Giovedì prende il via EticaFestival, con un appuntamento dedicato a Guareschi

0

Da giovedì 29 settembre prende il via la prima edizione di EticaFestival, “Testimoni, memorie, idee per il bene comune” organizzato da Fondazione Provincia di Brescia Eventi: un festival che animerà fino al 2 dicembre la provincia di Brescia attraverso incontri, spettacoli teatrali, dialoghi e convegni che indagheranno il tema dell’etica in modo trasversale e multidisciplinare, con una particolare attenzione all’aspetto della responsabilità personale, della costruzione del bene comune e della gestione della libertà nel rispetto degli altri.

Un cartellone ricco, stimolante, aperto all’approfondimento e al confronto, che si articola in 19 tappe che andranno a toccare altrettanti punti della provincia di Brescia, dalla Valle Camonica alla Valtenesi, dalla Bassa alla Valle Sabbia: a questo progetto hanno infatti aderito 10 comuni (Calcinato, Concesio, Cedegolo, Marcheno, Odolo, Palazzolo sull’Oglio, Pisogne, Sabbio Chiese, Vestone e Villanuova sul Clisi), 2 fondazioni (Fondazione della Comunità Bresciana Onlus e Fondazione ASM), Comunità Montana Valle Sabbia, Accademia di Belle Arti Santa Giulia e le Associazioni Libera, Castello di Padernello, Viva Valtenesi, oltre a partners pubblici e privati.

Tema del primo incontro, che si terrà al teatro Sancarlino giovedì 29 settembre alle ore 20,30, “Lo zen e l’etica del confronto politico nell’opera di Giovanni Guareschi”: tema attuale, in un momento in cui lo scambio di opinioni politiche si trasforma spesso in rissa senza regole.

L’ Abate di Fudenji, Fausto Taiten Guareschi, e l’attrice Lucilla Giagnoni ripartono dall’opera di Guareschi, dai primi testi popolari dello scrittore italiano più tradotto nel mondo, per confrontarsi su come si debba considerare un antagonista politico e come si possa, con la reciproca stima, dialogare con lui anche nei confronti più accesi per la ricerca del bene comune.

Fausto Taiten Guareschi è nato a Fidenza nel 1949, poco più che adolescente intraprende la pratica e lo studio delle arti marziali e in particolare del Jūdō, dove raccoglie soddisfacenti risultati, prima come agonista e poi come insegnante, fondando il Kyu Shin Dō Kai, Scuola Superiore di Arti Marziali a Fidenza (nel 1974). Nel 1984, fonda il Tempio e Monastero di Fudenji, centro di spiritualità e cultura, crocevia di dialogo e confronto con la cultura religiosa, filosofica e scientifica contemporanea, di cui è secondo Abate dalla fine del 2004. Pubblica diversi libri con Il Cerchio (Rimini) e con Casadeilibri (Padova): il più recente è Fatti di fuoco (2015).

Lucilla Giagnoni è nata a Firenze il 4 ottobre 1964 è un’attrice e autrice di teatro, cinema, televisione e radio italiana. Ha frequentato negli anni ottanta la Bottega di Vittorio Gassman a Firenze dove, oltre allo stesso Gassman, ha incontrato e lavorato con grandi personaggi come Paolo Giuranna e Jeanne Moreau. Dal 1985 al 2002 lavora e collabora all’attività del Teatro Settimo, compagnia teatrale torinese diretta da Gabriele Vacis, partecipando alla creazione di quasi tutti gli spettacoli prodotti dal teatro stesso. Dopo anni di teatro e importanti collaborazioni si dedica alla creazione e produzione dei propri spettacoli. Da più anni è impegnata in attività didattica e di formazione per ragazzi e adulti.

I tamburi del Tempio Fudenji. I tamburi della tradizione giapponese, chiamati Taiko, hanno un suono intenso e avvolgente, in grado di riportare immediatamente al palpitare del proprio cuore, ma ancor più intensamente al primo suono che ci accompagna nel venire al mondo: il pulsare del cuore della propria madre. Suonare e ascoltare il Taiko significa, quindi, entrare in armonia con se stessi e percepire la sensazione di far parte del Tutto. Il Fudentaiko è stato fondato nell’estate del 2012 da Fausto Taiten Guareschi, abate del monastero zen Soto Shobozan Fudenji, e Thomas Shuichi Kurai, abate del Monastero zen Soto Sozenji a Montebello, Los Angeles, fondatore del Taiko Center di Los Angeles.

Per info: www.fondazioneprovinciadibresciaeventi.it  

Comments

comments

LEAVE A REPLY