Cominelli (Pd): problemi analoghi per i siti Caffaro del Friuli e di Brescia

0

“Quello che emerge dall’audizione di oggi in Commissione bicamerale Ecomafie alla presidente del FVG Serracchiani è un problematico filo rosso che unisce la bonifica dei diversi siti Caffaro: del Friuli, di Brescia e anche della Valle del Sacco. Come evidenziato anche dalla Presidente del Friuli Venezia Giulia il punto critico per il SIN friulano della Caffaro riguarda la chiarezza di un quadro complessivo degli interventi necessari per mettere in sicurezza l’area, così come sulle risorse e sugli interlocutori competenti da un punto di vista societario a cui spetterebbe fare concretamente gli interventi ambientali di risanamento. La zona Caffaro potrebbe anche essere appetibile per nuovi insediamenti industriali in grado di creare nuovi posti di lavoro e l’avvio delle bonifiche, ma la situazione di incertezza scoraggia questo tipo di approccio e investimenti in questa direzione”, commenta Miriam Cominelli, membro del Pd in Commissione Ecomafie al termine dell’Audizione.

“Emerge quindi”, prosegue Cominelli, “per i diversi siti Caffaro un quadro simile per quanto riguarda le difficoltà di pianificazione degli interventi e di reperimento delle risorse.

In questo contesto Brescia può diventare capofila di una gestione operativa efficace di queste emergenze ambientali, a patto di operare un urgente chiarimento sul futuro della figura commissariale e continuare a collaborare con il Ministero dell’Ambiente sia per reperire nuove risorse che per attuare gli interventi necessari”.

“Per quanto riguarda il SIN di Trieste”, conclude Cominelli”, il quadro fatto dalla Presidente Serracchiani è positivo e sono stati fatti passi avanti per il recupero della Ferriera”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Cominelli scusa ma siete al governo da 3 anni, Galletti aveva promesso 40 milioni e nominato un commissario, ho letto tanti articoli belli come questo ma non si muove nulla.
    Ora il commissario se ne è andato perchè non aveva nè soldi nè poteri e il sito è ancora uguale.
    Inutile fare tante analisi vuote: o il governo stanzia i soldi e procede con le bonifiche o tutto resta come è adesso.

LEAVE A REPLY