Lavorare a Castel Mella, il mio colloquio col sindaco senza un colloquio

9
La fascia da sindaco
La fascia da sindaco

Cara BsNews,

disoccupata da qualche mese e un po’ scoraggiata dal lavoro nel settore privato, ho deciso qualche settimana fa di mettermi alla ricerca di un qualche bando di concorso nel settore pubblico. Mi è apparso così, come piovuto dal cielo, un bando per un posto al comune di Castel Mella: “Avviso di selezione pubblica per il conferimento di un incarico di collaborazione nell’ufficio di staff del Sindaco”.

Così si leggeva sul bando per quanto riguarda la procedura di selezione: “Il Sindaco, previa valutazione dei curricula presentati e colloquio individuale, provvederà a individuare il candidato ritenuto maggiormente adeguato in considerazione delle caratteristiche, anche fiduciarie, dell’incarico da attribuire. In data 09.08.2016 a partire dalle ore 10,00 presso l’ufficio del Sindaco si svolgeranno i colloqui individuali”.

Tra i requisiti richiesti il solo diploma di scuola media o diploma di qualificazione almeno biennale. Un’asticella decisamente bassa, tanto più per me che ho in tasca una laurea. Ho deciso così di partecipare. Qualche giorno prima della selezione, però, sono stata contattata da un addetto del Comune che mi ha informato del fatto che i colloqui sarebbero stati spostati a mercoledì 10. La mattina di mercoledì 10, quindi, sono stata nuovamente ricontattata e mi hanno informato che i colloqui conoscitivi avevano subìto ancora una variazione di orario nel pomeriggio, ma che sarei comunque potuta andare in mattinata. Ho spostato gli impegni presi, e sono partita per Castel Mella.

Arrivata al municipio, dopo qualche passaggio burocratico e firma del registro di presenza, sono stata subito accompagnata nella sala della Giunta per effettuare il colloquio con il sindaco. Il primo cittadino, non appena entrata, mi ha informata del fatto che ero stata convocata semplicemente per comunicarmi che avevano già trovato un candidato adatto e che comunque avrebbero tenuto in considerazione i curricula arrivati per eventuali posti disponibili. Il colloquio, per così dire, era già finito.

Qualche dubbio però mi è rimasto e vorrei portarlo a conoscenza anche dei vostri lettori. Capisco bene che, nell’ambito dell’assegnazione di un incarico fiduciario, il sindaco possa scegliere la persona che più lo aggrada entro i termini di legge, ma mi domando: anche nel caso di un “amore a prima vista” per qualche candidato non era forse opportuno – come era scritto nero su bianco nel bando – sentire comunque tutti i candidati prima di decidere? I colloqui non dovevano essere fatti tutti nello stesso giorno? E nel caso fosse già stato tutto deciso, non valeva la pena almeno di anticiparlo al telefono evitandomi di perdere tempo e soldi? Aspetto che qualcuno risolva i miei dubbi.

Lettera firmata

LA REPLICA DEL COMUNE: BANDO REVOCATO PER RISPARMIARE http://www.bsnews.it/notizia/46454

COMMENTI CHIUSI A CAUSA DELLE RIPETUTE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO DEL SITO: ricordiamo agli utenti che – COME DA REGOLAMENTO -non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni (e che dunque eventuali commenti fuori tema sono sistematicamente cancellati), e che non saranno tollerati comportamenti molesti nei confronti degli altri utenti o del sito. Chiunque fosse interessato ad avere spiegazioni può scrivere una mail a info@bsnews.it allegando fotocopia del proprio documento di identità, grazie

Comments

comments

9 COMMENTS

  1. Ormai è quasi un classico oggi per chi cerca lavoro, a mio fratello è capitato questo con una nota agenzia interinale di Brescia, tempo e soldi buttati via per nulla, siamo in un mondo dove le persone umane valgono davvero poco, in bocca al lupo.

  2. Un’amministrazione trasparente ha bisogno di controlli al di fuori di essi. I controllati che si autocontrollano e poi succedono queste cose, che vengono messe in evidenza, solo perchè non si è di quel comune.

  3. il problema e’ che la legge prevede tale iter! Si sa benissimo che tali “nomine” vengono fatte per captazione come previsto dalla legge ….. ma la legge stessa , affinche’ tutto sia regolare , prevede la procedura del bando! Ovviamente fatta la legge fatto l’inganno! Poi ci sono molti altri modi per lavorare per “captazione” nella PA per esempio affidare un incarico ad una cooperativa e far assumere qualcuno nella cooperativa che poi espletera’ il lavoro proprio nel Comune e o Ente desiderato. Di conseguenza sulla base dell’ esperienza personale da disoccupata da oltre 3anni dopo aver letto il bando del comune pur essendo molto interessata non ho inviato il mio curriculum! Con un eventuale ricorso perderesti proprio perché sono nel “giusto”. Chi ne sa di piu’ o pensa non sia cosi’ mi obietti pure e grazie

  4. Ovviamente saremo ben lieti di ospitare l’opinione del Comune, qualora questi volessero replicare e rispondere alle domande.

  5. Dove sono i commentatori celoduristi della lega? Come mai non commentate questo ottimo esempio di gestione padana dei soldi dei cittadini?

  6. Infatti critico i celoduristi per il fatto che si sono adeguati alle leggi nazionali che prevedono questa procedura, cosi’ come avrebbero fatto tutti gli altri di tutti i partiti. Dov’e’ la lega contro uno stato stupidamente unitario e contro la gente?

  7. Articolo 1 della costituzione dovrebbe essere cambiato LAVORO >ipocrisia sarebbe più onesto almeno intellettualmente . Tuttavia ritengo che abbiamo leggi che fanno a pugni con gli usi e costumi degli italiani sarebbe più onesto che chi viene eletto a governare si porti i suoi e se ne vadano tutti una volta perse le elezioni all'americana .

LEAVE A REPLY