Al via la stagione della caccia. Le polemiche sono bipartisan

0
Bsnews whatsapp

Prenderà il via ufficialmente domani la stagione venatoria per 22mila doppiette bresciane. Un appuntamento salutato con entusiasmo dalle associazioni venatorie riunite sotto l’ombrello della neonata Federazione nazionale delle associazioni venatorie riconosciute (Fenaveri), che comprende Federcaccia e Arcicaccia. Ma anche contestato dagli animalisti, che parlano di milioni di animali uccisi per divertimento: ben 84 milioni in pochi mesi secondo una stima della Lav.

Dal canto loro i cacciatori lamentano una gestione bizantina delle specie cacciabili e una sempre crescente pressione burocratica, tra cui la decisione del Governo Renzi di modificare l’articolo 12bis della legge 157/92 che prevede la segnatura sul tesserino venatorio di ogni capo di migratoria immediatamente dopo l’abbattimento.  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Gli animali non sono uccisi per divertimento ma per cucinarli in ottimi spiedi, arrosti, grigliate e bolliti. E poi salami, coppe, pancette ecc.ecc.ecc. Sono un buongustaio assassino e senza cuore. Merito la pena di morte. Ultimo mio desiderio sarà : polenta e uccellini. E un buon Cellatica o Botticino. Ora sto pranzando in divertente compagnia con costolette di agnello alla griglia. Eccezionali.

  2. Evidentemente sei un pantofolaio che non va mai a fare passeggiate in campagna e pensi solo ad abbuffarti, altrimenti ti girerebbero le p…e sentire continuamente spari a pochi metri di distanza e magari, una pioggia di pallini sulla testa. Non mi sembra logico ci sia gente che gira armata.

  3. Sono un escursionista. Ringrazio gli amici cacciatori per l’ospitalità che mi danno tutto l’anno sotto i loro capanni – ordinati e puliti – quando piove o mi fermo a mangiare un panino o a prendere il sole. Camminando in montagna ho imparato anzitutto il rispetto. Nei giorni di caccia passo intorno alle loro postazioni, non per paura di essere impallinato, ma per rispetto verso la loro attività venatoria. C’è posto per tutti.

  4. VIGODARZERE (PD) – Investito al viso da una “pioggia” di pallini da caccia. E’ accaduto a Terraglione di Vigodarzere dove un quarantenne mentre si trovava nel suo orto, è stato colpito da alcuni pallini in caduta esplosi da un cacciatore. Sparati verso il cielo, i pallini hanno descritto un arco discendente che ha avuto come involontario bersaglio finale il quarantenne. Per l’uomo solo un’abrasione al naso ma anche un grande spavento.

RISPONDI