Commercialisti specializzati in frodi al Fisco per 70 milioni in Lombardia. 69 le denunce

0

Maxi operazione regionale della guardia di finanza questa mattina all’alba, con perquisizioni nelle province di Brescia, Bergamo, Lodi, Milano e Varese disposte dalla Procura della Repubblica di Brescia nell’ambito delle indagini sulle frodi fiscali.

Le indagini sono in corso, ma è già chiara l’esistenza di  una vera e propria organizzazione radicata nell’Ovest bresciano dedita alla gestione fraudolenta di numerose aziende, per lo più del settore edile. A dirigere le "operazioni" uno studio commercialistico lombardo specializzato in consulenze mirate a frodare lo Stato.

69 persone sono già state denunciate, per una frode che complessivamente ammonterebbe a circa 70 milioni di euro.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Poveri lavoratori dipendenti, costretti a pagare le tasse fino all’ultimo centesimo. Bella la vita per chi può fare magheggi con il fido commercialista!

  2. Attendiamo il comunicato di fuoco della Assessore alla Sicurezza, Simona Bordonali contro questi criminali. Oppure tacerà omertosamente per non perdere voti? Stiamo a vedere.

  3. Però il ruolo della Bardonali non c’entra niente con questa cosa. Guarda, anche a me fa ridere il fatto che se un immigrato si lamenta del riso della mensa ci sono 100 commenti, ma se si scopre che il fisco è stato frodato per 70 milioni di euro dalle aziende solo 3 commenti, però mi pare inutile una frecciatina del genere.

  4. Prima di scrivere “commercialisti” occorre verificare che tali soggetti siano o meno iscritti all’ordine professionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di sedicenti fiscalisti che non hanno nulla da spartire con i veri commercialisti che non lavorano per frodare il fisco.

  5. Aspettiamo la solita retorica del sinistro sfruttato che da 50 anni da’ le colpe di tutti i mali all’evasione ms che da sempre nemmeno i suoi governi, paladini della giustizia sociale, sono mai stati capaci di eliminare…

  6. Per questo aspettiamo che sia la BOrdonali a confermarci che l’evasione fiscale é un crimine, peggiore di tanti altri. Anche l’evasione intacca la nostra sicurezza. Peró vedo che tace: avrà paura di perder voti?

  7. Non ha alcun colore politico la condanna assoluta dell’evasione fiscale perchè quei soldi, circa 120 miliardi di euro ogni anno, sono indebitamente sottratti alle casse dello Stato che non li può investire in sanità, istruzione, infrastrutture, pensioni, ecc. Piuttosto il problema è anche un altro: rispetto ad altri paesi, su tutti gli Stati Uniti, i reati fiscali sono puniti in modo ridicolo sempre che, con i tempi biblici della giustizia, si arrivi ad una sentenza. Anche qui ci distinguiamo, in peggio ovviamente.

  8. Non ha talmente colore politico che nessuna forza politica e’ mai stata capace di eliminare il fenomeno. Al massimo ne hanno fatto un cavallo di battaglia per illudere i soliti scontenti, come fa la sinistra. Ma poi nulla…

  9. Vero anche che l’evasione viene considerata da molti come un male minore. Basta confrontare i commenti che seguono qs notizia con quelli che vengono urlati quanto uno straniero é autore di un reato qualsiasi, anche ben più grave di qs. Tanto per fare un confronto 70milioni equivalgono a circa 5mila profughi per un anno.

  10. Ed equvale anche a dare un reddito di cittadinanza ai disoccupati. Ma anche questo non viene adeguatamente capito…

  11. 60 miliardi all’anno costa la corruzione degli apparati dello Stato; oltre 120 miliardi di elusione ed evasione fiscale. L’Europa chiede interventi in tal senso per impedire i ladrocini e il Governo risponde con attacchi allo stato sociale (scuole, ospedali, pensioni…) Potremmo essere uno dei paesi più felici ed, invece, ce lo stiamo giocando favorendo i ladri e mettendo in ginocchio gli onesti che sono ancora la maggioranza, ma subiscono come se fossero la minoranza!

  12. Ma che zz dici? Quando ti mettonodavanti altre priorita’ rispetto ai tuoi amati stranieri tiri fuori cose che non c’entrano

  13. Dove é più forte la Lega, maggiore é l’evasione e la frode fiscale. Ovvio. La base dell’organizzazione criminale é a Chiari.

  14. Mamma mia che qualunquismo di discorsi che fa il solito sinistro frustrato. Invece di dire le solite scemenze rompi al tuo renzi, che da anni governa, affinche’ risolva questo problema, visto che siete i paladini dell’antievasione. Mah, gia’ e’ tutta una scusa per gettare fumo negli occhi dei soliti creduloni. Alla fine siete al potere ma non siete capaci di risolverlo.

  15. Ma i calcoli dell’evasione sono come quelli che ci mostra Striscia la Notizia in merito al comportamento dell’Agenzia delle Entrate?

