Sirmione, a Palazzo Callas inaugurata la mostra dedicata alla 1000 Miglia

0
La rocca di Sirmione
La rocca di Sirmione
Bsnews whatsapp

E’ stata inaugurata ieri (sabato 9 aprile) la mostra dedicata alla Mille Miglia storica, nella raffinata cornice di Palazzo Callas Exhibitions in piazza Carducci a Sirmione. È il primo di una serie di eventi con cui la cittadina celebra l’eccellenza italiana e mondiale della Mille Miglia, in attesa della prova speciale del prossimo 19 maggio.

“La Corsa nel tempo, 1000MIGLIA 27/38”: un suggestivo racconto per oltre 50 immagini provenienti dalla Fondazione Negri, ricordi di un’epoca straordinaria e pionieristica, dal 1927 al 1938. L’evento ha il patrocinio di 1000Miglia, Consorzio Lago di Garda Lombardia e Provincia di Brescia, e la collaborazione di vari sponsor.

«Visitare la mostra è una piccola emozione, un anticipo di quella più grande che proveremo nel giorno della prova speciale sul percorso, quando Sirmione si affollerà di appassionati, famiglie e turisti. Questa è un mostra di motori e di volti, parla della gente che ha fatto la Mille Miglia». Nelle parole dell’assessore alla Cultura di Sirmione Mauro Carrozza anche il ricordo a Roberto Gaburri – presenti in sala la moglie Luigia e la figlia –, stimato imprenditore bresciano, gentleman driver e già presidente di 1000Miglia srl. «Roberto sarà con noi anche quest’anno attraverso i pensieri di tutti coloro che parteciperanno alla corsa».

Alla cerimonia inaugurale, moderata dal giornalista Attilio Facconi, autorevole storico della Mille Miglia e firma di numerose pubblicazioni sulla grande corsa, sono intervenuti anche Giuseppe Cherubini, membro del comitato organizzatore e responsabile del percorso della Mille Miglia rievocativa, il presidente del Consorzio Lago di Garda Lombardia Franco Cerini, il presidente del Consorzio Albergatori e Ristoratori di Sirmione Fabio Barelli, il presidente della Fondazione Negri Mauro Negri e Cesare De Agostini, tra i più conosciuti e affermati scrittori di storia dell’automobilismo, considerato il più autorevole storico di Tazio Nuvolari. Proprio De Agostini ha affascinato il pubblico con alcuni passaggi leggendari della carriera del grande Nuvolari, le sue partecipazioni e le due vittorie alla Mille Miglia e il suo incontro con D’Annunzio nel 1932, fatalmente ispirato dalla “decima musa, la velocità”. Presente in sala anche Franca Boni, la “regina” delle dame, con all’attivo ben venti partecipazioni e dodici vittorie alla corsa più bella del mondo.

In piazza Carducci, quattro prestigiose auto d’epoca hanno accolto e fatto sgranare gli occhi degli ospiti: un’Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagato del 1933, una Fiat 508 S Balilla Sport del 1934, una Lancia Augusta Bertone cabriolet del 1934 e una Rally NCP Salmson del 1935.

Fino al 3 luglio potranno essere ammirate le oltre cinquanta fotografie di grande e grandissimo formato, in bianco e nero, provenienti dalla Fondazione Negri, custode dello storico patrimonio fotografico dello Studio Negri di Brescia e del più importante archivio sulla Mille Miglia. Un filmato d’epoca dell’Istituto Luce offre ai visitatori la possibilità di immergersi completamente nello spirito della corsa. Per gustarsi al meglio la visita e sentirsi come a casa… salotti e divani esprimono il meglio dell’accoglienza sirmionese e consentono al visitatore di viaggiare indietro nel tempo, con comodità ed eleganza assoluta.

Il Museo Nicolis di Villafranca (Vr), noto per le numerose collezioni private di auto, moto, mezzi e strumenti d’epoca, espone al centro della mostra sirmionese un motore originale Lancia Artena, 1933-34 , 4 cilindri/1924 cc, 55 cv a 4000 giri. La Lancia Artena fu presentata al Salone di Parigi nel 1931; dotata di una meccanica robusta e affidabile in grado di garantire adeguate prestazioni, venne prodotta fino al 1940 in quattro serie per un totale di oltre 5.500 esemplari e altri accessori che celebrano il mondo dei motori.

La mostra “La Corsa nel tempo, 1000MIGLIA 27/38” rimarrà aperta fino al 3 luglio 2016: tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19 (venerdì e sabato fino alle 22), sempre a ingresso libero.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI