Asilo politico, a Brescia sette domande su dieci vengono respinte

0
Bsnews whatsapp

Ben sette richieste su dieci vengono respinte. E’ questo il clamoroso dato, riportato anche da Giornale di Brescia, che emerge dai dati diffusi dal Ministero sulle domande di asilo politico valutate dalla Commissione per i rifugiati di Brescia e provincia. Su 1.700 richieste arrivate entro il 31 luglio, infatti, solo 483 sono state approvate. Mentre oltre il 70 per cento sono state respinte perché non avevano i requisiti di legge (tra cui quello di provenire da una realtà in cui i diritti fondamentali dell’uomo sono negati). Tra i 1.300 bocciati, poi, soltanto il 10 per cento ha ottenuto un ribaltamento del dispositivo dal tribunale ordinario (gli altri sono costretti ad andare a loro spese in appello). A livello regionale la percentuale di domande respinte è del 61 per cento: dieci punti in meno della Leonessa.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Il colabrodo non è solo che le frontiere esterne non vengono tutelate come prevedono le nostre leggi e il trattato di Schengen, e cosi’ i terroristi, i criminali e i furbi del mondo si leccano i baffi perchè sanno bene che non solo vengono soccorsi in mare e non si è capito se prima della partenza dalla Libia si mettano già in contatto con il soccorso in mare. Una vera schifezza poi che tutte le navi battenti bandiera persino di Malta o Norvegese, anzichè portarli nei loro porti li scaricano tutti da noi in Italia e nessuno ci spiega nemmeno il perchè??? Poi non è chiaro se vengono tutti identificati, ma se chiedono tutti asilo, già dovrebbero per tutelare la nostra sicurezza essere trattenuti in centri da cui non sia possibile circolsare liberamente tra la gente fino a che non è chiaro chi siano. Se poi l’asilo viene negato (a parte che potrebbe essere negato a tutti visto che nessuna Corte puo’ obbligare a concedere asilo) ma quello che sconvolge è che leggendo la sentenza 18549 del 2006 della Cassazione non pare che una volta negato l’asilo non possa essere previsto il ricorso!!! Se fosse cosi’ i tribunali si alleggerirebbero molto!! Ma quello che è ancora piu’ drammatico è che quando si decide di rimpatriare qualcuno poi lo si faccia consegnando il foglio di rimpatrio e lo si lascia libero di circolare senza controllo, anzichè come sarebbe doveroso o caricarlo su un aereo per avere la certezza che torni nel proprio Paese o consegnarlo alla Ambasciata o consolato affinchè lo proteggano loro nella fase di rientro: Lasciarli liberi per strada proprio non è accettabile perchè lede il nostro diritto costituzionale alla sicurezza ecc. in quanto si lasciano per strada degli emeriti clandestini, ed essendo la clandestinità un reato che offende valori di rango costituzionale, è di fatto anche una discriminazione nei confronti della nazione in quanto si privilegiano dei portatori di reato di clandestinità rispetto alla sicurezza degli italiani. In pratica si privilegiano i reati COME LA CLANDESTINITà CHE SI PREMIA METTENDOLA SU UN GRADINO DI DIFESA SUPERIORE RISPETTO ALLA NOSTRA SICUREZZA!!! NO,NO,no. Siamo noi i veri discriminati possibile nessuno se ne accorga salvo la Lega!!!!!

  2. Brescia, 2 agosto 2016 – Risvolto concreto nell’iter dell’operazione Teorema, avviata a margine della ricostruzione dell’Aquila dopo il terremoto. La Procura della Repubblica di Brescia ha delegato al Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Brescia l’effettuazione di sequestri preventivi di case, ville, garage, disponibilità finanziarie e titoli azionari, per un valore di oltre 13,5 milioni di euro, riconducibili a società di costruzioni bresciane, in esecuzione della sentenza di annullamento dell’ordinanza del Tribunale del riesame di Brescia emessa dalla Corte di Cassazione. La misura cautelare reale è scaturita dall’indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Brescia nei confronti di un sodalizio criminale operante da diversi anni sul territorio bresciano.

    Le imprese coinvolte (Orceana Costruzioni Spa, ora in fallimento, e la P.F.S. Costruzioni Srl, anch’essa fallita) con sede ad Orzinuovi, riuscivano a essere particolarmente competitive sul mercato e falsavano le regole della concorrenza non assolvendo buona parte degli oneri dovuti all’erario, ottenendo appalti per la costruzione di abitazioni civili all’indomani del terremoto de L’Aquila.

  3. invece di pontificare con il tuo notiziario copia incolla , pensa al vero problema che poi è anche il tuo , come li rimandiamo a casa loro i clandestini ? visto che si tratta di clandestini accertati non aventi titolo di rifugiati e che nessuno di loro se ne andrà spontaneamente dall’ italia e che stazionano anche davanti a casa tua ! è questo il problema , prendi lucciole per lanterne e come sempre punti il dito su questioni che non hanno niente a che vedere con l’argomento …se fosse !

