Latte contaminato, sessanta persone iscritte nel registro degli indagati

0
Bsnews whatsapp

Sessanta persone sono state iscritte nel registro degli indagati per l’inchiesta relativa al latte inquinato da aflatossine, che avrebbe fatto comodo ad alcuni casari per il suo costo ovviamente ridotto.

Per fortuna le ormai celebri forme di Grana contaminate non sono uscite dai depositi, ma nei giorni scorsi sarebbe emersa la commercializzazione di altri tipo di formaggio contaminato, i cui pezzi sarebbero finiti in alcuni ristoranti della provincia.

Sotto la lente d’ingrandimento c’è anche l’Istituto zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia Romagna, con sede a Brescia. Gli inquirenti stanno cercando di capire se l’Istituto – che lavora anche per privati – abbia seguito le norme in vigore o se siano state omesse le segnalazioni.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Gli istituti come lo zooprofilattico non dovrebbero lavorare anche per i privati, dovrebbero semplicemente vigilare sulla salute pubblica!!!

  2. Si ma secondo qualcuno qui il latte "bio" bresciano è il migliore, il più controllato , il top del top, all'estero invece solo latte radioattivo, a Brescia solo qualità ahahaha

  3. Le aflatossine erano già nel mais utilizzato per alimentare i bovini. Ai veganvegetariani non resta che mangiare i sassi del Mella.

  4. Aspettavo la tua solita lagna sul latte bio , le semper chela ….. cambia minestra …
    Adesso ti faccio un esempio anche se so essere completamente inutile ( non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire anche se nel tuo caso comincio a pensare che proprio non ci arrivi …) , in Italia lo scandalo parte dal fatto che si è utilizzato del latte oltre il limite legale di 50 ppt di aflatossina mescolandolo con del latte di un valore inferiore per ottenere un latte di massa che rientrasse completamente nei parametri , lo sai che in Italia ed in Europa il limite è 50 ppt??? Bene , caro il mio sapientino , la stragrande maggioranza del latte in polvere che arriva in Italia ( per una questione solo di prezzo inferiore) proviene da paesi extra Europa ad es Ucraina ( conosci Chernobyl demente?) Bielorussia , Moldavia , Lettonia , ( immagina che super controlli possono fare in questi paesi ….) dove il limite per le aflatossina è molto molto molto più alto …. Con la polvere di latte si fanno tutti quei bei formaggi a pasta filata che a quelli come te piacciono tanto ( galbanino , mozzarella santa Lucia, Philadelphia ecc ecc ) o le basi per mozzarelle per pizzerie, yogurt, cioccolata tipo kinder e tutti quei prodotti che dietro un marchio nazionale ad es galbani , osella , parmalat , invernizzi , nascondono una multinazionale straniera a cui della provenienza del latte , non importa nulla purché costi poco …..a queste multinazionali i bambini come te , che fanno la guerra al made in italy , piacciono tanto perché fanno il loro gioco ….. DESEDET ANDORMET

  5. L’ Italia produce meno della metà del latte di cui ha bisogno. Ringraziamo Germania , Paesi dell’Est, Francia ecc. che ce lo vendono. E a buon prezzo.

  6. Infatti , giusto , ringraziamo anche tutte le aziende straniere che ci fanno concorrenza a prezzi inferiori , e a costi inferiori , così da poter mettere in crisi le aziende italiane ….. ma come si fa a ragionare così

  7. Grazie alla Francia, al Canada e anche all’Australia per il frumento che ci vendono. Grazie a loro mangiamo il pane. ( leggete le tabelle sulle nostre importazioni di generi alimentari : sarà una sorpresa, amara )

  8. Ho comperato al mercato di… – da un bancarella gestita da italiani – un paio di calzoni ” made in China ” a 10 euro.” In un negozio ” cinese ” a Brescia ho visto gli stessi identici calzoni a 5 euro. La Cina fa risparmiare me e ( giustamente ) guadagnare gli ambulanti italiani.

  9. Ringraziamo il Cile per le mele, la Tunisia per l’olio e le olive, il Marocco e la Spagna per le arance e i mandarini. E infine ringraziamo il Paese dei Balocchi a cui mandare tutti i creduloni.

  10. Ma, secondo te, perchè i calzoni cinesi costano così poco? E perchè nel negozio italiano li paghi 10 Euro e in quello cinese 5?

  11. Legga bene : Il negozio era di cinesi. La bancarella era di italiani. E il mio barbiere cinese mi costa un terzo di quello italiano.

  12. Ho letto bene: il negozio era di cinesi, la bancarella di italiani. Cosa cambia? Presumo tutte e due in regola, giusto? Quindi: perchè da una parte costano 10 e dall’altra 5 secondo te? E perchè il barbiere cinese costa un terzo di quello italiano?

  13. Quindi, siccome tutti guardano al proprio portafoglio, anche l’imprenditore fa bene a ricattare i dipendenti non pagando le ferie che non riescono a smaltire, assumere gli interinali evitando le festività, non assumere ma mettere a partita Iva i collaboratori che poi fanno i dipendenti, dando i minimi contrattuali e se potessero nemmeno quelli, non rinnovando i contratti aziendali e quelli di categoria. E quindi fa bene anche lo stato a non voler rinnovare i contratti ai suoi dipendenti. A proposito: quanto pagava dal suo barbiere italiano per il taglio? Io 21 Euro e il mio non si può permettere crociere e viaggi vari, anche se in famiglia sono solo lui e la moglie, hanno il mutuo da pagare, l’affitto del negozio e le tasse e con i miei soldi e quelli degli altri clienti che ha riesce a pagare queste spese.

  14. Questo signore che vuole a tutti i costi risparmiare andando al miglior offerente, mi piacerebbe sapere che lavoro fa. Se anche a lui applicassero lo stesso principio cosa direbbe. Oppure è il solito sinitro che pensa che gli altri (i padroni) si arricchiscano alle sue spalle e lui povero impiegato pubblico o privato è sfruttato a vita, ma non rinuncia alle sue tutele…

  15. Che discorsi da fallito …. se il barbiere andava in ferie in posti esotici evidentemente se lo poteva permettere …. e se ci andassi tu in ferie scommetto che non ci sarebbe nulla da ridire perché le tue ferie sono meritate ….. Frustrato

  16. E magari e’ il classico sinistro che e’ per la solidarieta’ con i soldi degli altri e sfruttando la miseria e le situazioni di bisogno (invece di pagare di piu’ perche’ piu’ bisognodo) e contro gli evasori individuati solo in chi lavora in proprio.

  17. Quindi sei tu che crei un danno alla societa’ sfruttando la miseria e la poverta’ perche’ ti fa comodo. Non sei quindi una persona degna di far parte della societa’ civile.

  18. Anche i ricconi di un tempo facevano le opere di bene ed aiutavano i poveri risparmiando sui loro servitori, facendo fare a loro i sacrifici e facendo loro la bella figura credendo di guadagnarsi il paradiso. Con gente come grazie cina siamo a questi livelli di civilta’!

  19. Al GRAZIE CINA: e magari, con i soldi risparmiati sui disgraziati, ti fai anche il macchinone per poi sparare sull’evasione e sulla lotta di classe, sui diritti (i tuoi), vero?

  20. E dove vai? In qualche baracca di ultima categoria gestita da pachistani o marocchini? Nel lusso no altrimenti regali i tuoi soldi ai gestori per comprarsi la lamborghini. Buone vacanze…

RISPONDI