I treni elettrici mandano in pensione quelli a gasolio sulla tratta Brescia – Cremona

0

"Fatti e non parole. E’ con questo preciso obiettivo – spiega Sorte – che si sta muovendo la Regione Lombardia anche sul fronte della mobilita’. E cosi’, dopo averlo promesso, domenica 17, a seguito dell’attivazione di un distributore di gasolio provvisorio a Brescia che garantira’ il rifornimento di tutti i convogli della linea Brescia-Parma, tutte le 31 corse della linea Brescia-Cremona potranno essere garantite da convogli elettrici. Un beneficio anche per l’ambiente; infatti, rispetto ad oggi, Cremona godra’ di una diminuzione del 50 per cento dei convogli diesel di passaggio per il rifornimento di gasolio".

Anche il consigliere regionale Carlo Malvezzi esprime la sua soddisfazione: "Si tratta di un altro importante passo avanti per il servizio ferroviario dedicato ai pendolari cremonesi. Anche in questo caso, gli impegni assunti da Regione Lombardia per il nostro territorio sono stati mantenuti, a dimostrazione dell’attenzione riservata ai pendolari che da tempo attendevano questo miglioramento. Terminati i lavori RFI a Brescia, Trenord passera’ a sostituire subito i treni diesel, dimostrando di aver ben chiare le problematiche e le richieste del territorio cremonese.

Certamente, il mio personale impegno per il trasporto ferroviario che interessa l’intero territorio provinciale non calera’ d’intensita’".

"Anche Trenord, come gia’ in altre occasioni – concludono Sorte e Malvezzi – conferma di lavorare in modo competente per fornire il meglio ai propri clienti.

Anche se i recenti dati sulla puntualita’ della linea Mantova-Cremona-Codogno-Milano confermano un netto miglioramento rispetto ad un anno fa, ci sono ancora margini per migliorare un servizio utilizzato da tanti studenti e lavoratori, adeguando soprattutto l’infrastruttura di RFI. Trenord concentrera’ il proprio impegno anche su altre linee, tra cui la Cremona-Crema-Treviglio che presenta ancora criticita’".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Bene i treni elettrici. E bene i termoutilizzatori – incluso quello di Brescia – che bruciano rifiuti e producono energia elettrica. Ricordiamo inoltre che l’energia elettrica è prodotta in Italia bruciando combustibili. E’ l’altra faccia della medaglia.

  2. Bene i treni elettrici. E bene i termoutilizzatori – incluso quello di Brescia – che bruciano rifiuti e producono energia elettrica. Ricordiamo inoltre che l’energia elettrica è prodotta in Italia bruciando combustibili. E’ l’altra faccia della medaglia.

  3. Bravo. E le ceneri pesanti da comubustione di qualcosa come mediamente 800.000 tonnellate di rifiuti di qualsiasi genere e provenienza sono anch’esse una scossa salutare. Sì, per ogni tipo di patologie soprattutto neoplastiche (tumori).

LEAVE A REPLY