Multe in aumento in città: la media è di 43 euro per ogni patentato

0

Quarantatre euro per ogni patentato residente in città. E’ questo il dato pubblicato nelle scorse ore dal Corsera sulle sanzioni comminate agli automobilisti in città. Nei primi cinque mesi del 2016 la Loggia ha incassato 5 milioni e 288mila euro, con un aumento del 22 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un trend “positivo” dunque, in controtendenza con il dato nazionale che segna un calo del 12 per cento. Lo scorso anno i vigili bresciani avevano staccato 49mila multe per divieto di sosta e 50mila a chi aveva posteggiato nelle linee blu senza pagare. Soltanto 1.800 le sanzioni per guida al cellulare, 1.415 quelle per il mancato uso delle cinture.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. c’e’ una provvigione per le multe di divieto sosta e per le linee blu? pare sia la cassa piu’ veloce e semplice per il comune

  2. Io non ho mai preso una multa per divieto di sosta, provvigione o non provvigione: ammetto che c’è da fare un po’ più di fatica, ma mi impegno a non parcheggiare in divieto (certo: impiegando del tempo e magari facendo un po’ più di strada a piedi rispetto a chi pretende di parcheggiare davanti al bar). Da parte mia faccio quello che è sufficiente a “chiudere la cassa”…

  3. Sarà.. ma quindi com’è possibile che tutti i giorni io veda auto parcheggiate in spazi riservati a cicli e motocicli, davanti a scuole e supermercati auto in doppia fila nonostante nelle vicinanze ci siano parcheggi disponibili (a pagamento), piste ciclabili invase sistematicamente da auto in sosta?.. Se “fioccassero” così tante multe si spargerebbe la voce e la gente (maleducata) prima o poi smetterebbe di parcheggiare ovunque con furbizia e mancanza di rispetto..e invece, vivo a Brescia da 11 anni, nulla mi sembra migliorato nel corso degli anni in fatto di rispetto delle regole sulla sosta in auto.. Emblematico di questo, purtroppo, diffusissimo malcostume è ciò che ogni giorno vedo uscendo di casa: all’interno di un parcheggio a pagamento nemmeno un’auto parcheggiata negli spazi segnati da righe blu e decine ad occupare spazi adibiti al transito delle vetture (ho assistito personalmente ad ausiliari del traffico che multano, giustamente, chi è in difetto nel pagamento del parcheggio nelle strisce blu ma non curarsi minimamente di chi parcheggia fuori da tali strisce arrecando disagio a chi transita nel parcheggio..). Una ultima considerazione e poi chiudo..viaggio spesso in Paesi come Germania, Austria, Francia, Olanda..e mai ho visto auto parcheggiate sul lato opposto della strada rispetto al corretto senso di marcia, cosa che invece a Brescia non solo è diffusa ma tollerata da forze dell’ordine di qualsiasi corpo..ma il codice della strada italiano non prevede sanzioni per questa modalità di parcheggio?.. io dico di sì, e invece..

  4. Concordo, ormai i cafoni bresciani parcheggiano in doppia fila, sui marciapiedi ci sono più auto che persone, le piste ciclabili sono impraticabili. Sono anni che non si vedono più i vigili in giro, solo ausiliari che peraltro multano auto già in posti per la sosta, quindi, a parte il pagamento , non disturbano nessuno. L'assessore Muchetti che fa? Hanno paura di disturbare chiunque, giunta di pavidi.

LEAVE A REPLY