Città, la Polizia locale arresta due spacciatori tunisini

0

Proseguono gli interventi della Polizia Locale di Brescia per contrastare lo spaccio di stupefacenti. Nel pomeriggio di mercoledì 13 luglio gli agenti hanno arrestato due tunisini e hanno sequestrato 30 grammi di eroina, 2 grammi di hashish e 0,8 grammi di cocaina.

Sulla base di indagini precedenti, una pattuglia in abiti civili e con veicoli di copertura si è recata nell’area di via Boves, di via Lamarmora e di via Signorini e ha tenuto sotto controllo un appartamento dove era stata segnalata la presenza di alcuni spacciatori.

Giunti sul posto, gli uomini della Polizia Locale hanno osservato i movimenti di tre persone che, alternandosi, rifornivano i tossicodipendenti nella zona dei parcheggi di via Signorini, spostandosi con una bicicletta di piccole dimensioni.

Un trentacinquenne e un venticinquenne di origine tunisina stavano vendendo alcune dosi nel giardino adiacente a via Signorini, mentre un terzo uomo, salito sul sedile posteriore di un’autovettura appena sopraggiunta, è stato visto consegnare stupefacenti ai due passeggeri a bordo del veicolo, entrambi italiani.

Dopo aver atteso che rientrassero nell’appartamento usato come base, gli agenti hanno fatto irruzione nell’immobile. Due tunisini presenti nell’abitazione sono stati arrestati, mentre la persona che aveva venduto la droga ai due italiani, accortasi di essere seguita, era riuscita a far perdere le sue tracce. All’interno dell’appartamento gli agenti della Polizia Locale hanno sequestrato un bilancino di precisione, un coltello a serramanico e numerosi ritagli di cellophane utilizzati per il confezionamento delle dosi. Inoltre, nella camera da letto, sono stati trovati 30 grammi di eroina, 2 grammi di hashish e 0,8 grammi di cocaina. Nella stessa stanza, gli uomini della Polizia Locale hanno trovato alcuni documenti giudiziari collegati al terzo uomo che dimostravano il suo coinvolgimento nell’attività di spaccio e il legame con i due arrestati. L’individuo si è reso irreperibile. Al momento dell’irruzione, nell’appartamento era presente anche un quarto uomo di origine tunisina, che si è rivelato estraneo al traffico di stupefacenti.

Gli agenti della Polizia Locale hanno inoltre sequestrato circa 1.500 euro e alcuni telefoni cellulari utilizzati per parlare con i clienti.

Dopo l’arresto, su disposizione del Pubblico Ministero, i due uomini sono stati condotti alla Casa Circondariale Canton Mombello di Brescia.  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Mi piacerebbe sentire la cgil se e’ o meno d’accordo che la polizia faccia questi controlli. Io dico di no e quindi preferisce stare zitta e intervenire solo su argomenti a favorr degli stranieri. E questo indipendentemente dal caso che riguarda nello specifico stranieri…

  2. un plauso agli agenti della locale, ottimo lavoro !
    si dovrebbero segnalare tutti gli spacciatori presenti agli angoli delle strade , vedi nei pressi della stazione fs . ripuliamo la città da questi luridi cialtroni clandestini e delinquenti , che muoiano nelle loro patrie galere !

LEAVE A REPLY