  4. un grazie al governo che con opera assidua ha volutamente africanizzato il paese e che non saprà come fare a rispedire a casa propria le migliaia di nullafacenti accertati che quì hanno trovato il bengodi , e noi italiani cornuti e mazziati !

  5. Ora che andremo a bombardare la Libia, l’ondata di disperati aumenterà ancora. D’altra parte non possiamo certo permetterci che l’isis si espanda proprio di fronte a noi, dobbiamo stroncare la sua crescita.

  6. Il commento delle 5.40 è la migliore conferma di come funzionino le armi di distrazione di massa. “pensa al vero problema che poi è anche il tuo , come li rimandiamo a casa loro i clandestini?”: eccolo il VERO problema. Il VERO problema sono gli stranieri, i clandestini! Non che si conduce una vita grama anche perché molti imprenditori sono in realtà criminali che rubano risorse a tutti evadendo e frodando il fisco (nel caso citato addirittura approfittando di una tragedia come il terremoto!!!), no, questo non è un problema vero, non è su questo che bisogna indignarsi e ribellarsi. Prendiamocela con gli stranieri e lasciamo tranquilli i predatori. Geniale!

  7. A chi vede unicamente la punta dell’iceberg, i clandestini, pongo una domanda: dobbiamo bombardare la Libia sapendo che aumenterà il flusso dei disperati (la guerra produce morti e disperazione), oppure lasciamo che l’Isis cresca davanti alle nostre coste? Voi che vedere le cose in modo semplice e pensate che i problemi complessi si possano risolvere facilmente, illuminateci.

  8. tu che ti indigni per le ruberie altrui , la guardia di finanza li ha arrestati , si o no ? sono in galera si o no ? e allora che vuoi ? sposti il problema dell’ argomento con un altro problema che non ha nulla a che fare con l’ articolo ! qualunquismo da strapazzo e polemica politica solo per dare aria all’ orifizio , lo sanno tutti che in italia vige la corruzione ma non per questo come fai te , utilizzare un articolo che come i cavoli a merenda centra con quanto dici . le forze dell’ ordine se possono li mettono in galera gli evasori , i clandestini restano invece !!

  9. se te sei felice di vedere il tuo paese in balia di gente che NON HA ALCUN DIRITTO ALL’ ASILO , si vede che abiti su di una pianta di baobab con vista sui cartoni animati . brao , te che vedi le cose dall’ alto della tua pianta e che parli al plurale come un guru , illuminaci tu profeta !

  10. tu si però hai letto , la prima gallina che canta ha fatto l’uovo…il primo che ha letto sei tu che non hai argomenti validi , sinistrone dall’ alito pesante .

  11. Infatti i nostri governanti anzichè difendere i confini esterni portando i falsi profughi nelle coste africane di Tunisia, Marocco, Algeria obbligati a non rifiutarli dalla Convenzione Africana Rifugiati facendoli prendere in carico dall’ONU e dall’Unione Africana, li portano tutti da noi, ivi compresi quelli che raccolgono le navi maltesi, norvegesi, inglesi, ecc. che dovrebbero semmai portarli nei loro Stati, preferiscono entrare in guerra con la Libia, che non ci porterà nulla di buono anzi consentirà a colpevolizzare il popolo italiano per essere entrato in guerra, cosa che il popolo italiano non vuole, visto che gli islamici ce la faranno pagare. Davvero una difesa coi fiocchi

  12. il blocco delle assunzioni negli Enti Locali? E’ saltato purchè i nuovi assunti si occupino solo di progetti di assistenza e integrazione degli immigrati (?!?!). Le buche nelle strade comunali, provinciali e statali? Non si possono chiudere, non ci sono soldi. Non si deve in alcun modo sforare il patto di stabilita. Improvvisamente il divieto è saltato. Il piano di stabilità si puo’ sforacchiare in ogni direzione come si vuole purchè questo ovviamente avvenga al solo scopo di proteggere i profughi ed i clandestini tutti. Gli italiani? Che si vadano a far benedire!!! E l’opposizione? Che cavolo ci sta a fare cosi’ arrendevole ?

  13. Già sono tutti clandestini, che anche quando si vedono rifiutare l’asilo, non vengono rimpatriati come doveroso e quindi si buttano nel mondo della droga, parcheggiatori abusivi, lavavetro abusivi, tanto hanno detto che pur essendo reati sono reati tollerati e quindi Italia culla dei reati e dell’illegalità tollerata e vai!!!!!

