Regione, il bresciano Rolfi è il nuovo presidente della Commissione Sanità

0
Bsnews whatsapp

Fabio Rolfi, 39 anni, di Brescia (Lega Nord) è il nuovo Presidente della Commissione Sanità. L’elezione è avvenuta stamattina a Palazzo Pirelli nel corso della seduta settimanale di Commissione.  Rolfi, indicato da tutti gli esponenti della maggioranza (FI, Lega Nord, Lista Maroni, NCD, Pensionati), ha ottenuto  47 su 77 voti rappresentati, 30 le schede bianche.  PD, Movimento 5 Stelle e Patto Civico si sono astenuti. 

Rolfi  ha ringraziato il Vicepresidente Angelo Capelli (NCD) per “avere guidato la Commissione in un periodo non certamente facile, riuscendo però a portare avanti importanti lavori che erano stati calendarizzati”. Rolfi ha poi aggiunto: “Adesso siamo tutti impegnati, e io in prima persona, a ridare serenità e autorevolezza a questa Commissione che è centrale rispetto al nostro sistema sociosanitario regionale e verso la quale c’è molta attenzione. Vedremo nelle prossime ore con i colleghi dell’ufficio di Presidenza della Commissione di mettere a fuoco un’agenda che sia in grado di recuperare e smaltire progetti e atti che abbiamo in arretrato, così che la Commissione ritrovi la sua regolare tabella di marcia”.

Rolfi  nell’Ufficio di Presidenza della Commissione è affiancato dal Vicepresidente Angelo Capelli (NCD)   e dal Consigliere Segretario Marco Carra (PD).  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. E bravo Rolfi. Con l’occasione, ci può far sapere nel cronoprogramma sulla Sanità lombarda, visti gli arretrati di lavoro e la necessità di ridare serenità, quando sono previsti i prossimi arresti di uomini politici del suo partito e di quelli alleati che governano la Lombardia da più di vent’anni ?

  2. Tranquillo, delinquenti e ladri come quelli del PD sarà impossibile da raggiungere.
    Si fa fatica a trovare uno del PD onesto.
    Continua a rosicare.
    W la Lega!

  3. Altro che rosicare. Il leghsita Fabio Rolfi sostituisce proprio in quel ruolo un altro leghista e Fabio, cioè Fabio Rizzi, consigliere della Regione Lombardia, ideatore del nuovo sistema sanitario lombardo nonchè braccio destro del governatore Roberto Maroni. Il 14 luglio costui, arrestato e in galera, sarà processato per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, turbativa d’asta e altri reati (impianto probatorio supportato da numerose intercettazioni). In un qualsiasi Paese normale si sarebbero dimessi Presidente e Giunta e si sarebbe restituita la parola agli elettori, visti anche i noti precedenti formigoniani proprio in tema di sanità. E invece tutti tranquilli, avanti come se nulla fosse per “smaltire gli arretrati e allinearsi a una regolare tabella di marcia”. Indecente.

RISPONDI