Strage terrorista a Nizza, camion sulla folla. Almeno 84 morti. Si cercano italiani

0
Bsnews whatsapp

Almeno 84 morti e un centinaio di feriti, di cui una 15ina gravissimi. E’ questo il bilancio del terribile attacco terroristico che ha colpito nuovamente la Francia in una delle zone più turistiche, Nizza, città al confine con l’Italia frequentatissima anche dai bresciani.

Lungo la Promenade des Anglais stava terminando la festa per il 14 luglio quando l’attentatore è entrato in azione con un tir, iniziando a falciare la folla di turisti riuniti per osservare i fuochi d’artificio. L’autista del mezzo era un tunisino 31enne residente nella città: a fermare il suo folle piano due poliziotti che sono saltati sul camion in movimento e l’hanno freddato. Hollande ha prolungato lo stato d’emergenza di altri tre mesi e richiamato i riservisti. Ora in Francia è allarme per nuovi possibili nuovi attentati con autobomba.

Nel frattempo sui social si inseguono le testimonianze dei bresciani scampati all’attentato. "Un mio amico era lì, è riuscito a scappare, è sconvolto", dice Margherita. Mentre i coniugi Massini scrivono: "Grazie a tutti, siamo assolutamente sconvolti perché avremmo dovuto essrerci dato che è dve ci fermiamo quando andiam. Un miracolo assolutamente! Dio mi aiutaci". 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Tanta vicinanza alle vittime innocenti di questo tragico atto di terrorismo islamico e alle loro famiglie distrutte. Si spera che la smettano di definirlo terrorismo islamista perchè islamista significa studioso dell’islam e non pare che questi atti terroristici vengano commessi da studiosi dell’islam!?! E meno male che qualche direttore di testata sta dicendo in TV che non crede che questo soggetto fosse solo ma che vicino a lui c’era sicuramente un altro, e lo prova attraverso una testimonianza e i fori di proiettili anche dalla parte vicina al conducente. E questo perchè si sta già cercando di giustificarlo come l’atto di un malato di mente!!! Quando c’è di mezzo l’islam si cerca sempre se non di giustificare di minimizzare: Ma ci prendono per scemi???

  2. a tutte le vittime e loro cari … uccidere bambini con un camion è legato al problema-isis .. quando c’è un problema ci cerca di risolverlo .. quando non si riesce e risolvere, si elimina … quando non ci sarà nessuno che vuol farsi esplodere, nessuno si farà espodere …

  3. verissimo, se qualcuno ha nella testa bacata idee tipo falciare i nostri bimbi e mogli con un camion allora è il caso che raggiunga il profeta prima che lo faccia veramente …

  4. A giudicare dai commenti, se qualcuno proponesse di abbattere a fucilate tutti coloro che hanno scatenato la guerra contro l’Iraq (che non possedeva alcuna arma di distruzione di massa), quindi i capi di Stato della NATO ed i loro alleati, gli ormai conclamati mentitori, troverebbe il favore di chi propone misure drastiche contro gli stragisti. O no?

  5. Se fosse stato per noi cittadini in guerra non ci saremmo andati nè in Iraq nè in Libia.Ma naturalmente nessuno ci ascolta. Però se davvero si vuole combattere il terrorismo con la cultura, almeno il Governo si studi le leggi e le sentenze e capirà che la gestione dell’immigrazione/in vasione, a meno che non siano proprio Italia ed Europa a volerla, è palesemente gestita in contrasto con le nostre leggi e le varie sentenze e la si potrebbe risolvere subito. Se poi in TV hanno persino paura a chiamare questo terrorismo col loro nome che è terrorismo islamico e lo chiamano terrorismo islamista quando islamista è uno studioso dell’islam?!?

  6. quanto invidio voi comunisti .. un fanatico passa a zig-zag con un camion in mezzo a donne vecchi e bambini e voi a tirar fuori l’imperialismo … spero almeno siano pensieri frutto di una buona canna … occorre una risposta forte, se l’ambizione è salire a ricongiungersi con il profeta allora che ne salgano il più possibile …

  7. Si potrebbe anche scoprire che il franco-tunisino era solo un uomo fuori di testa, come i molti che negli Usa sparano all’impazzata dentro college o centri commerciali seminando decine di vittime. E’ sicuramente terrore, ma non è terrorismo né un progetto fondato sul terrore. Se questa tesi si rivelerà veritiera, i queruli commentatori che in Italia o Francia alimentano l’isteria, il razzismo e lo stato d’eccezione permanente dovrebbero avere il pudore di tacere. Per paradosso, dovrebbero fare altrettanto anche se si scoprisse che Boulhel era un jihadista aderente a una delle tanti reti terroristiche attive in questo periodo. Queste reti sono state alimentate, finanziate, coadiuvate per anni anche da potenze come la Francia. Lo sono state in Bosnia e nel Kosovo, in Cecenia e in Iraq, in Siria e in Libia, fino a quando il “nemico del mio nemico” è diventato qualcosa di molto diverso da un amico che faceva il lavoro sporco per conto terzi.

  8. Costui era certamente islamico e c’è da chiedersi quando si chiede ai moderati islamici (ammesso che esistano) di prendere le distanze da fatti del genere e questi non lo fanno mai, se sia perchè il Corano autorizza qualsiasi musulmano anche non appartenente all’ISIS ad eliminare gli infedeli??? E c’è da chiedersi poi se la sharia prevede la condanna di chi uccide infedeli o miscredenti, come nel caso di Parigi, Bruxelles, Dacca, Nizza ecc, oppure no? Poi c’è da chiedersi come mai ai musulmani non si chiede mai come si pongono nei confronti del versetto orribile e pauroso “Getterò il terrore nel cuore dei miscredenti colpiteli tra capo e collo(…) Non siete certo voi che li avete uccisi. E’ Allah che li ha uccisi”. Nessuno pone mai questa elementare domanda che servirebbe a chiarire la posizione dei musulmani. Sarebbe anche importante sapere in cosa consista esattamente la TAQQYA. Chissà se nelle trasmissioni RAI dove paghiamo il canone si farà chiarezza su questi basilari problemi?

  9. Comunque di demoralizzante c’è che per i morti di Dacca non pare sia stato previsto il lutto nazionale e si è messo tutto a tacere in men che non si dica. Mentre per l’omicidio involontario del Nigeriano di Fermo che nemmeno doveva stare in Italia visto che la Nigeria non è un Paese in guerra,e nemmeno circolare per strada fino a che non veniva accertata la vera identità, tutti a gridare al Razzismo e grande sfilata di politici, completamente assenti per i morti di Dacca. Siano per paura per caso già sottomessi all’ISLAM tanto da dover centellinare le parole??

  10. L’ISIS ha rivendicato l’attentato di Nizza. Tutti coloro che volevano far credere che fosse il gesto di un malato di mente si ricrederanno ora? Cosa si aspetta a sospendere la cittadinanza italiana agli islamici?

  11. La Cassazione ha assolto dal reato di terrorismo alcuni islamici. Ma costoro avevano cittadinanza italiana oppure no? Perchè se non avevano cittadinanza italiana non si possono espellere? La nostra Costituzione non ci consente di togliere la cittadinanza agli italiani, ma non pare ci obblighi a dare cittadinanza e rimandare al proprio paese le persone che possono rappresentare un pericolo per la nazione o no?

RISPONDI