Il 22 maggio il primo Trofeo Gino Corioni, per dare un calcio al pregiudizio

0

Un altro sogno che, dopo le esperienze di Correre Liberalamente e del corso per bibliotecari in carcere per i detenuti degli Istituti bresciani, diventa realtà grazie alla convinta partecipazione di diversi player  che,  facendo rete e lavorando sinergicamente con impegno e grande  passione, sono riusciti a dar vita al Primo Trofeo Gino Corioni, all’insegna della solidarietà e dell’integrazione sociale, ricordando  il  grande Presidente del Brescia".

Così Silvia Razzi, in qualità di rappresentante dell’Associazione Lonato Oggi – che insieme all’Associazione Gruppo Idee ha organizzato l’evento – ha annunciato, nel corso della conferenza stampa svoltasi oggi a Palazzo Loggia alla presenza del Sindaco Emilio Del Bono, la manifestazione calcistica a scopo benefco che, domenica 22 maggio, vedrà protagoniste presso il campo Paolo VI di Lonato le squadre: Nazionale Rebibbia, Virtus Feralpi Lonato, Vecchie Glorie Brescia Calcio,  Ius  Sport  Avvocati  Provincia  di  Brescia,  squadra della Protezione Civile e squadra della Parrocchiale di Lonato.

Silvia  Razzi  non  ha  dubbi:  "creare  momenti  di  aggregazione  tra  detenuti  e  mettere  in contatto realtà carceraria e ambiente esterno è di fondamentale importanza nel percorso rieducativo e  per il successo del futuro reinserimento in società".

Da qui l’idea dell’esangolare di calcio realizzata, con il consenso e la collaborazione della famiglia Corioni, dall’Associazione Lonato Oggi in partnership con l’associazione Gruppo Idee  Roma,  dal  2007  impegnata  in  progetti  sociali fondati  sul  binomio  sport-carcere.

Come quello della Nazionale di calcio Rebibbia, composta da detenuti, agenti di Polizia Penitenziaria  e  volontari  e  "nata  –  come  ha  spiegato  in  conferenza  stampa  Zarina Chiarenza  di  Gruppo  Idee  – dalla  consapevolezza  che  lo  sport  con  le  sue  regole  che parlano  di  lealtà,  voglia  di  migliorarsi,  accettazione  della  sconftta,  gioco  di  squadra  e rispetto dell’altro e dell’avversario, possa essere una scuola di vita che riavvicini i detenuti al valore e al rispetto delle norme"

La Nazionale Rebibbia ha giocato negli anni con diverse realtà sportive, con lo scopo di promuovere i valori di cui è portatrice, dando vita alle giornate sportive "Un Calcio al Pregiudizio",  approdate  in  tutta  Italia.  Domenica  22  maggio  sarà  la  volta  di  Brescia: l’appuntamento è al campo Paolo VI di Lonato, a partire dalle 14.30.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. PALLONE…… La madre degli imbecilli è sempre incinta…tu forse sei uno dei suoi figli? prega Dio di non trovarti in situazione simili…come diceva mia madre non è mai sera per nessuno…cretinetti , gli avvocati giocheranno con “DIRITTO” La Protezione Civile con le “POMPE” MAMMA MIA CHE PENA

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome