Linea Group, il nuovo presidente è Antonio Vivenzi

0

Antonio Vivenzi è nuovo il presidente di Lgh. A indicarlo è stato pochi minuti fa – la decisione è stata presa ma non ancora verbalizzata – il consiglio di amministrazione della maxiutility lombarda in corso di acquisizione da parte di A2A, dopo che poche ore prima si erano riuniti i vertici di Cogeme.

Vivenzi l’ha spuntata a sorpresa (il suo nome era uscito soltanto nelle scorse ore), superando le fortissime resistenze di Rovato e Cazzago, storici azionisti di Cogeme che gli imputavano la regia del blitz che aveva portato al ribaltone nell’utility rovatese.

Una mossa che si giustifica anche con il consenso “politico” degli altri soci di Lgh (Cremona, Crema, Pavia e Lodi) verso l’esponente del Pd e con il rischio che un eventuale ostinazione del fronte franciacortino (più duro Cazzago, più morbido Rovato) su una soluzione diversa (era circolato il nome del forzista Conter, già presidente di Lgh) favorisse l’assegnazione della presidenza a una figura non bresciana.

Nella stessa riunione il segretario provinciale della Lega Paolo Formentini è stato nominato nel cda di Lgh, tra i sei soci in quota Lgh (gli altri saranno indicati da A2A). 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Che brutta pagina di falsa politica. In effetti vivenzi ha un curriculum di tutto rispetto nella gestione manageriale di aziende.

  2. Non poteva finire in altro modo. Crema Cremona Pavia Lodi votavano uno di “cdx” ? W il PD e la spartizione di poltrone ! Auguri di buon lavoro a Formentini uno contro cento pdioti !

  3. Poveri noi, ditemi voi se non si tratta di una spartizione di poltrone vecchia politica.
    Formentin i NON ha alcuna competenza, non ha CV adatto.
    Oltre a fare figure di m..x quello che farà, chissà se presenzierà ai CdA con la felpa della Lombardia e fascetta verde?!

  4. Mon è che ti viene il dubbio che forse Cazzago è l’unico ad avere ragione? (oltre ad un briciolo di dignità…)

  5. taglio delle poltrone in politica le rimettiamo nelle aziende partecipate che bel siparietto. C’e’ da augurarsi che almeno uno di costoro capisca qualcosa o quanto meno si applichi per capirne non partecipi solo per el getuu!

  6. Il sindaco di cazzago è stato da sempre una persona anonima, priva di C…..ni. Spero sappia fare almeno il commercialista in quanto come politico ha fatto meno di zero. Si inserisce nella gestione aziendale senza conoscere neanche quali sono i servizi che Cogeme è in grado di fornire.

  7. Cazzago vive in un altro mondo fatto di odio e di passato senza uno sguardo al futuro.Qualcuno chiacchiera a vanvera intanto gli altri si aggiustano le sedie.Pensano di essere i nuovi ma sono attorniati da tutti quelli che hanno sempre governato.Famiglie di tecnici comprese.

  8. Cosa dire di una amministrazione comunale a guida leghista che non pensa nulla. Oltre a non fare alcun che per promuovere il territorio, ha lasciato il degrado in periferia. Come raggiungere la zona sud senza percorsi ciclopedonali e senza adeguata illuminazione stradale? Dove sono le progettualità e le professionalità? È il sindaco si permette anche di intromettersi nelle questioni aziendali della sua azienda Cogeme che ha ripudiato ritenendola non in grado di aiutare il comune visto che in comune l'ufficio tecnico è totalmente inefficiente e inadeguato verso le tecnologie di moderna concezione

LEAVE A REPLY