  16. Quindi, secondo il ragionamento del sinistro medio, tutti leghisti e fascisti, vero? Non sapevo quindi che anche i terroni sono leghisti…

  17. Con metodi diretti ed indiretti il calcolo è fatto dall’ISTAT e dall’Agenzia delle Entrate. Ma si tratta di un calcolo, quello dell’ISTAT utilizzato anche a livello europeo, per difetto non includendo elusioni e reati di frode fiscale. Le stime passerebbero così orientativamnete dai 120 miliardi ad oltre 200 miliradi di euro l’anno. Ottimo e abbondante…

  18. Andiamo con ordine: io pago regolarmente le tasse consentendo a chi evade il fisco, ad esempio, di usufruire ugualmente e gratuitamente dell’assistenza sanitaria. Però chi evade, non solo trae vantaggio da questo beneficio, ma con il capitale evaso si può permettere quelle spese sanitarie extra che io non potrò più permettermi perchè parte dei miei soldi sono serviti al ladrone di stato; la mia vita sarà così più a rischio della sua. Cosa dire, quindi, dell’evasore se non peste e corna???

  19. Dove sono le orde che urlano e ululano contro i delinquenti stranieri? Questi sono molto, ma molto, ma molto peggio, fanno un danno enorme alla collettività in particolare ai più deboli, ai bambini, agli anziani, ai malati. Nessun comunicato degli assessori regionali così solerti a lanciare strali quando uno straniero ruba una mela. Tutti composti, attenti a non urtare sensibilità inconfessabili. Altrimenti ciao voto.

  20. I politici che urlano contro i criminali stranieri e che tacciono quando i criminali nostrani (ben più dannosi) vogliono il voto sia dei razzisti che degli evasori, che poi sono sempre le stesse persone. L’indagine della guardia di finanza é partita da Chiari e zone limitrofe, dove molte sono state le imprese edilizie che hanno fatto giro di milioni sfruttando la manodopera straniera durante il periodo d’oro, mentre la Lega raccoglieva i frutti della speculazione politica contro gli immigrati invasori. Contro i criminali evasori o truffatori mai una parola dalla Lega, nemmeno ora che arriva la GdF: ladroni a casa nostra !

  21. specializzati nelle truffe allo stato, sempre colpa dei commercialisti, se così fosse perché l’ordine non li cancella visto che prende fior di soldi dagli iscritti onesti?

  22. Chissà come mai per alcune “emergenze” i fondi si trovano (vedi l’ultima paccata di soldi per dotare di telecamere i mezzi pubblici), mentre per altre, come un’efficace contrasto all’evasione fiscale o all’inquinamento da parte delle aziende ci raccontano sempre che mancano le risorse…

  23. E’ inutile ripetere sempre le stesse cose. Te la devi prendere con lo stato che no ti tutela ed in particolare con questo governo che, ancors una volta e nella classica maniera della sinistra che chiacchiera solo contro gli evasori, non fa nulla di quello che dice e non risolve il problema. Anzi lo favorisce: vedi l’aumento della soglia del contante, da mille a tremila euro. Questa e’ in concreto la lotta all’evasione che fa la sinistra…

  24. E il tuo pd cosa fa x contrastare l’evasione e lo sfruttamento? Niente. Alza solo il livello del contante per contrastarla!

  25. Il limite una volta era 12500€, poi il governo Prodi l’ha abbassato a 5000€, poi Berlusconi l’ha rimesso a 12500€, poi Monti l’ha abbassato a 1000€, adesso Renzi lo ha alzato a 3000€. Io non ho mai sentito nessuno lamentarsi quando era 12500€, ma ho sentito molti lamentarsi quando è passato a soli 1000€ e ora ci si lamenta del fatto che siamo saliti a 3000€. Il limite al contante è solo una parte della lotta all’evasione, da solo non basta di certo, ma se invece della pancia ragioniamo con la testa possiamo tranquillamente fare una classifica dei governi che hanno combattuto l’evasione con questo sistema (che, ripeto, non è la soluzione, ma solo una parte di essa): 1°Monti con 1000€ 2°Renzi con 3000€ 3°Prodi con 5000€ 4°Pari merito Berlusconi e governi precedenti con 12500€. Coerenza, questa sconosciuta.

  26. A me quello che davvero interessa è che la società civile, una volta per tutte, la capisca che i delinquenti, i criminali, i ladri sono gli evasori fiscali che affamano il popolo. Sarà che questa pseudo sinistra, ma questa denominazione la usa solo Renzi e qualche povero allocco credulone, almeno dice che l’evasione è un male sociale, mentre l’altra pseudo categoria politica, ovvero la destra manco ne parla!

  27. Concordo con 15,27
    Comunque, e mi rivolgo al numeroso pubblico apolitico nel quale mi annovero, fateci caso, i commenti alle notizie vengono subito rigirati in chiave politica. E immancabilmente il sasso viene scagliato quasi sempre dal pirla di dx che non cerca di trovare soluzioni al problema. Il problema è causato sicuramente dalla sinistra, dimenticandosi che i politici che hanno mangiato a dx per anni non hanno fatto nulla. Sono tutti uguali, dx e sx, probabilmente ai piani alti fa comodo lasciare tutto così.

  28. Premesso che l’evasione fiscale esiste in tutti i paesi del mondo, anche in quelli più avanzati e che sono state approvate numerose leggi per combatterla (vedi gli studi di settore, l’antiriciclaggio, la tracciabilità dei pagamenti, etc) con più o meno successo, non riesco a capire perchè l’esistenza degli evasori giustifica i crimini violenti, spesso commessi da immigrati.

