Miglior metodo classico Bio, Legambiente premia il Rosè 2012 di Barone Pizzini

0

Miglior metodo classico “Bio” italiano: questo il titolo che Legambiente ha attribuito al Rosè 2012 della Barone Pizzini di Provaglio d’Iseo, confermando nuovamente il percorso da pioniere che la cantina diretta da Silvano Brescianini ha intrapreso prima fra tutti in Franciacorta. La XXVIesima edizione della "Rassegna-degustazione dei vini biologici e biodinamici d’Italia", che si è tenuta a Grosseto promossa da Legambiente in collaborazione con l’Università di Pisa, l’Enoteca Italiana e diverse riviste di settore, ha visto il Rosè 2012 con le sue note di sottobosco e i sentori di rosa, oltre che la densa trama intessuta in un buon vigore acido, conquistare la giuria presieduta dal professor Giuseppe Ferroni del Dipartimento di Scienze agrarie alimentari e agro-ambientali dell’Università di Pisa.

Decisamente soddisfatto Silvano Brescianini: “I continui riconoscimenti ottenuti negli ultimi anni da vini e cantina dimostrano come il biologico non è il fine, ma il mezzo per raggiungere la qualità: ovvero in campagna viti sempre più “sane”, presupposto per poter avere uve e di conseguenza vini sempre migliori. Spinti dalla nostra filosofia aziendale di grande attenzione all’ambiente e al consumatore, siamo stati i primi a produrre Franciacorta da viticoltura biologica, utilizzando per la coltivazione e il nutrimento delle viti solamente sostanze naturali o che l’uomo può ottenere con processi semplici senza ricorrere a prodotti chimici, scelta che consente ai nostri vigneti di esprimersi al massimo del loro potenziale”.

Anche quest’anno, quindi, come nei tre anni precedenti, viene premiata la qualità dei vini Barone Pizzini, che hanno ottenuto la pole-position in uno dei concorsi “Bio” più autorevoli a livello nazionale e che si dimostra essere oltre che un’importante vetrina, anche un ef ficace veicolo divulgativo verso i consumatori più attenti della cultura biologica, grazie al costante impegno di Legambiente.

Comments

comments

LEAVE A REPLY