Un milione e mezzo di euro non dichiarato, nei guai imprenditrice di Pisogne

0
Bsnews whatsapp

Circa un milione e mezzo di euro. E’ quanto, secondo la Finanza, avrebbe “dimenticato” di dichiarare al Fisco una immobiliarista di Pisogne. La donna è accusata di non aver pagato le imposte dovute tra il 2010 e il 2014. Stando a quanto ricostruito dai militari, l’imprenditrice ha omesso di versare le tasse su diverse transazioni di mediazione tra proprietari di immobili e clienti (acquirenti o affittuari), provvedendo a dichiarare parte di quanto realmente incassato soltanto nel 2014. Per le Fiamme Gialle l’Iva evasa è di circa 250mila euro.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Ancora nessun commento..strano…a llora sarò indiscreto..trapela, quà e là in valle,che l\’imprenditrice in questione portasse il burqa,quindi non è italiana…qui studio a voi canea.

  2. Ma che c’entra adesso l’immigrato? Stiamo parlando di altro. A dimostrazione che si vuole sempre e solo dimostrare che i problemi non li creano gli immigrati. Invece di problemi ne abbiamo già fin troppi, vedasi questo, e quindi altra gente ed altre questioni, portano inevitabilmente altri problemi. Meno siamo, meglio stiamo…

  3. Se uno ci ruba la bici diciamo che è in ladro, se ruba l'equivalente di 10.000 bici diciamo che è un evasore. Singolare visione. Peccato che in galera ci va solo chi ruba una bici. Società al declino. Con o senza immigrati, facciamo tutto da soli.

  4. una bella cosa sarebbe pubblicare tutti gli anni le dichiarazioni dei redditi come nel 2005 ci renderemmo conto di quanti pezzi di mer.. vivono alle nostre spalle,perchè nn lo fanno,io come dipendente verso di tutto e di più x mantere i servizi a questa feccia.bastaaaaaaaaa aaaaaa
    galera l,unica soluzione

  5. Si continua a dare addosso all’evasione salvo mai colpirla. E questo argomento viene utilizzato per giustificare tutte le cose storte. Quindi l’invasione straniera sarebbe finanziabile con l’evasione, le pensioni anche, migliori servizi pure, reddito di cittadinanza anche. Salvo poi non risolverlo mai nonostante tutte queste emergenze. E alla fine i problemi ricadono sempre e solo su chi non ha e lo stato e’ sempte meno credibile
    Quindi ammettiamolo una volta per tutte che l’evasione non appartiene solo ad una certa categoria di persone e ad una determinata parte politica, ma e’ trasversale. E’ inutile quindi fare gli ipocriti e illudere la gente. Se certa parte politica punta il dito sul problema dimostri di volerlo risolvere intervenendo drasticamente, non con le solite chiacchiere che ormai non fanno piu’ presa…

  6. E allora che non sia più reato, e basta articoli sugli evasori. Chiamiamola 'obiezione di coscienza' e basta, come i medici cattolici che non rispettano la legge dello Stato e fanno come gli pare. Tanto siamo in Italia, il più pulito c'ha la rogna.

  7. E quindi ammetti il fallimento di quelle forze politiche che a chiacchiere dicono una cosa, ma a fatti nisba. E addirittura rinunci alla lotta quando capisci che non è solo berlusconi o il ricco di turno ad evadere e, per di più, i partiti che dicono di essere vicini al popolo e ai poveri non intervengono e, come gli altri, scaricano addosso alla povera gente il costo dei problemi. Quindi, in questi ultimi 50 anni, avete sempre e solo chiacchierato gettando fumo negli occhi perchè la volontà di affrontare il problema, alla fine non ce l’avete…

RISPONDI