  29. Guarda che la gente non è scema, le cose le sa. Ed è inutile che continui a ripeterle. Il problema è che nessuna forza politica vuole affrontare seriamente il problema. C’è una sinistra che da almeno cinquantanni continua a blaterare e a illudere i poveri elettori sinistroidi che farà e sistemerà, promettendo mari e monti, sempre per i voti, e poi alla fine non fa niente, e una destra che nicchia sperando di prendere i voti dei furbi. Il tutto all’italiana, come per l’8 per mille che nessuno ha il coraggio di toccare. E’ tutto qui. E alla fine la gente, come sempre, o non vota o è costretta a farlo turandosi il naso.

  30. Siccome il ns sistema fiscale è molto complesso, alla fine mettendo nuove regole finisci per penalizzare chi non evade, costringendolo, per esempio ad aprire un conto corrente, con i relativi costi e ad utilizzare il bancomat che, francamente, non ti dà l’idea di quello che ti esce…

  31. L’evasione come la riforma dell’8 per mille sono quegli argomenti che vanno affrontati con una battaglia di civilta’ nel mondo civile. Serve una giusta e trasparente informazione, che non prenda la solita piega politica fra chi si fa paladino e chi nicchia, ma che faccia finalmente cadere con la civiltà’ tutto quell’alone di omerta’ e di paura irrazionale, tutte quelle convenzioni e convenienze piccole e meschine che fanno trionfare gli approfittatori come i preti e gli evasori, che alla fine vivono sull’ignoranza, le convenienze e le paure irrazionali.

  32. Non scherziamo, se è vero che l’evasione fiscale è un male endemico in tutti i paesi del mondo, in Italia raggiumnge la massima punta dell’iceberg. Infatti siamo tra i primissimi posti a livello internazionale e solo secondi, ma forse anche primi alla Grecia travolta da una gravissima crisi economica e sociale, grazie all’evasione fiscale diffusa e a governi collusi o proni con i
    ladri di stato.

  33. Dai allora renzi, risolvilo come nella migliore tradizione di sinistra, sto problema. Basta chiacchiere, givernate voi…

  34. Sembra quasi che tu voglia irridere qualsiasi giusto riferimento alla lotta all’evasione fiscale e a quegli s….. che la praticano

  35. Come contraltare, oggi si celebra un nuovo record assoluto di stock del debito pubblico, aumentato in un solo mese di 14 miliardi di euro. Mancano le entrate, magari proprio dalla lotta senza quartiere all’evasione fiscale ? Pazienza, si aumentano i debiti…

  36. Voglio solo dire che e’ uno dei problemi cronici del ns paese, come le riforme delle pensioni, del pubblico impiego e dell’8 per mille. Tutti chiacchierano ma alla fine nessuno mette mano seriamente alle questioni perche’ vai a scontentare una platea di soggetti, che evidentemente votano in tutte le direzioni. E quindi al politico medio non conviene. Un timido tentativo, sulle pensioni, e’ stato quello della fornero…

  37. Scusa, ma veramente non capisco cosa vorresti dire. La riforma Fornero è stata in timido segnale, boia e cosa mai avresti voluto che si facesse mai?

  38. Sulle pensioni: tetto massimo alle pensioni di tutti (compresi parlamentari e politici vari) a Euro 3.000,00 lordi; ricalcolo di tutte le pensioni col metodo contributivo e integrazione delle pensioni ricalcolate con tale metodo tenendo conto del nucleo familiare, conviventi compresi. Cioè: persona sola riparametrazione al doppio della minima, cioè, se con il contributivo non supero circa Euro 1.000, io stato ti integro fino a tale somma, se lo superi no. Se col coniuge calcolo del nucleo e, se il nucleo non supera tre volte la minima integro fino a tale importo. Si potrebbe cominciare così a ricalcolare le pensioni: in base a quello che uno ha versato e un’integrazione da parte dello stato per garantire il minimo vitale. Non come oggi che ci sono pensionati andati in pensione con il retributivo e se gli calcoli in base a quello che hanno effettivamente versato gli dimezzi la pensione. Per non parlare delle baby.

  39. Dubito che la Corte Costituzionale consentirebbe il ricalcolo di tutte le pensioni col contributivo, lo dichiarerebbe incostituzionale come ha fatto per il contributo di solidarietà che, se non erro, lo ha dichiarato incostituzionale perchè previsto solo per il settore pubblico e non anche per quello privato ledeva il principio di uguaglianza previsto dalla Costituzione. In TV poi hanno detto che il sistema contributivo lo ha introdotto la Fornero, ma non è vero perchè è stato introdotto dalla legge precedente 335/1995 che però ha creato figli e figliastri in quanto lasciava nel piu’ privilegiato retributivo chi nel 1995 aveva già maturato 18 anni di contributi, mentre introduceva nel piu’ penalizzante contributivo chi a quella data non aveva maturato 18 anni di contributi. Questa legge si’ che contiene dei motivi di incostituzionalità perchè crea figli e figliastri. La Fornero questa disuguaglianza l’ha di fatto eliminata prevedendo per tutti (o quasi) il contributivo. Le vere rimostranze semmai da fare alla Legge Fornero oltre agli esodati è come mai non tutti rientrano nel contributivo, si dice che i giornalisti rimangano nel retributivo, e come mai alle pensioni sociali non si sia alzato il tetto dell’età pensionabile. Semmai viste le pensioni da fame che avranno coloro che percepiranno la pensione solo col contributivo e al fine di evitare guerre tra poveri, lo Stato dovrebbe garantire per tutti l’importo della pensione sociale che si regala a chi non ha contributi, e chi invece ha versato contributi verrà conteggiata la pensione in base ai contributi versati. Cosi’ si avrà chi non ha mai versato contributi che percepirà la minima di 500 euro e chi invece ha lavorato una vita versando contributi avrà garantita la cifra di pensione minima alla quale si aggiungerà la pensione contributiva. Se non si farà cosi’ succederà che chi ha versato contributi del lavoro di una vita percepirà meno o uguale a chi non ha versato nulla.