  14. Se non erro ad Assange nessuno voleva dare asilo, a riprova che non esiste obbligo di asilo per nessuno Stato. Se non erro ha trovato asilo all’interno di una Ambasciata straniera in Europa. I clandestini ai quali viene rifiutato l’asilo dovrebbero essere consegnati alle Ambasciate e Consolati dei Paesi di provenienza e non lasciati circolare liberamente per strada a ledere i nostri diritti alla sicurezza!!! Non solo a nessuno interessa della discriminazione che i burqa e niqab rappresentano per la nazione e per i cittadini italiani, ma a nessuno interessa nemmeno della discriminazione che rappresentano i clandestini verso i nostri diritti umani alla libertà e sicurezza!!! Ma che ci sta a fare l’UNAR dentro al Ministero dell’Interno se non si accorge delle discriminazioni verso gli italiani???

  15. Il Ministro dell’Interno il 2 Agosto a “In Onda” su LA7 ci ha rincuorato solo al 50%, quando citando una lettera da lui letta su un giornale in cui un lettore scriveva ” ogni tanto sente dire che Alfano fa espulsioni per motivi di sicurezza nazionale ma cosa vuol dire che gli consegnano un foglio in mano o fisicamente vengono mandati via? La seconda che ha detto dice Alfano al lettore, non è che gli si dà un foglio e li’ finisce la vicenda. Vengono accompagnati dalla nostra polizia non al confine ma fino a destinazione e consegnati alle autorità del posto spiegando i motivi dell’espulsione. E fin qui meno male, ci rincuora molto sapere che queste espulsioni sono effettive. Peccato però che a quanto pare queste espulsioni noin avvengono cosi’ anche per gli immigrati clandestini!! Il Caso di El Dridi arrivato alla Corte Europea è la dimostrazione palese che costui doveva lasciare il nostro Paese nel 2004 ma nel 2010 era ancora in Italia da perfetto clandestino e da perfetto clandestino circolava liberamente in barba alla nostra sicurezza. E’ questa libertà che si lascia di rimpatriare il vero colabrodo!!! Peccato che su questo il Ministro dell’Interno non abbia parlato, perchè a tanti clandestini viene invece rilasciato il foglietto di rimpatrio come sosteneva quel lettore e non vengono accompagnati alla frontiera e nemmeno nei Consolati o Ambasciate di provenienza ma lasciati liberi in barba alla nostra sicurezza che come al solito viene calpestata.

  16. Ma come. Noi stiamo ancora subendo le critiche per le guerre che secondo alcuni sarebbero responsabili i cittadini italiani che non hanno voce in capitolo e per colpa delle quali ora saremmo obbligati a dare asilo al mondo intero, e il Governo sta facendo la guerra alla Libia senza spiegare se ci sia una risoluzione dell’ONU o della NATO che lo preveda????? Noi non vogliamo questa guerra ma solo che si difendano i confini esterni da clandestini, terroristi e furbi del mondo che poi non siamo capaci di rimandare al loro Paese. Ma esiste la difesa??? E i % stelle dormono???

  17. Ma come. Noi stiamo ancora subendo le critiche per le guerre che secondo alcuni sarebbero responsabili i cittadini italiani che non hanno voce in capitolo e per colpa delle quali ora saremmo obbligati a dare asilo al mondo intero, e il Governo sta facendo la guerra alla Libia senza spiegare se ci sia una risoluzione dell\’ONU o della NATO che lo preveda????? Noi non vogliamo questa guerra ma solo che si difendano i confini esterni da clandestini, terroristi e furbi del mondo che poi non siamo capaci di rimandare al loro Paese. Ma esiste la difesa??? E i 5 stelle che colpevolizzano le guerre dormono???

  18. Sconcertante la rappresentante di Forza Italia che stasera a Dalla Vostra Parte contestava l’espulsione di un presunto terrorista e riteneva piu’ giusto metterlo in galera da noi??? Una volta che questo Governo riesce ad espellerne almeno qualcuno Forza Italia mette i bastoni tra le ruote? E alla rappresentante del PD che chiedeva alla Signora che voleva chiudere i confini cosa secondo lei si doveva fare, si poteva rispondere che le navi battenti bandiera di altri stati europei non dovrebbero essere autorizzate a scaricarli in Italia e che si dovrebberop scaricare in Tunisia, Marocco, Algeria che hanno firmato la Convenzione Africana Rifugiati che li obbliga a non rifiutarli e che dovrebbero intervenire in quei Paesi anche l’ONU e l’UNIONE AFRICANA per proteggerli e trovare asilo. Ma cosi’ si risolverebbe il problema e nessuno lo vuol risolvere, questa è la realtà, però ci vogliono far entrare in guerra pur essendo gli italiani contrari. Ma che bravi questi nostri rappresentanti politici moderati!!!!

RISPONDI