Brescia, spunta l’ipotesi Zeman. Ma prima servono ancora otto milioni di euro

0
Bsnews whatsapp

Dopo l’addio improvviso di Boscaglia, per il Brescia si apre l’ipotesi di un ritorno di Zdenek Zeman sulla panchina. Il tecnico boemo, infatti, avrebbe il desiderio di tornare ad allenare in Italia dopo la parentesi svizzera col Lugano (salvezza centrata) e in via Bazoli qualcuno avrebbe preso contatti con lui. Un segno di tranquillità da parte della società. Ma nel frattempo – nessuno lo dimentica – la priorità rimane trovare otto milioni di euro entro il 7 luglio per poter procedere con l’iscrizione al campionato di serie B.  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Contattiamo il Prof.Bazoli, per sessant’anni tifoso del Brescia e che ricordiamo per la presenza assidua non in tribuna ma in gradinata. Una telefonata e via: otto milioni da Banca Intesa. Sono bruscolini rispetto, ad esempio, ai 6 miliardi di euro prestati come noto da Banca Intesa al finanziare Zaleski, Presidente della camuna Carlo Tassara ed amico di Bazoli, per operazioni finanziarie finalizzate all’acquisizione di partecipazioni bancarie (fonte: “Il fatto Quotidiano” del 14 agosto e del 2 ottobre 2013).

  2. eh si ha ragione intesa …. ma il sig Bazoli e altri imprenditori finanzieri ecc sanno bene i debiti in seno al “brescia calcio” , sanno bene quanti altri soldini ancora ci vorranno poi ci per tutta la giostra e sanno bene come non ci sa un tornaconto almeno agli inizi …. vedremo se “per amor di patria….” qualcubo si fara’ avanti

  3. Il peggior allenatore della storia del calcio universale. Il più sopravvalutato, quello con il record mondiale di goal incassati. Persino il Milan non lo ha ancora ingaggiato.

RISPONDI