  40. Se per la pensione sociale si erogano 500 EURO a chi andrà in pensione col contributivo da fame si darà la cifra di 500 euro + l’mporto determinato dai contributi versati col contributivo. Solo cosi’ non si creeranno ingiustizie tra chi ha versato e chi no.

  41. Condivido il commento di a esempio. Effettivamente la prima vera riforma è stata quella di Dini, sempre timida. Ma non possiamo dimenticare che il problema della sostenibilità delle pensioni si fa sempre più incalzante e quindi va affrontato. Bisognerebbe anche staccarsi dall’idea del “io ho versato (che poi è il tuo datore di lavoro che ti ha versato i contributi, sempre se hai la fortuna di averne uno serio e di avere un lavoro dipendente, altrimenti ti devi arrangiare anche in questo) e quindi voglio”, credendo che quello che ha versato uno sia sufficiente a garantirgli una pensione dignitosa. Niente di più falso. Quello che secondo me bisognerebbe fare, oltre a quello che ho scritto, sarebbe una riforma complessiva del mercato del lavoro, che non lasci spazio a scuse. Reddito di cittadinanza per tutti con obbligo di essere disponibili per lavori nei comuni o in altri enti per servizi alla collettività. Obbligo di accettare, pena perdita di tutto, compresa la pensione, un lavoro proveniente dal centro per l’impiego con possibilità di lasciarlo trovandone un altro a tua scelta, centri per l’impiego che funzionino, pensione garantita a tutti alla fine, indipendentemente da quello che si è fatto (dipendenti o autonomi). Ci sarebbe alla fine un fondo dove tutti contribuiscono e finirebbero anche le sperequazioni tra chi prende tanto e chi poco. La pensione uguale per tutti. Poi se sei stato fortunato o bravo nella vita di guadagnare di più devi essere altrettanto bravo a saperli investire per la vecchiaia. Mi sembrerebbe più equo, toglierebbe tutto questo egoismo sul io ho fatto e quindi voglio, e tutelerebbe tutti, anche chi non ha avuto la fortuna di avere un buon lavoro.

  42. Non lo so se il reddito di cittadinanza sia una soluzione praticabile, se sia sostenibile o se incentiverebbe il lavativismo facendo adagiare sugli allori. Di sbagliato fino ad ora a mio parere vi è stato il mancato rispetto della Costituzione ma soprattutto la mancanza di un impedimento alla emanazione di leggi incostituzionali. Se come in Francia esistesse nella nostra costituzione la possibilità del controllo preventivo di costituzionalità delle leggi, come è il loro art. 61, probabilmente nel campo pensionistico non ci sarebbero state tante disparità di trattamento come quelle realizzate con il retributivo e nemmeno le pensioni baby, ma che pur con tutta l’indignazione che possono creare oggi, che i nodi sono venuti al pettine, non è certo colpa di chi di queste leggi ha beneficiato per pura volontà dello Stato. Già perchè col retributivo, lo Stato, altro non ha fatto che regalare una parte considerevole della pensione, a chi piu’ a chi meno, ma ha regalato comunque a tutti. Di sbagliato però nella legge 335/1995 vi è stato, a mio parere, l’introduzione del contributivo non per tutti il che ha creato disparità di trattamento e privilegiato chi aveva 18 anni di contributi continuando a regalare loro il retributivo, mentre penalizzando e non regalando nulla a chi quei 18 anni purtroppo non li aveva. Allora se vale il discorso che la Corte Costituzionale ha fatto quando ha bocciato il contributo di solidarietà definendolo incostituzionale perchè previsto per il settore pubblico e non anche per quello privato ledeva l’uguaglianza, allora lo Stato parimenti per non ledere l’uguaglianza avrebbe dovuto inserire il contributivo per tutti nel 1995. La Fornero pur avendo creato altri disagi ha però sanato questa disparità. Comunque la Costituzione non pare legittimare un reddito di cittadinanza, mentre invece all’art. 38 primo comma prevede che tutti i cittadini inabili al lavoro e sprovvisti di mezzi per vivere abbiano diritto al mantenimento e all’assistenza sociale. Col contributivo, succederà fra molti anni che la pensione non sarà sufficiente a garantire i mezzi per vivere una vita dignitosa, per questo credo che la pensione sociale di 500 euro che lo Stato garantisce a chi non versa nulla dovrebbe garantirli anche a chi ha il contributivo ai quali chi lavora e versa contributi potrà vedersi aggiungere la pensione che le spetta in base ai contributi versati che se andrà come ora sarà da fame visto che non si prevedono perequazioni al costo della vita.

  43. Dimentichi pero’ che oggi avere un lavoro sicuro e’ un privilegio. E quindi perche’ mai uno che ha la possibilita’ di poter esprimere quelli che sa fare, avendo anche una propria autonomia dovrebbe essere privilegiato e quindi avere di piu’ du pensione rispetto a chi queste opportunita’ non le ha mai avute? E’ vero che i babypensionati hanno utilizzato una legge delli stato, come anche i polutici, ma quando questi provvedimenti sono sbagliati e’ giusto intervenire per correggere queste storture e quindi trovo doveroso ricalcolare quelle pensioni in base a quello che hanno versato e, se non raggiungono la minima ed e’ l’unico reddito viene adeguata a quell’importo e se sommata a quella del coniuge supera tre volte la minima prendi per quello che hai versato. Mi sembra equo come trattamento e rispettoso verso le generazioni future. Il sistema del reddito di cittadinanza funziona se si riforma il mercato del lavoro e si adottano seri provvedimenti per rendere finalmente funzionali i centri per l’impiego.

  44. Ti faccio un esempio successo tra i miei parenti. Un libero professionista che ha versato alla propria cassa pensioni 120mila euro ha ricevuto una pensione a 65 anni che supera di poco i 500 euro.Ti pare giusto che allora alla stessa età lo Stato regali come ha fatto e sta facendo ancora 500 euro a parenti 65enni di immigrati che non hanno versato nulla oppure anche ai nostri italiani che arrivano a 65 anni e che non hanno versato nulla percepiscono 500 euro di pensione, Una bella disparità tra chi ha lavorato e versato e chi no. Quando c’era il retributivo questa realtà non emergeva perchè di fatto la pensione sociale era di circa la metà di quella retributiva che prendeva operaio, mentre ora si rischia persino che la pensione sociale superi la pensione contributiva. Per avere una pensione di 1500 euro si dovrebbe versare circa 400mila euro e chi ci riesce.

  45. Siamo partiti dalla lotta all’evasione fiscale che determina la rovina dell’Italia ed ora state concentrando tutta la questione sulle spalle dei pensionati che per andare in pensione lavoreranno in parallelo alle aspettative di vita con stipendi che se lasciati al contributivo con i chiari di luna attuali per l’economia italiana significheranno salari di m. Corruzione, elusione, ed evasione fiscale fanno ridere rispetto alla pochezza dei vostri ragionamenti che, da quel che par di capire sono sul versante di chi fatica e problemi economici non sanno quasi cosa siano!!! Basterebbe solo 1/30 di recupero degli sperperi e degli ammanchi causati dalla mancanza equa contribuzione allo Stato per sanare pensioni, ospedali, scuole, mancanza di prospettive di lavoro e povertà di ogni tipo.

  46. Evidentemente non hai letto bene il mio pensiero. Sto in pratica dicendo quello che hai detto tu che col contributivo si avranno pensioni da fame e che lo stato dovrebbe aggiungere a queste pensioni da fame 500 euro che regala a chi non ha versato nulla per non fare discriminazioni e garantire una vita dignitosa a chi si troverà a percepire la pensione solo col contributivo. Se tu sei in grado di dire come si evita la corruzione, l’evasione e l’elusione fatti avanti, perchè nessuno ci è riuscito fino ad ora, o non ha voluto. Mentre invece sono stati bravissimi a intervenire sulle pensioni introducendo il contributivo ma non per tutti a quanto sembra. Intanto si potrebbe cominciare portando nel contributivo anche chi ancora oggi percepisce il retributivo

  47. L’evasione contributiva pesa per circa 2 miliardi di euro all’anno, l’evasione fiscale per 120 miliardi l’anno, la corruzione per altri 60 miliardi l’anno. Qualsiasi legittima riflessione sui sistemi pensionistici pregressi ed attuali riporta sempre a questi dati ed anche all’aumento costante del debito pubblico: 14 miliardi di euro solo l’ultimo mese. A conferma che l’Italia, come sistema Paese, si sostiene solo facendo debiti su debiti. Finchè i tassi sono a zero, resistiamo, ma basterebbe uno 0,50 di aumento per riportarci nellla nebbia più fitta.

  48. Non stai capendo il pensiero che ho espresso, legato come sei al fatto individualista ed egoista della pensione, mentre deve essere un sistema solidale, che accompagna alla pensione anche chi non ha avuto la fortuna di avere un lavoro sicuro e quindi una carriera lavorativa stabile. E quindi non deve più esistere la circostanza che uno versi e pretenda ed uno no e non abbia. Oggi infatti è sbagliato che chi versa prende quelle miserie e chi non ha mai versato prenda le stesse miserie. Dev’essere un sistema unico (dipendenti e autonomi) dove con un centro per l’impiego funzionale dirotti tutti i lavoratori nelle destinazioni lavorative che il paese offre e tutti partecipano, avendo la fortuna di lavorare, al sistema pensionistico con i presupposti che ti ho detto e con le pensioni che ti ho scritto. E partecipino anche per chi il sistema non è riuscito a collocare. Altrimenti, comunque si creerebbero disparità ed inoltre il sistema ci rimetterebbe pagando, oltre la pensione sociale a tutti, anche quella versata. Il sistema pensionistico dev’essere un sistema solidale, non un sistema alla comunista individualista (la contraddizione calza a pennello) dove solo alcune categorie, privilegiate perchè hanno il datore di lavoro che pensa per loro, abbiano e gli altri si arrangino (autonomi, disoccupati, ecc…)

  49. Te l’ho già scritto più volte: siete al governo, risolvete il problema dell’evasione! Non continuate con si risolverebbe e si potrebbe, ecc. Sono tutte cose che sappiamo già da decenni. Vogliamo i fatti… E siccome governate voi e sapete tutto su questo argomento, fate…

  50. Governate voi??????? Sono comunista e come farei a governare un paese come l’italia dove siamo sempre stati all’opposizione?

