Cacciatori di trofei, a Calvagese una convention sgradita agli ambientalisti

0

Li chiamano "cacciatori di trofei". Sono cacciatori appartenenti al Safari Club International che amano farsi immortalare con gli animali appena abbattuti. Gli iscritti alla divisione italiana si troveranno al Palazzo Arzaga di Calvagese della Riviera, struttura che fa parte della catena Blu Hotels, dal 10 al 12 giugno, ma gli animalisti insorgono e vogliono convincere i vertici dell’azienda ad annullare la convention attraverso una petizione che ha raccolto 30mila firme.

Tanti i selfie che circolano in rete, sopratutto con cervi e simili appena abbattuti. Per i firmatari della petizione "La caccia al trofeo è una pratica fuori dal tempo. Gli animali non vengono cacciati a fini alimentari, ma semplicemente per appendere la loro testa a un muro. Questo tipo di caccia riguarda anche specie protette come i grandi felini, rinoceronti ed elefanti ed e’ oggetto di una profonda controversia a livello mondiale. Questo tipo di caccia non contribuisce minimamente alla conservazione. Chiediamo a Blu Hotels di non rovinare la propria immagine ospitando una riunione di questo tipo". 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. In effetti questo esibizionismo fine a se stesso è abbastanza disgustoso. Lo dico da cacciatore. Il problema è che a questi ambientalisti patologici non va bene neppure la caccia ai fini alimentari. Ditelo agli africani di diventare vegani! ahahah!

  2. E dall’esistenza della macchina foografica che i cacciatori si fotografano con la preda, mentre prima della macchina fotografica, venivano fatti disegni dell’eventuale caccia da parte di artisti, tenendo presente che la caccia era praticata da nobili e benestanti. Ma comunque, la cosa che mi spaventa e mi stupisce e come sia possibile che sembri una novità usciata al momento, e mi spaventa il fatto di tale stupidità nel credere, confermare e dire, che è una novità una moda del momento.

LEAVE A REPLY