Brescia razzista? Forse Raiola non ha tutti i torti

0

di Malaparte – Brescia è una città razzista? Ad affermarlo è stato – in un’intervista al Giornale – il procuratore di Balotelli, Mino Raiola, secondo cui Mario avrebbe potuto vincere cinque palloni d’oro se non fosse nato nella Leonessa.

Viene difficile pensarlo, visto quanto mostrato sul campo dall’esuberante calciatore. Ma le parole di Raiola hanno infiammato il dibattito on line e quello politico, con dure prese di posizione. A chiedere le scuse è stata per prima l’assessore regionale Viviana Beccalossi (Fdi), ma qualcuno ha invocato perfino una discesa in campo degli avvocati di Palazzo Loggia per sanare l’affronto.

Di certo Brescia non è una città razzista. Al di là di qualche estremismo (compreso quello dell’antirazzismo militante), infatti, Brescia rimane una città accogliente, in cui si respira ad ogni angolo la presenza di un forte e stabile welfare cattolico, frutto di una lunga tradizione socio-culturale. Però…

Però Raiola non ha tutti tutti i torti. E per capirlo basta leggere i commenti alla prima notizia pubblicata da BsNews.it su Facebook. Un centinaio sono gli utenti che hanno voluto dire la loro, e in gran parte si tratta di bresciani che rispondono per le rime all’offesa del procuratore di Balotelli. Ma, spulciando tra gli interventi, se ne trovano diversi – tutti con nome e cognome – che si dichiarano con fierezza razzisti o se la prendono con “negri”, “senghen”, terroni e zingari.

Complessivamente i commenti razzisti sono 15. Pochi? Non pochi, il 15 per cento. Un numero che non dà ragione a Raiola, ma che dovrebbe farci pensare.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. non per giustificare il 15% citato, ma…………..perc hè non ci si chiede il perchè di questo dato? non credo sia costituito da tutti fetenti razzisti magari il 90% di questo famoso 15 è solo gente stufa

  2. sì, ma saranno anche stanchi…. ma rispondere a una stupidata insultano le persone di colore è segno di razzismo becero e strisciante…. non li possiamo giustificare…

  3. Questa statistica mi fa pensare…mi fa pensare che forse il 15% della gente si è stancata di come stanno andando le cose…economicament e e non!

  4. Chiaramente non è un dato statistico, ma è un dato che dà da pensare: 15 commenti razzisti su 100 non sono pochi…. Raiola ha torto, ma nel Bresciano c’è una minoranza sostanziosa che può essere tranquillamente definita razzista.

  5. Capire come sono gli abitanti di una città dai commenti di Facebook o di BSnews è come credere di essere intelligenti perché si ha il poster di Einstein in camera….
    Ma tutto sommato una cosa la si può dire di certo, che se gli opinionisti, gli intellettuali credono a quel che leggono su FB forse lì sta la ragione di molti problemi della nostra società

  6. Continuando a scaricare questa gente addosso ai poveri, nei quartieri piu’ problematici, sottraendo risorse e lavoro a chi di noi ne ha bisogno, non si fa altro che alimentare queste forme di rifiuto. Poi ci si sorprende di un 15%? A me sembra troppo poco….

  7. Che scatole con kuesto buonismo/pietismo… Il pensiero univoco che si vuole imporre è alla stregua del tanto da voi odiato fascismo, mettevelo bene in testa!

  8. A me pare che il segnale sia evidente: quasi tutti sno su Facebook e se su 100 persone 15 scrivono cose razziste un allarme c’è…

  9. BRESCIA,..si città semirazzista e pure accogliente,una città ricca ke si sta impoverendo,causa la crisi,ed il malgoverno della giunta DEL BONO,..tanti spazi nn utilizzati x ospitare rifugiati e migranti,tante parole sulla sicurezza,e poi se si gira di sera se ne vedono di tti i colori,così la gente nn sopporta più l’invadenza dello straniero,..!!Dovreb be far riflettere i ben pensanti di cosa succede in città.In quanto al Sig. RAIOLA ed il suo pupillo BALOTELLI,gli rammenti quante BUFFONATE e parole a vanvera ha detto e combinato,..!!Quacos a di razzismo se lo è tirato addosso,..!! SALUTI

  10. Poi ci sono quelli che insultano, perchè (autodefinitisi) depositari della verità assoluta. Forti loro: si basano sul campione statistico degli Ultras Brescia iscritti a FB…

  11. la gente ma quali, confondere account (spesso falsi) con le persone (gente dice lei) è da pazzi. Fare commenti stupidi su FB è normale, un fenomeno chiamato troll. Credere a facebook è come vincere a monopoli e credere di essere ricco. Attenzione! Non le dice nulla che il 90% delle notizie che girano li sono false? (non che sui giornali sia diverso ehh)
    O crede che il famoso ponte sull’Oresund sia stato costruito da italiani (bufala) oppure la madre che mangia il proprio figlio (bufala). Lo stesso per quelle c……e scritte proprio per fare casino

  12. Ah solo il 15% pensavo di più e sono di più
    Quanta gente non può passeggiare la sera liberamente in Stazione Corso Garibaldi parchi vari Via Milano Brescia è diventata razzista ma al contrario i bresciani non più padroni dei loro spazi invasi da extracomunitari
    Gra zie politicanti rossi e neri

  13. Diciamo che Brescia non è razzista. Sono i governanti sinistri e la cgil che impongono politiche razziste contro i cittadini bresciani predilegendo e tutelando gli stranieri. Quindi è il potere bresciano ad essere razzista.

  14. La canea razzista grugnisce quando un non-italiano commette un reato. Tace quando i pedofili, i pedopornografici, gli spacciatori di droga( nei bar ), gli stupratori di bambini e bambine, magari anche pagandoli, sono italiani e bresciani.

  15. X NO RAZZISMO. Sbagliato. Da sempre affermo che la categoria che critico spesso commette queste bassezze, con la complicita’ dei superiori. E noi, con l’8 per mille li manteniamo. E il signore, difendendo gli stranieri, difende anche il clero che naturalmente e’ dalla parte degli stranieri, oltre che x sfruttarli, anche x fare le cose che il signore attribuisce ai bresciani.

  16. e pwer le parole di sto tizio,che fara’ bene il suo mestiere di procuratore,c’e’ bisogno di accendere una canea’brescia citta’ razzista’certo coi lavativi e i delinquenti di ogni razza e colore,primo tra i quali il suo pupillo,che ha sempre fatto lo gnorri paraculandosi col fatto di essere nero.io non son bresciano,ma qui mi han accolto bene,ed integrato,perche son venuto qui con umilta’ e voglia di sacrificio….e’ normale che se arrivi,pretendo tutto e non dando niente in cambio ti mandiano direttamente dove il Sordi raccomandava,avendoc i l’amico sindaco

LEAVE A REPLY