  51. Non è solo l’evasione fiscale che rovina l’Italia, ma anche l’invasione clandestina illegale fatta passare per diritto di asilo. E’ passata in sordina la notizia che la Germania spende 90 miliardi in 5 anni ossia 20 miliardi l’anno per i costi dell’immigrazione.e che la Merkel è in difficoltà e cerca di correre ai ripari per calmare le proteste dei tedeschi che chiedono con forza l’interruzione degli accordi con la Turchia prevedendo una invasione devastante da quei luoghi. Quanto costa a noi la spesa per questa invasione illegale e il diritto di asilo non dovuto non è dato saperlo ma sarebbe da aggiungere ai dati della corruzione, evasione ecc. Nei 14 miliardi mensili di debito pubblico andrebbe analizzato anche questo dato che sarebbe facilmente risolvibile immediatamente con le leggi che abbiamo e che non ci obbligano ad accogliere nè a dare asilo a nessuno

  52. Devo dare ragione a domandino ( oggi pioggia e grandine ) e anche io sottoscrivo la proposta,di report . A questo,punto è l unico modo per uscirne .

  53. Aggrappatevi pure agli specchi pur di far passare gli schifosi corrotti ed evasori nel marasma generale. Pensionati, immigrati e perchè non ammalati, si perchè anche questi costano allo stato, continueranno a coprire le nefandezze dei primi e le loro responsabilità nell’affamare ed opprimere i più deboli che da sempre sono i più tartassati dal fisco, oltre a tenere in piedi lo stato sociale? Sia ben chiaro chi fino ad oggi l’ha fatta franca sono coloro che hanno goduto dei benefici fiscali grazie ai condoni, alle leggi “speciali” per i presunti rientri dei capitali nascosti dai paradisi fiscali, chi nasconde le fatture, coloro i quali, in poche parole chiamiamo arricchiti alle spalle di chi come i lavoratori dipendenti pagano fino all’ultimo le tasse, ovvero gli intortati da sempre, per dirla in parole povere!

  54. Ribadisco un concetto di fondo: i problemi dell’Italia sono tanti, compreso quello dell’immigrazione come fenomeno non correttamente inquadrato e ancor peggio gestito negli anni. E tanti altri problemi: la verticalizzaizone della scala sociale, il depauperamento del sistema di welfare e della sanità pubblica, l’assistenza e il sostegno alle fasce più deboli, la debàcle pensionistica. Tanti problemi che risolveremmo se uno su dieci (uno su dieci !) degli evasori di questo Paese, popolato da troppi furbi, troppi privilegiati, troppi arricchiti illegalmente si decidesse a pagare quanto le leggi fiscali vigenti gli impongono come cittadino. E aggiungiamoci pure uno su dieci dei corrotti e uno su dieci degli evasori contributivi. Ripeto: è una questione di priorità e quella della lotta all’evasione, all’elusione ed alla corruzione è la priorità per eccellenza oggi in Italia. Proprio perché con quei sacrosanti denari che ci sono dovuti sosterremmo ben altri costi ed esborsi pubblici. Chiaro ?

  55. Quindi anche il pd non risolve il problema evaione fiscale e non ti identifichi con esso. Ma oggi chi ti rappresenta?

  56. E alla fine concludiamo affermando il grande fallimento dello stato e dei politici, tutti, su questi annosi problemi di un’italietta che in 150 anni ha solo aggravato la vita dei poveri cittadini. Nessuno, alla fine, mette mano a questi macroproblemi. Colpa di questo o colpa di quello ma la soluzione nessuno la vuole adottare. Percio’? Continuiamo a dare addosso agli evasori, ai dipendenti pubblici lazzaroni, ai preti mantenuti, ai politici corrotti, al sud incapace e casinista, agli extraconunitari che non si integreranno mai, alla scuola come parcheggio, ai babypensionati e pensionati d’oro…

  57. A guardar bene non c’è una forza politica impegnata nella lotta all’evasione fiscale; un problema trasversale che ci fa capire in che razza di paese viviamo e perchè il suo declino è già segnato!!!

  58. Appunto. Quindi smettiamola con il solito discorso della destra che evade e della sinistra che paga tutto ed e’ onesta. Nessuna forza politica alla fine ha la volonta’ di risolvere il problema. Parliamo quindi dell’opportunita’ di tenere insieme uno stato solo per gli interessi delle lobbies di cui sopra (partiti e sindacati compresi).

