’africano che abita in india e che non ha altro da fare che di occuparsi dell’ombelico del mondo, cioe’ di brescia…

RISPONDI