Ghedi, mercoledì il presidente della commissione Sanità Rolfi visita la Rsa

0
Bsnews whatsapp

Il consigliere regionale Fabio Rolfi, presidente della Commissione Sanità della Regione Lombardia, mercoledì 1 giugno sarà in visita alla "Fondazione Casa di riposo di Ghedi". Una visita, quella che inizierà alle 14.30 e che vedrà la presenza oltre che dei vertici della stessa fondazione ghedese presieduta da Federico Cavalli anche del sindaco Lorenzo Borzi e di alcuni esponenti della sua Giunta, che punta a conoscere nei dettagli l’attività e i servizi proposti da una realtà che viene considerata all’avanguardia nel proprio settore. In effetti la “Fondazione Casa di riposo di Ghedi” non è solo una Residenza Sanitario Assistenziale intesa nel senso più tradizionale. In effetti quest’ultima, con i suoi 109 posti (93 dei quali accreditati presso la Regione Lombardia, mentre 16 sono per il sollievo e la lista degli ingressi viene gestita all’interno), è una parte molto importante della sua attività, ma che non esaurisce un impegno che si estende pure al Centro Diurno Integrato all’Assistenza Domiciliare Integrata e all’Olympia Fisioterapia e Poliambulatorio, un ulteriore evoluzione grazie alla professionalità ed agli strumenti all’avanguardia a disposizione dello staff sanitario. Queste linee guida e tutte le caratteristiche della “Fondazione Casa di riposo di Ghedi” saranno esaminate dal consigliere Rolfi nell’incontro di mercoledì, una visita che vuole anche essere un semplice omaggio agli ospiti della onlus bassaiola ed uno stimolo per i suoi operatori a fare sempre meglio e a mettere a disposizione degli utenti (non solo appartenenti alla comunità di Ghedi) un servizio sempre migliore e di qualità sempre più elevata.     

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Non c’è fine al peggio. Il perito agrario Rolfi, che mai si è occupato nemmeno dei pomodori e delle rape, ora ha un importantissimo incarico, nientemeno che nella Sanità. Che possiamo aspettarci, se non il peggio.

  2. Non sa nulla di nulla di sanità ma é presidente della commissione sanità? Ma come si fa? Ti credo che i leghisti hanno paura che chi arriva senza alcun titolo di studio ne qualifica, gli possa portare via il lavoro.

  3. Sarebbe interessante sapere in base a quali competenze il signor Rolfi è stato nominato presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia. A parte l’appartenere allo stesso partito del suo predecessore finito in galera per associazione a delinquere, il perito agrario Rolfi non ha nulla nel suo curriculum che giustifichi la sua carica.

  4. Tralasciando i commenti sui ladri e sulle competenze, visto che non siete a conoscenza che le commissioni sono uno strumento politico, ovvero chi ne fa parte è Consigliere Regionale e non tecnico di parte, che i ladri e o malfattori stanno da tutte le parti perchè esserlo è una questione personale e non partitica, che come sempre si fanno discorsi popolusti e qualunquisti di nessun rilievo se non battute…. vi siete persi un passaggio …. credo che Rolfi sia laureato… ma certo oggi una laure non si nega a nessuno… giusto??

  5. Pensiamo e informiamoci prima di parlare a vanvera. Le Commissioni sono organi politici, Fabio Rolfi è stato eletto Presidente di un organo politico, con laurea in economia e commercio. Se vogliamo discutere in maniera sensata iniziamo dal nostro caro Ministro della Salute….diplomata in liceo classico…ecco….

  6. laurea in economia? Mi risulta che sia perito agrario, a meno che la Lega non abbia preso uno stock di lauree… una al Trota… e così via. O no?

  7. Bel dubbio: sul sito della Regione il curriculum di Rolfi parla di diploma di perito agrario e poi di una sua partecipazione attiva al Movimento studentesco della Lega presso la Facoltà di Economiaa Brecsia, ma non vi è traccia di conseguimento della laurea. Sul suo sito personale, invece, Rolfi dichiara chiaramente la Laurea in Economia e Commercio. Quindi…

  8. Voi non criticate l’assessore per ciò che non avrebbe (laurea e capacità eccezionali), ma per quello che si gode e vorreste avere pure voi:L’appannaggio regionale ed il potere…Una volta tanto, siate coerenti, compagnoskucci!

  9. veramente, non so te, ma io non cambierei un secondo della mia vita con Rolfi! stai sicuro. invidiare Rolfi ci vuole un bel fegato.

  10. Bè insomma mi par di capire che se un consigliere è laureato e presiede una Commissione non va bene ma se una diplomata in classico fa il Ministro della sanità per voi non fa una piega…chapeau!

  11. Mi ringrazia, il buon Fabius della segnalazione. E allora approfitto per invitarlo a rivedere, nel suo nuovo ruolo, sia il sisitema di accreditamento delle strutture sanitarie private della Lombardia sia i sistemi di controllo del manentimento dei requisiti di accreditamento. Si tratta di due gravi criticità nonchè la vera fonte di meccanismi clientelari e soprattutto corruttivi. Ci dimostri, il neo Presidente di Commissione, che dopo venticinque anni qualcosa si può e si deve cambiare. Ma temo che sarà dura…

RISPONDI