  59. Almeno adesso non ci sarà il solito sinistroide chiuso nelle sue quattro idee trite e ritrite che dice che per l’immigrazione a Collio o a Pontoglio o in altri posti, piovono mille commenti, mentre per l’evasione poco o niente… Mi sembra proprio che non sia così… Argomenti che urtano la suscettibilità della gente ma che rimangono inascoltati da tutta la politica…

  60. ……..quindi, visto e considerato che l’immigrazione è un argomento assai caro alla dx fascistoide facciamolo diventare un bel tema di distrazione di massa che fa così tanto comodo ai ladri di stato, e questo che dovremmo fare?

  61. Guarda che il comunismo è morto, sepolto sotto le sue macerie e le sue nefandezze. L’unico paradiso comunista che sopravvive allo stato non inquinato è la Corea del Nord. Se ti piace tanto, facci un salto.

  62. Come alla sinistra e’ assai caro il tema dell’evasione e ricominciamo da capo senza venirne a capo di nulla e aggravando soltanto questi problemi…

  63. Stessa cosa evadere capitali che servirebbero per l’educazione, il lavoro, la salute, la previdenza e l’immigrazione, ma allora all’ottusità non c’è proprio fine. Continuiamo ad usare l’immigrazione come strumento di distrazione di massa e alè!!!

  64. Ancora con le solite polemiche che non risolvono nulla. Eravamo finalmente arrivati al punto di dire che nessuna forza politica ha la volontà di combattere l’evasione e quindi il problema rientra nei macroproblemi dell’Italia, che nessuno risolverà ed era inutile polemizzare con altri argomenti, e adesso si ricomincia con la solita solfa. Si vede che alla gente come te piace fare polemica sterile…

  65. Dai allora, sprona i tuoi politici a risolvere il problema. I tuoi sicuramente sono contro l’evasione, vero? Ma quando intervengono?

  66. Vuoi vedere che, come al solito, i sinistri sbagliano e i commenti sull’evasione superano quelli sui clandestini? Sinonimo quindi che l’argomento è molto sentito e la gente è molto risentita a causa dell’evasione. Eppure, se è un problema generale e impellente, quello dell’evasione, perchè tutti i politici non intervengono e non lo risolvono? E la gente che ci tiene così tanto a non evadere per chi vota allora, visto che nessuna forza politica li rappresenta? Ma questa gente è sicura di essere la maggioranza?

  67. L’unica evasione fiscale che i cittadini percepiscono come reale è quella che sta dietro alla droga e alla prostituzione, l’altra è invisibile alla gente. Mentre l’immigrazione clandestina la percepisce sulla propria pelle quando gira per strada, nei supermercati quando vogliono il carrello con insistenza quasi al limite della molestia, c’è poi chi subisce violenza e chi perde i propri cari, come nel caso di Kabobo o del Cara di Mineo dove un falso profugo pare aver ucciso 2 anziani incolpevoli e poi i 35 euro al giorno con cui si mantengono a spese nostre dei clandestini che non ne hanno diritto, quando poi non si regalano loro le protezioni umanitarie o sussidiarie o il diritto di asilo vere e propri stipendi da manager. L’immigrazione clandestina e il diritto di asilo non sono armi di distrazione di massa ma un enorme problema che non si vuole risolvere, altro che Mafia Capitale!!!

  68. Anzi ho dimenticato tra le evasioni che la gente percepisce come reali c’è anche quella che sta dietro ai vu’ cumpra’, ai parcheggiatori abusivi, ai lavavetro tutti reati di esercizio abusivo di mestiere girovago art.669 codice penale su cui nessuno ha nulla da obiettare

  69. A proposito il processo a quel falso profugo del Cara di Mineo che ha ucciso 2 anziani, si farà o andrà in prescrizione? Non avrebbe dovuto essere fatto immediatamente?

  70. La verità é che la stragrande maggioranza degli italiani é evasore o connivente: o evade o accettata di pagar in nero. Meglio vedere la pagliuzza negli occhi degli altri che la trave nel proprio occhio.

  71. I preti lo insegnano, anzi, sono maestri di vita nel guardare i difetti degli altri ma non i propri. Se lo possono permettere…

  72. Popolo di evasori avanti che tanto vi nascondiamo dietro i commenti conniventi o dietro qualche immigrato che utilizzo per distrarre il popolo beota!!! Cazzo, ma che razza di gente abbiamo a che fare? Altro che pagliuzza e trave, qui volutamente confondono le vagonate di tondino con gli stuzzicadenti.

  73. Capisco che tu abbia molte domande che ti frullano in testa, Kompagno, visto quanto ci capisci. Una domanda te la pongo io: ” ma che razza di gente abbiamo a che fare?”, puoi tradurla in italiano?

  74. Tanto se mon c’e’ una scusa ce n’e’ un’altra per cacciarci addosso altri problemi che nessun politico, compresi i tuoi ha la volonta’ di risolvere…

  75. Essere realisti è essere limitati? Continua a vivere nel tuo mondo dei sogni con i tuoi amati sinistri che ti continuano a raccontare la favoletta della loro lotta all’evasione che dura da settant’anni a persone piccole di cervello come te che ancora ci credono… Forse nell’al di là ti renderai conto delle loro bugie… Mah, già, per voi sinistroidi non esiste un al di là. C’è solo un al di qua campato in aria…

  76. Evvai che l’articolo sull’evasione supera quelli sui clandestini, a riprova di quanto sia sentito il problema dalla gente, ma quanto poco lo sia per tutti i politici…

  77. Essere sinistri, alla fine, è come essere preti: si vive di bugie e di astrattismi. Si sono sempre combattuti, apparentemente, ma poi sono simili, anzi uguali. Palle su palle….

  78. Bene tanti commenti: vuol dire che la gente comincia a capire che non é un argomento minore, ma é il principale. Tutti soldi tolti ai più deboli, agli anziani, ai bambini, ai malati. BASTA !

  79. Tutti concordi e compatti nel considerare gli evasori fiscali come ladri di Stato e affamatori del popolo! Prepariamoci quindi, ad una mobilitazione straordinaria e trasversale per contrastare questa crimine che da decenni affligge le sorti civili di questo paese che con l’aggiunta della corruzione si va sempre più impoverendo oltre a mettere gli italiani in ginocchio.

  80. E con l”aggiunta di un’invasione incontrollata di stranieri, un finanaziamento pubblico ai preti, le pensioni d’oro, le baby e le retributive, una pubblica amministrazione di lazzaroni strapagati e intoccabili affamano il popolo e affliggono le sorti civili di questo paese…

  81. Per parlare di invasione bisogna conosce i numeri. Quanti sono secondo te in percentuale gli immigrati in Italia e quanto sono aumentati nell’ultimo anno? Vediamo se i numeri ti danno ragione.

  82. Gli esempi fatti ora servono solo a coprire le canaglie di evasori fiscali, infatti, rappresentano 1/10 degli effetti devastanti provocati dall’evasione. Di questo dobbiamo solo prenderne atto nonostante i tentativi che qualche furbacchione e connivente cerca di fare depistandone le responsabilità che sono più che oggettive!

  83. Non servono a coprire un bel niente. Sono tutti problemoni. Che vanno risolti. E tutti prioritari Nè più nè meno come quello dell’evasione. Non è che risolvendo quello dell’evasione d’incanto si risolvono gli altri. Questo per far capire che è inutile giustificare tutto il resto con l’evasione. Risolviamoli seriamente finalmente e non giustifichiamo gli altri con l’evasione…

  84. Tu li hai i numeri, visto che qui entra chiunque e le anagrafi, da tempo, non tengono più il passo di chi entra e chi esce in un comune?

  85. E quanta evasione c’è nelle finte opere di bene della chiesa? Nelle varie onlus, più o meno benefiche? Perchè non andiamo a vedere cosa c’è dietro quello che si vuol chiamare volontariato?

  86. Caro @@?????????????????? ?, se hai le cifre precise, sai con certezza dov’è che si annida, e sai anche come fare per debellare l’evasione, mi domando come mai nessun politico prende la palla al balzo ed interviene. Più facile di così… E poi c’è uno stuolo di persone che, come te, è integerrimo e paga fino all’ultimo centesimo. Sai quanti voti si prenderebbe questo politico? Perchè non lo fa nessuno? Il problema, adesso, è molto sentito dalla gente, basta vedere quanti commenti raccoglie…

  87. Fare di tutta un’erba un fascio è il miglior modo per non cambiare nulla, ma serve solo a giustificare che tutti sono ugualmente responsabili dello sfascio.Un bel accidenti: l’evasione, l’elusione…. costano allo Stato oltre 200 miliardi l’anno, ovvero 10 finanziarie. Questo modo di depistare e sottolineo depistare, è come mettere sullo stesso piano un assalto ad un furgone di valori e un pezzo di formaggio intascato in un supermercato, deprecabili entrambi, ma con responsabilità impossibili da mettere sullo stesso piano. L’evasore fiscale è un criminale e dev’esserlo altrettanto il pensionato col retributivo? Ma va là!

  88. Visto che non capisci il senso di quello che scrivo e la butti sulle priorita’ ti domando: e’ piu’ importante la lotta contro lo sfruttamento lavorativo (anche legalizzato da paghe e contratti da fame) o l’evasione?

  89. Le paghe da fame e lo sfruttamento lavorativo appartengono alla sfera privata e di lotta sociale che i lavoratori devono poter acquisire con organizzazioni sindacali veramente rappresentative e non concertative come sono state in questi ultimi anni CGIL-CISL-UIL. La lotta all’evasione fiscale rappresenta la sfera dei doveri pubblici e pertanto di rispetto della legge che ne dovrebbe curare le prerogative. Per questi motivi chi evade il fisco è nè più nè meno paragonabile a un qualsiasi malfattore.

  90. “…di rispetto della legge che ne dovrebbe curare le prerogative…” Che vuol dire? Capisco che tu ti possa porre tante domande, visto che, probabilmente, pensi cose che non riesci a comprendere.

  91. Invece il reato di sfruttamento lavorativo, come quello di clandedtinita’ appartengono alla sfera privata, quindi problemi dai quali lo stato e i politici possono tranquillamente prescindere. Bravo, bella lezione di sinistra…

  92. …curare le prerogative della legge, in questo caso vuol semplicemente dire: mettere in galera gli evasori fiscali e fargli pagare il ladrocinio fino all’ultimo centesimo. Capisco che non ti è facile da capire…..

LEAVE A REPLY