Treni, Frecce da Bianche a Rosse. Legambiente: un altro salasso per i pendolari

0
Bsnews whatsapp

E’ in arrivo un nuovo duro colpo ai pendolari della lineaTorino-Milano-Venezia. Domenica salteranno i primi due treni, il Frecciabianca 9712 Venezia-Torino e il 9733 Torino-Venezia; la prossima coppia verrà cancellata all’inizio del mese prossimo e si tratta del Frecciabianca 9710 Venezia Torino, e il Frecciabianca 9737 Torino Venezia. Il destino dei «treni bianchi» è segnato, perché entro la primavera prossima spariranno tutti i 18 Frecciabianca in circolazione attualmente sulla tratta in questione anche in vista dell’apertura (2017) dell’Alta Velocità da Treviglio a Brescia.

“Sono decine di migliaia i pendolari – attacca Dario Balotta di Legambiente – che ora si servono delle frecce Bianche in alternativa agli inaffidabili treni regionali che hanno indici di efficienza distanti dalla media comunitaria. I treni sono vecchi e il federalismo dei trasporti ha separato e reso difficili i collegamenti ferroviari tra Piemonte, Lombardia e Veneto con la soppressione dei treni di molti treni interregionali. Per le migliaia di pendolari della Torino-Milano di Vercelli e Novara, abbandonare le Frecce Bianche sarà come un tuffo nel passato, visto che quelle Rosse correranno sul nuovo tracciato Alta Velocità, che non tocca le due città piemontesi.Per i viaggiatori di Brescia, Desenzano, Verona e Vicenza della trattaMilano-Venezia i tempi di percorrenza saranno gli stessi, ma aumenteranno di almeno il 30% le tariffe, perché le Frecce cambieranno rango, da Bianche a Rosse”.

“I treni veloci della linea transpadana sono utilizzati prevalentemente da un traffico pendolare residenziale su distanze brevi ma Trenitalia sta introducendo una programmazione dei convogli e degli orari che continuano ad impoverire i territori periferici. Le colpe – tuona Balotta – sono da ricercare nel sistema ad Alta Velocità, il più costoso d’europa,realizzato su distanze brevi, in aree trafficatissime, con molticentri urbani (ogni 40 km) e con standard differenti dalla lineastorica che ne separano la gestione e ne diminuiscono le capacità”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI